Perchè il 2016 è l’anno dell’esplosione di oro, argento e materie prime e come leggere nel futuro con le 4 fasi del ciclo di Kondratieff

ciclo-di-kondratieff

Giovedì 03 Dicembre 2015, Tropici.

Un piccolo traghetto sta attraversando il mare delle Andamane. Un mare che si trova a sud della Birmania e ad ovest della Thailandia e che fa parte dell’Oceano Indiano.

Fuori dal finestrino si scorgono alcune delle isole più belle del mondo.

Il mare è cristallino. Un meraviglioso miscuglio di verde e di azzurro in cui i pesci sembrano sguazzare felici come dei bambini che hanno appena messo le mani nella cioccolata.

In leggera lontananza si vedono delle spiagge di un colore molto chiaro.
Così chiaro che a tratti sembrano diventare un tutt’uno con la luce del Sole.

Osservo in silenzio e provo a scattare ogni fotogramma con i miei occhi.

Voglio conservare questi ricordi nel posto più profondo.
Lì dove sono sicuro che potrò portarli per sempre con me.

Seduto accanto a me c’è un giovane ragazzo di 23 anni, di Nuova Delhi, India.
Ci siamo conosciuti mentre il bus ci accompagnava dalla stazione alla città di Krabi.

A 23 anni gira il mondo per lavoro. Le sue competenze tecnologiche vanno oltre a ciò che per me fa parte del mondo del comprensibile.

Mi volto nuovamente verso il finestrino.
Un raggio di luce mi colpisce in volto e faccio fatica a guardare fuori.

Cosa ci faccio in questo posto, ad oltre 8.000km da casa?

Mio Dio quanto corre veloce l’umanità.

Questo inverno di Kondratieff ha già cambiato tutto. Questo non è lo stesso posto in cui hanno vissuto la loro infanzia mia madre e mio padre.

Nel 1925 il Dott. Nikolai Kondratieff portò all’attenzione mediatica i più importanti cicli economici che aveva individuato nella sua analisi dei mercati finanziari.

Da quel momento il mondo ha conosciuto il ciclo di Kondratieff, un ciclo che divide le fasi dell’attività umana (e dunque le fasi economiche) in 4 differenti periodi.

Kondratieff chiamò questi periodi come le 4 stagioni:
primavera, estate, autunno ed inverno.

4-fasi-ciclo-kondratieff

Studiando gli ultimi 850 anni del ciclo di Kondratieff ho notato che ci troviamo verso la parte finale di uno dei cicli più lunghi della sua storia.

Oggi questo ciclo sta infatti girando intorno ai 70/75 anni.
La sua media storica è invece di circa 54 anni.

Un ciclo di Kondratieff che si completa da cima a fondo, è composto dalle 4 stagioni: primavera, estate, autunno e inverno.

Da un punto di vista sociale, un ciclo di Kondratieff è quasi rappresentativo della vita media di un essere umano. Questo significa che con ogni probabilità ognuno di noi vivrà nella sua vita una sola primavera, una sola estate, un solo autunno ed un unico inverno (perlomeno in fase post-adolescenziale).

Oggi ci troviamo nella fase che lui chiamava inverno. Una fase iniziata nel 2000 e che è appena entrato nel vivo della sua parte finale.

L’inverno giungerà a termine al massimo entro i prossimi 4/5 anni, dopodichè i nati prima del 1990 si sentiranno con tutti e due i piedi nel nuovo mondo.

Questo è come uno tsunami che cambia da cima a fondo la società in cui viviamo.

E’ un cambiamento duro ma positivo perchè lo tsunami fà pulizia di tutto ciò che non funziona più (o tutto ciò che è semplicemente divenuto poco efficiente).

Insomma, durante l’inverno di Kondratieff l’economia e la società vengono rivoluzionate.

Ciò che non era meritevole, viene risucchiato dalle onde.
Ciò che è meritevole, resta in piedi e diventa molto più forte di prima.
E’ la Legge della natura. Perlomeno è la Legge che permette l’evoluzione.

