Come cambiare il tuo denaro in un’altra valuta

L’altro giorno avevo bisogno di cambiare i miei Euro qui a Londra.

Dovevo vendere Euro e acquistare Sterline (che sono per l’appunto la valuta che viene utilizzata qui in Inghilterra). A proposito, ogni volta che parlo di valuta intendo cio’ che comunemente chiamiamo denaro o soldi. In ogni caso, per intenderci, parlo delle banconote, quei pezzi di carta che hai nel portafoglio e grazie ai quali puoi acquistare tutto cio’ di cui hai bisogno (almeno per il momento e’ cosi’).

Per poter comprare Sterline qui a Londra devi cercare fra le Banche, i Money Exchange (cambia valute) che trovi in piccoli negozietti per strada (sembrano quasi chioschi) oppure puoi anche cercare nei Post Office (dovrebbero svolgere un servizio quasi simile alle nostre poste in italia).

La cosa importante e’ che quando vai all’estero e vuoi cambiare i tuoi “soldi” in “soldi esteri”, NON DEVI FARLO MAI ALL’AEREOPORTO, perche’ ti SPENNANO!

Do you know il verbo spennare? Se non lo conosci prova a cambiare soldi all’aereoporto e capirai di cosa si tratta…

La somma che dovevo cambiare non era niente di eccessivo, 300 Euro in tutto. Mi reco fuori il primo cambia valute e leggo un grandissimo cartello esposto fuori dal negozio. Sopra c’e’ scritto “NO COMMISSION“, hahaha (subito mi faccio una bella risata).

Quel No Commission e’ messo li’ per i polli! Ti faccio capire subito il perche’.

Quando volevo cambiare i miei Euro il cambio Euro/Sterlina girava intorno i 0.88, cioe’ per ogni Euro che gli davo avrei dovuto ricevere (a prezzi di mercato) 0.88 sterline. Se facciamo il calcolo inverso (1/0.88) ovvero 1 euro diviso 0.88 sterline, il risultato viene 1.1363.

Questo 1.1363 significa che per ricevere una sterlina (qui li chiamano pound) avrei dovuto pagare proprio 1.1363 Euro (un euro e tredici centesimi, per intenderci). Naturalmente se il cambia valute ti convertisse i tuoi Euro al tasso di cambio ufficiale, lui starebbe li per la bella faccia tua. Questo significa che e’ giusto e normale che il cambia valute applichi una commissione (o chiamalo anche spread, chiamalo come ti pare) che gli permetta di guadagnare qualcosa dal servizio che ti offre.

Ma vediamo com’e’ andata:

(Entro nel negozio) Gennaro: Buongiorno, vorrei cambiare i miei Euro. Posso sapere qual’e’ il tasso che applicate per la conversione tra Euro e Sterlina? (in realta’ in italiano te l’ho scritto bene, ma ti assicuro che in inglese non ero cosi’ fluido 🙂

Commerciante: Il tasso che applichiamo e’ di 1.54, senza commissioni.

Gennaro: (penso) Hum…. il tasso è di 1.1363 circa (arrotondo a 1.14), per arrivare a 1.54 significa che questo si sta tenendo 0.40 centesimi per ogni sterlina che mi da…

(dico) Scusi sir (qui si usa molto dare del sir nei rapporti informali con gli uomini), ma lo sa che il cambio ufficiale gira intorno agli 1.14 vero? (nel frattempo avevo fatto un rapido calcolo con la mia calcolatrice e avevo visto che il commerciante stava trattenendo circa il 35% del mio denaro che su 300 Euro erano circa 105.00 Euro, praticamente una rapina!!!).  Ma che sta scherzando?  (prendo e me ne vado)

Praticamente i commercianti ti attirano nella trappola scrivendo cartelli “No commission” ma poi i soldi che si devono prendere te li caricano sullo spread sul tasso di cambio (ovvero la differenza che c’è fra il tasso ufficiale e quello che invece ti applicano loro). Infatti in questo caso (ad esempio) sarebbe stato molto meglio pagare anche 50 Euro di commissioni ma ricevere il tasso di cambio di mercato (1.14 circa). In quel caso infatti, avrei risparmiato 55.00 Euro (105.00 – 50.00).

A questo punto decido di spostarmi in una zona meno centrale e sopratutto meno turistica (quel tasso di cambio cosi’ alto lo facevano in Leicester Square, vicino Piccadilly Circus, una delle zone piu’ nominate di Londra). Attento se ti ritrovi in quelle zone e hai bisogno di cambiare denaro contante!

Continuo il mio giro e vado in una Banca che mi applica un tasso del 1.28. Decido di non cambiare nemmeno qui.

Per me era diventata una sfida alla ricerca del miglior cambia valuta. Non avevo bisogno del denaro immediatamente e volevo divertirmi ad ottenere il tasso migliore! Cosi’ continuo il mio giro…

Trovo un post office che mi applica 1.24. Non cambio, e continuo il giro.

Ad un certo punto mi ritrovo in un piccolo Money Exchange vicino Victoria, la stazione principale di Londra. Mi avvicino facendo capire che voglio solo un’informazione e che non sono ancora intenzionato a cambiare i miei Euro.

Gennaro: Salve, vorrei giusto un’informazione. Se volessi cambiare Euro in Sterline, quale sarebbe il tasso di cambio applicato?

Commerciante n°4: 1.21. Perche’ quanto vorresti cambiare?

Gennaro: 300 Euro ma la ringrazio, non m’interessa. Per me e’ troppo caro (pur sapendo che era il miglior tasso che avevo trovato fino a quel momento, decisi di giocarmela fino in fondo. Dovevo ottenere il MIGLIOR TASSO e mi stavo divertendo a trattare).

Commerciante n°4: (si fa una risata) Perche’ scusa, a quanto vorresti cambiare?

Gennaro: Vorrei cambiare a 1.16 circa.

Commerciante n°4: Cosa? Ma lo sai che e’ il tasso ufficiale?

Gennaro: No sir, in realta’ il tasso ufficiale e’ tra 1.13 e 1.14…

Commerciante n°4: Ok dai, facciamo 1.17 e non se ne parla piu’!

Gennaro: Affare fatto! Grazie mille!

 

Ero soddisfatto del tasso trovato. Il commerciante stava trattenendo circa un 2.80% dal servizio che mi offriva e mi sembrava una cosa molto piu’ onesta. Cambio ringrazio e me ne vado.

Adesso al posto di 300 Euro avevo in tasca 256.41 Sterline. Il commerciante aveva trattenuto nel cambio circa 8 Euro e 40 centesimi.

 

Ovunque vai, se hai bisogno di cambiare denaro, ricorda che il tasso che i venditori del posto ti vorranno applicare e’ trattabile. Puoi trattarlo e anzi DEVI farlo.

La stessa identica cosa puoi farla se hai bisogno di vendere il tuo oro usato, proprio come ti dicevo qui.

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Roy Reale

L’intera storia della scienza è stata una graduale presa di coscienza del fatto che gli eventi non accadono in un modo arbitrario ma che riflettono un certo ordine sottostante. E’ mia ferma convinzione che questo ordine sia presente anche nei mercati finanziari. Ciò che mi muove sono la sete di verità e la voglia di andare a fondo nell’approfondire il codice che dà ordine ai mercati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Se il dollaro si rafforza il prezzo dell’Oro e’ destinato a scendere?

In molti mi chiedono (altri sostengono) che quando il dollaro si rafforza il prezzo dell'Oro scende. La mia risposta personale ha...

Chiudi