L’attuale fase dell’inverno di Kondratieff è iniziata tra la fine del 1999 e il 2000.
Da qualche mese siamo entrati nel vivo della fase finale di questo inverno.

La fase finale di ogni stagione è quella più forte.

Le stagioni più difficili (ma più produttive) per l’umanità sono l’estate e l’inverno.
Sono produttive perchè sono le stagioni in cui si verificano i più grandi cambiamenti evolutivi.

Le stagioni più facili per l’umanità sono la primavera e l’autunno. Sono le stagioni in cui l’umanità gode dell’opera di pulizia e rinnovamento avvenuta durante le precedenti stagioni.

felicità-umana-durante-kondratieff

Lasciami ripetere questo importante concetto.

L’attuale fase dell’inverno di Kondratieff è iniziata tra la fine del 1999 e il 2000. Da qualche mese siamo entrati nel vivo della fase finale di questo inverno.

La fase finale di ogni stagione è quella più forte.

E’ la fase in cui gli ultimi nodi vengono al pettine.
La pulizia finale. Quella più profonda.

E siccome l’inverno di Kondratieff corrisponde ad una fase di forte deflazione, ciò in cui abbiamo messo mani e piedi da qualche mese è il peggior giro di deflazione che l’umanità abbia mai vissuto da 100 anni a questa parte.

Comprendere lo scenario politico, sociale ed economico in cui stiamo vivendo è la sola cosa che potrà salvarti dall’opera di pulizia dello tsunami.

Per questo motivo presta particolare attenzione al prosieguo di questo articolo.

Europa, Giappone ed America hanno davanti a loro la più grande bolla finanziaria degli ultimi 70 anni. Mi riferisco alla bolla del debito.

I titoli di Stato di questi paesi sono pura carta straccia e prima o dopo gli investitori dovranno fare i conti con la nuova realtà.

Ecco perchè in GAME OVER sui titoli di Stato ho scritto di vendere i titoli di Stato e di non voltarti mai più indietro.

Capiamoci.

Non siamo ancora entrati in una fase di accelerazione degli eventi e per ora i titoli di Stato provano a tenere botta. Ma presto questa fase di accelerazione prenderà vita e tu inizierai a contabilizzare enormi perdite sui tuoi titoli di Stato.

Se non basta provo ad essere più chiaro.

Il potenziale rendimento che puoi ottenere nel breve termine (continuando ad investire in questi titoli) semplicemente non giustifica il rischio che ti stai accollando nel detenere merda finanziaria nel tuo portafoglio.

Ma ritorniamo al ciclo di Kondratieff.
A questo punto potresti chiederti:

Quali sono i caratteri distintivi di questa fase finale dell’inverno di Kondratieff? Cosa posso aspettarmi dall’immediato futuro?

I governanti cercheranno fino all’ultimo di tenere in piedi la nave.
Per ottenere questo risultato:

  • aumenteranno il carico fiscale (più tasse).
  • se necessario porteranno i tassi di interesse sotto lo zero. Questo significa che devi pagare tu un interesse alla tua banca se vuoi continuare a tenere i soldi depositati sul conto corrente (il loro obiettivo è di farti spendere il denaro per far girare l’economia).
  • aumenteranno il controllo e le ingerenze nella tua vita personale. Vorranno sapere come spendi ogni Euro.
  • ti forzeranno a passare al denaro elettronico per abolire i contanti. In questo modo potranno tracciarti meglio e incassare più tasse (il passaggio è già in corso ed avverrà con le criptovalute).
  • faranno campagne di marketing per farti credere che intorno a te sono tutti evasori e che tu sei il solo stupido che paga le tasse. Ti metteranno contro i tuoi fratelli e sarai tu stesso a chiedere la loro testa.
  • limiteranno la libera circolazione delle persone fra i vari paesi (questo sarà scatenato dai prossimi attentati terroristici in Europa).

Dunque: aumento della tassazione, limitazione delle libertà e dei diritti individuali, restrizioni alla circolazione dei capitali, restrizioni alla circolazione delle persone…

…sono questi gli ingredienti principali del gelido inverno di Kondratieff.

E forse adesso cominci a capire perchè credo che per i prossimi 3 anni l’Europa non sarà esattamente il posto più sicuro in cui vivere…

Si. C’è una sfida davanti ad ognuno di noi.
Forse una sfida più dura rispetto a molte altre sfide del recente passato.

Ma è proprio per questo che davanti a noi ci sono delle grandi opportunità (perchè quando si amplificano i rischi si amplificano anche le opportunità).

Sei tu a decidere da che parte stare. Puoi soffermarti sul pericolo e puoi creare una realtà nuova e migliore.

Direi che sei decisamente artefice del tuo destino.

Lunedì 7 Dicembre 2015, cosa mi succede?

Sono passati 26 giorni da quando ho lasciato l’Italia.
Non so bene cosa mi succede. E’ tutto così strano.

Lunedì scorso ho pianto. Ho pianto tanto.
Come un cretino sotto la doccia.

Il mio caro amico non c’era più.
Era tornato alla realtà.

Ho conosciuto Amit mentre il bus mi accompagnava dalla stazione alla città di Krabi.

Insieme abbiamo condiviso una settimana. Solo 7 miseri giorni. Eppure son bastati per sentire il vuoto quando lui è tornato a casa. In Nuova Delhi.

Fuori ci sono 32 gradi ma un’acqua bollente che viene giù dalla doccia continua a rimbalzarmi sulla schiena. Credo ci siano poche cose così rilassanti come una bella doccia d’acqua calda.

In un attimo il mio pensiero va ad Amit.
E scoppio a piangere come un bambino.

A volte tutto è così assurdo. Ho condiviso una delle settimane più belle della mia vita insieme ad Amit ed ora ero già solo.

Con lui mi sono rotolato su spiagge bianche in isole che non riuscivo ad immaginare nemmeno nei miei sogni più ambiziosi, ho condiviso cibo e bottiglie d’acqua come se fosse il mio più caro amico, quello che conosci da una vita.

E’ proprio questa la sensazione che ho avuto.
Quel ragazzo mi sembrava di conoscerlo da molto tempo.

Mi ha raccontato della sua terra. Mi ha parlato dell’India.
Mi sono immerso mani e piedi nel suo mondo quando mi ha spiegato che in India la gran parte dei matrimoni sono decisi dalle famiglie degli sposi.

Spesso i promessi sposi hanno la possibilità di conoscersi per un giorno o due, e poi vengono immediatamente catapultati nei lunghi festeggiamenti del matrimonio.

Eravamo in un ristorante Indiano ad AoNang Beach.
Uno di quelli ben recensiti da TripAdvisor.

Mentre assaggiavo del cibo piccantissimo che Amit mi aveva consigliato (avevo dimenticato di dirgli che ODIO il piccante), e mentre mi scolavo una bottiglia d’acqua con le lacrime agli occhi, ricordo di aver pensato che il mondo è davvero un posto meraviglioso.

In occidente oggi è impensabile sposare una persona dopo averla conosciuta appena un giorno prima (e tra l’altro una persona che hanno scelto i tuoi genitori).

No, non puoi ribellarti. A meno che non decidi di abbandonare per sempre la tua famiglia.

Amit mi parlava con una mentalità così aperta che sembrava non venire dal mondo che mi stava raccontando.

Del resto lui è una nuova leva. Un ragazzo di 23 anni che per lavoro ha già girato e vissuto in diversi paesi del mondo.

Era sicuro. Mi disse che in India le cose stavano cambiando velocemente.
E’ in atto un’occidentalizzazione.

Molti genitori iniziano a capire che il forte rigore della loro religione gli sta portando via figli che non accettano di sottostare a quell’ordine.

E fino a quando le famiglie erano composte da 4-5 figli come accadeva 20-30 anni fa, i genitori potevano permettersi di sacrificare qualche figlio e di lasciarlo andare.

Ma ora che in famiglia ci sono mediamente 1-2 figli, i genitori rischiano seriamente di restare soli a vita.

Ma il motivo della tendenza a questa apertura mentale potrebbe essere dettato anche da altri fattori, fra cui il semplice fatto che ci stiamo allineando.

Verrà un giorno in cui le grandi differenze fra i vari popoli si saranno assottigliate quasi come a scomparire.

Da quest’altro lato del mondo, in Oriente, si respira un’aria che sa di Europa anni 50′-60′.

Mentre riflettevo sui grandi cambiamenti della nostra epoca, sotto la doccia prendevo coscienza del fatto che probabilmente non avrei mai più rivisto Amit.

Era come se fosse andato via per sempre.

Fino al giorno prima condividevo tutta la giornata con lui. Ora era completamente scomparso dalla mia vita.

Certo, pensare che fosse vivo mi rincuorava.
Ma egoisticamente sapevo che era già uscito dalla mia vita. Forse per sempre.

Ho pensato che quella deve essere la stessa sensazione che si prova quando si perde una persona cara. Del resto vivo o morto per me non cambiava nulla. Non avrei più condiviso attimi di vita insieme con lui.

Le lacrime si mescolavano con l’acqua bollente…

Sabato 12 Dicembre 2015, l’inverno più caldo della mia vita.

Vedo una piccola insenatura.
Mi ci infilo con il motorino.

Una discesa di 70 metri mi apre le porte al Paradiso.
Una piccola spiaggia incastrata in mezzo alla vegetazione.

thailand-island

Palme di cocco. Di quelli veri.
Niente a che vedere con quelli che vendono a caro prezzo sulle spiagge Italiane.

Un mare limpido che si trasformerà in cristallino dal mese di Gennaio, quando finisce il periodo dei monsoni e le acque si rilassano.

Ma sopratutto, una spiaggia non attaccata dai turisti.

Qui non si è ancora sparsa la voce. Alle 3 del pomeriggio conto meno di 10 teste distese sulla sabbia.

Le agenzie mandano i turisti su una spiaggia vicina. E’ una spiaggia molto bella ma credo che non abbia nulla a che vedere con questo piccolo angolo di Paradiso.

Sono egoista. Ho deciso che lo terrò per me per ritornare ogni volta che ne sentirò il bisogno. Ci sono cose nella vita che è meglio non condividere.

Mi siedo al tavolino dell’unico bar della spiaggia.
Ordino un frullato di banana e mango ed apro il Mac.

Molti investitori non vedono potenzialità nel mercato di oggi. Qualcuno si domanda da dove possano arrivare le prossime opportunità sui mercati.

Dal mio punto di vista la risposta è limpida se studiamo la storia.

Siamo entrati nella fase finale dell’inverno di Kondratieff.
Mio Dio questo è terreno fertile per i metalli preziosi.

Dopo oltre 4 anni di ribasso, oro e argento sono pronti a ripartire per fare l’ultima grande gamba rialzista e per andare quindi a chiudere il rialzo sul loro Ciclo Generazionale (ciclo iniziato tra fine 1999 e 2000).

E’ il rialzo che fanno durante tutti gli inverni di Kondratieff.
Sarà così ancora una volta.

Le azioni attendono una lavata di faccia che gli permetta di recuperare valore e generare nuove opportunità. In questa area di investimento il gioco si fa molto interessante perchè la Primavera di Kondratieff è campo comandato dalle azioni.

In termini nominali il 2009 ha segnato il minimo storico. Definitivo.
Nessun ribasso potrà portare i mercati azionari sotto quel livello.
A meno che non stiamo per vivere la fine del mondo. In senso letterale.

Ma in termini reali?

Per quanto le azioni stiano per andarsi a prendere un minimo storico dal quale darsi lo slancio per il rialzo che faranno durante la Primavera di Kondratieff, la storia continua a segnalarci che da qui ai prossimi 3/5 anni (e cioè fino a quando non si sarà definitivamente chiuso l’inverno di Kondratieff) i metalli preziosi continueranno a performare meglio delle azioni.

Proprio come hanno fatto dal 2000 (nonostante la pausa degli ultimi 4 anni).

Ti rivelo un segreto.

Se desideri avere un quadro realmente chiaro di qual’è l’area di investimento più performante in un determinato periodo storico, confronta i rendimenti delle varie aree di investimento prendendo come riferimento il momento in cui è iniziata la stagione di Kondratieff in corso.

Questa è la via più sincera con cui comprendere il reale valore che i mercati finanziari stanno offrendo nell’epoca che stai analizzando.

E cosa dire delle materie prime?

Che fantastica area di investimento oggi è questa.
Qui c’è un altro mega-treno in partenza.
Un altro treno che nel 2016 andrà più veloce delle azioni.

Questo fine 2015 sta preparando i mercati a nuovi grandi movimenti di medio-lungo termine.

Il valore nel 2016 deriverà dai metalli preziosi e dalle materie prime. E questo non avverrà per lo scoppio della mega-inflazione che tutti aspettano. Non è ancora arrivato il momento per quello.

Chi pensa che l’oro debba salire solo quando c’è inflazione è dolorosamente privo di una conoscenza fondamentale su questo mercato.

E’ come camminare con una sola gamba.
Oppure come guardare un solo lato della medaglia.

Invece l’oro ha una doppia funzione.

E’ protezione dalle fasi di FORTE inflazione (non di leggera inflazione) ed è bene rifugio durante le fasi di FORTE deflazione (non di leggera deflazione).

Noi siamo nella fase di FORTE deflazione e per questo motivo l’oro performerà al rialzo come bene rifugio dal crack del debito in arrivo.

Gli investitori spingeranno al rialzo i prezzi di oro, argento e materie prime perchè ripudieranno il debito degli Stati e vorranno mettere il loro denaro in beni reali.

Entrambe queste aree di investimento stanno ricercando il loro minimo definitivo.

Occhi aperti e mani pronte. Questo è uno di quei momenti in cui tutto ciò che desideri è avere denaro da investire. Non bloccare il tuo denaro in stupidi investimenti con basso rischio/rendimento.

Attendi il momento giusto e probabilmente da qui ai primi 3 mesi del 2016 potrai sparare colpi con cui vivere di rendita per i prossimi 2-3 anni.

io e Amitps. Io e Amit appena tornati dalle Phi Phi Islands e 5 minuti prima di salutarci per un tempo indefinito.

Grazie per il bel tempo passato insieme. Spero di reincontrarti presto. Good luck my friend.

Scopri come investire in oro e argento fisico per cavalcare il grande mega-trend in partenza nel 2016. Scarica da qui il videoseminario gratuito che ho preparato per te.

 

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Roy Reale

L'intera storia della scienza è stata una graduale presa di coscienza del fatto che gli eventi non accadono in un modo arbitrario ma che riflettono un certo ordine sottostante. E' mia ferma convinzione che questo ordine sia presente anche nei mercati finanziari. Ciò che mi muove sono la sete di verità e la voglia di andare a fondo nell'approfondire il codice che dà ordine ai mercati.

24 COMMENTI

  1. Buongiorno Roy. Articolo molto interessante (ti seguo da tempo). Non sono sicuro di avere compreso bene la tua visione. Dici che da qui ai prossimi 3-5 anni (fase finale dell’inverno di Kondratieff) metalli prezioni e materie prime performeranno meglio delle azioni. Quindi dici che le azioni stanno andando verso un minimo storico per poi ripartire di qui a 5 anni (primavera di Kondratieff)?
    Ossia: vedi il mercato azionario sempre più in calo per i prossimi anni? e un mercato materie prime e metalli preziosi in rapida crescita?
    grazie

    • Diego la confusione nasce dall’abitudine di ragionare su valori nominali.

      Il mondo finanziario ci influenza costantemente per farci ragionare in termini nominali, facendoci perdere di vista la sola cosa che conta: il potere d’acquisto (cioè i valori reali).

      Mi spiego.

      Ho detto che le azioni si prenderanno una lavata di faccia per toccare un minimo dal quale ripartire per un nuovo lungo trend rialzista. Ma non ho detto che quel minimo segnerà obbligatoriamente l’inizio della Primavera di Kondratieff.

      Nella Primavera di Kondratieff le azioni non dovranno salire solo in termini nominali ma dovranno anche apprezzarsi nei confronti dell’oro, delle obbligazioni e degli immobili.

      Per quel che riguarda le materie prime al momento i dati di cui dispongono mi stanno comunicando una grande probabilità di sovraperformare l’asset azionaria nel 2016. Probabilmente anche 2017 e 2018 ma per questo dovrò riaggiornare i miei studi al momento opportuno.

      Ribadisco: nel 2016 le opportunità sono da ricercare nei comparti delle materie prime e dei metalli preziosi.

      Per approfondire l’argomento, questo articolo è un MUST:
      https://deshgold.com/7-segreti-degli-investimenti

      • Grazie Roy. La mia domanda nasce dal fatto che ho qualche risparmio investito su diversi fondi azionari. Dopo un primo rialzo ad inizio estate 2015, il mercato azionario è poi sceso “parecchio”. Quindi mi chiedevo se era il caso i rimanere aspettando con calma una ripresa, o se forse era meglio andarsene per limitare i danni, ed eventualmente investire in altri asset. Qual è la tua opinione?

        • Diego più che un’opinione posso dirti ciò che rilevo dai dati di cui dispongo oggi.

          A meno di cambiamenti importanti, il mercato azionario ha buone probabilità di non aver ancora preso la “lavata di faccia” di cui parlo in questo articolo.

          Si tratta di un ribasso che sarà perlomeno del -20% (ma probabilmente molto più).

          Se l’azionario dovesse vivere una fase di forte spinta rialzista da qui ai prossimi 4/5 mesi, è probabile che saremmo dinanzi ad un palese eccesso destinato a rientrare presto.

          • Ciao Roy,ma quanto detto per i titoli di stato vale anche per i buoni fruttiferi o c’è differenza?

          • Stessa pasta Francesco.

  2. Ciao Roy,
    io sono quello che per sua ammissione non capisce un cavolo (ma ha comprato un pò d’oro e un pò d’argento) di cicli, di grafici e quant’altro. Tant’è che mi sono trovato a comprare a prezzi esagerati dal 2012 in qua. E anche di recente ho fatto un piccolo acquisto e subito dopo i prezzi si sono ovviamente riabbassati… Hai la possibilità di dirciche minimi ci possiamo aspettare nei prossimi mesi, giusto per ottimizzare un pò l’investimento? E magari che segnali dobbiamo tenere d’occhio. Può essere conveniente comprare già da adesso o aspettare ancora?
    Grazie 1000 Roy!
    Claudio
    p.s.
    buona continuazione del viaggio!

  3. clap clap clap…

    🙂

  4. caro gennaro , ho guardato e ascoltato l’ultimo tuo articolo su deshmember .
    ovviamente è interessante ma non parla degli aspetti negativi
    o fastidiosi che possono essere presenti nell’investimento
    in oro fisico .
    sarebbe completo il quadro con un altro tuo articolo dove, a parte
    il nero su piccole monete , fossero illustrate a grandi linee le
    negatività possibili in una situazione in chiaro con bonifici , rivendita
    parziale , vessazioni forzate , tasse , multe ,in un mercato
    dell’oro fisico moltiplicato per nove .
    a grandi linee generali , senza bisogno di appuntamenti con
    professionisti , considerando una operazione assolutamente
    regolare da parte del soggetto che investe .
    ma forse irregolare da parte dello stato e delle banche .
    io trovo che un tuo articolo a completamento sarebbe necessario.
    considerato che l’oro finanziario e gli etf sulle miniere
    fino alla moltiplicazione per due , se non per tre , dei soldi
    funzionano regolarmente con un clik e tasse già pagate .
    scusami se tento di fare l’avvocato del diavolo io
    parlo come mangio e non so mentire .
    sono tuo amico e ti ringrazio . marcello –

    • Marcello per quel che riguarda i rischi dell’investimento in oro (sia fisico che finanziario) ho scritto già vari articoli che trovi nella categoria ORO FISICO di questo blog.

      Non credo però di aver ben compreso il problema a cui fai riferimento in questo commento.

      L’oro fisico, come sappiamo, presenta una barriera all’ingresso più alta dell’oro finanziario. Ma si tratta a tutti gli effetti di due investimenti che presentano rischi e benefici differenti.

      Per quanto mi riguarda, dato il periodo storico che stiamo vivendo (e date le mie esigenze di investimento), prediligo di gran lunga il fisico rispetto al finanziario.

      • carissimo gennaro , ma certo che l’oro fisico è qualcosa di diverso e di
        superiore al cartaceo ma una volta che si parla di
        una moltiplicazione per nove del suo valore io devo
        anche immaginare che anche la situazione mondiale sia
        diventata altrettanto tesa .
        mi viene da pensare che mi obbligheranno a un LORO
        prezzo , a LORO valute e a chissà che altro , se ho
        agito in chiaro .
        se invece sarò in nero e qualcuno mi denuncerà , LORO
        mi si faranno a macchina .
        questi pensieri mi vengono da mie conclusioni nate dalle
        note sparse che ho trovato quì e che io ho poi assemblato
        nel mio vecchio cervello .
        non mi dispiacerebbe invece , come ho già scritto , un
        articoletto professionistico su queste cose .
        ti ringrazio per aver risposto al mio , riconosco , strano scritto
        e ti faccio i miei migliori auguri . . marcello .

  5. Ciao Roy
    visto il rialzo dei tassi di interesse la settimana scorsa e con il petrolio a 35dollari ma la sostanziale tenuta di argento e oro ritieni ancora che l’oro toccherà i 1000 dollari e l’argento i 13,50 o si potrebbe pensare che i prezzi attuali siano un minimo da cui ripartire ?? Grazie Roy .Buon Natale!
    Simone

    • Il doppio minimo delle ultime settimane è interessante Simone ma in questo momento tutto ciò che possiamo fare sono supposizioni non supportate da solide indicazioni statistiche.

      Per avere la conferma definitiva della ripartenza dei metalli preziosi bisognerà attendere l’impostazione di un buon trend rialzista condito con la rottura di alcuni livelli importanti.

      Detto questo, siamo oramai alle soglie del 2016 e i tempi iniziano ad esser maturi per il minimo storico di oro e argento.

      Ecco perchè, se ti piace provare ad anticipare (con tutti i rischi/benefici che questo comporta) sopra il massimo del 16 Dicembre potrebbe essere un buon momento per provare il long.

  6. Ciao,
    sono uno che investe in oro dal 2012 ed ad oggi sono ampliamente in negativo se consideriamo il potere d’acquisto investito.
    Inpiù se vediamo che le previsioni sono di un oro a 800 dollari/oncia … spero che il 2016 sia l’anno almeno della “parità”, ma che tempi realisticamente possiamo aspettarci?
    alcuni consulenti di mia conoscenza mi dicono che per vedere l’oro al potere d’acquisto di 5-6 anni fa dovremmo aspettare almeno altri 12-15 anni.
    attendo commento grazie, vi seguo con molta simpatia

    • Giorgio lascia che siano gli anni 2016 e 2017 a darti la risposta che cerchi. Per il 2016 manca poco. Solo un altro pò di pazienza.

    • I mercati azionari devono finire l’onda 5 al rialzo di questo lungo cammino dal 2009 e tutto ciò finirà nel 2016 con molta probabilità entro l’estate più o meno con massimi al di sopra dei recenti (io dico di poco a meno che la 5 non diventi failure), da lì o poco oltre partirà un lungo e devastante ribasso stile primi anni ’70 con picco finale al ribasso entro il 2021 (se guardate le tre montagne degli anni 60/70 sono la ripetizione di ora), questo ribasso apocalittico non sarà altro che un’onda 4 secolare di più ampia portata che riporterà i mercati azionari a livello minimo del 2008 (sto parlano come riferimento di Wall Street), sarà quella fase che ripulirà il mondo dai debiti, quell’inverno di Kondratieff descritto sopra, il redde rationem, corrisponderà all’avvento del nuovo mondo Euroasiatico e fine del dominio americano che verrà relegato a semplice stato.

      L’Oro ha quasi finito questa onda 4 al ribasso di lungo periodo (o forse è già finità ma con i tempi concordo) e poi partirà la 5 al rialzo, non c’è bisogno di investire in oro e argento fisico con tutte le problematiche del caso, basta comprare titoli legati a questi metalli.

      Sulle materie prime occhio al petrolio, l’era del petrolio è finita, quello che sta succedendo nel mondo è il primo sintomo, il gas sarà l’energia principale di questo nuovo mondo Euroasiatico ed energie alternative che nella nuova primavera di Kondratieff la faranno da padrone, ma se ne riparla dopo il 2021 anche se già ora qualcosa si intravede

      • Grazie per il tuo commento Mario che credo abbia aggiunto grandissimo valore alla discussione.

        Oltre ad Elliott c’è anche altro su cui concentri le tue ricerche?

        • Su notizie geopolitiche non disponibili a tutti, Elliot è solo un condimento che segue queste manovre globali.

      • Speriamo solo che il passaggio dello scetro da America a Eurasia avvenga senza guerre galattiche, diversamente che in passato.

        • Naturale che la banda bassotti Israele-USA-UK non vuole perdere lo scettro, ma il mondo si è rotto le palle dei loro suprusi e ora si sta ribellando, l’Italia è a capo di questa nuova rivoluzione e insieme a Russia e Cina stanno portando avanti il cambiamento, in medio oriente state vedendo già gli atti quasi finali, dopo le varie costituzioni di AIIB, Banca mondiale di sviluppo dei paesi Brics, ecc… sarà ancora lunga……………..questa volta non succederà come nella seconda guerra mondiale……….

          • Italia? un paese Nato a ribellarsi addirittura?

            Non ti voglio smentire, ma permettimi di essere meravigliato.

        • Naturalmente alleati IRAN, Iraq e altri………… diffidate dalle manipolazioni di menzogne fatte su questi paesi, tutto quello che sentite in TV e non solo e storica manipolazione delle agenzie della triade del male

  7. Salve Ragazzi volevo chiedervi un consiglio.
    Ora che l’Inghilterra è uscita dall’euro e i prezzi dell’oro e argento sono schizzati alle stelle è ancora consigliato investire in questi metalli??
    O conviene attendere qualche mese che i prezzi si riasettino???
    Grazie infinite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui puo\' commentare solo chi e\' bravo in matematica :) Completa l\'operazione.

 

Compila il modulo qui sotto per accedere al Videoseminario gratuito

Capisco che posso decidere di non ricevere più le tue email
in qualsiasi momento e inviandoti una semplice email.
Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
fine-iva-zero-su-argento-estonia
E’ FINITA l’era dell’Iva zero in Estonia

Estonia, ex repubblica baltica assoggettata per decenni alla URSS, paese dinamico, giovane, tecnologicamente all’avanguardia ed in cui vige la e-resindency....

Chiudi