Riserve auree italiane: Ecco dove si trova l’Oro d’Italia

La Banca d’Italia ha recentemente pubblicato un documento ufficiale attraverso il suo sito internet, riguardo lo stoccaggio e la composizione delle riserve auree italiane.

Il documento conferma che l’oro d’Italia e’ allocato in 4 luoghi del pianeta, 3 dei quali fuori dal territorio nazionale Italiano. 

Questo e’ un annuncio estremamente importante perche’ l’Italia e’ la terza nazione detentrice (per ammontare) di riserve auree a livello mondiale. L’Italia detiene 2.451,80 tonnellate d’oro per un controvalore di 69 miliardi di Euro (a fine 2013).

Nella sua dettagliata relazione la Banca d’Italia rivela che 1.194,40 tonnellate (pari a quasi la meta’) sono stivate nei caveaux della sede di Palazzo Koch, in Via Nazionale a Roma. La restante parte e’ immagazzinata presso i depositi della Federal Reserve di New York. 

Il rapporto afferma che, in parti piu’ modeste, l’oro italiano e’ conservato presso la Banca d’Inghilterra a Londra e presso la Banca Nazionale Svizzera a Berna.

Presso la Sede della Banca d’Italia le riserve custodite sono sotto forma di monete per 4,1 tonnellate (871.713 pezzi – cosiddetto “oro monetato”) mentre le altre parti sono in forma di lingotti.

I lingotti sono 95.493 per un peso complessivo di circa 1.195,3 tonnellate. Una parte di questi sono detenuti per conto della BCE perché rappresentano una componente delle riserve valutarie conferite ai sensi dell’art. 30 dello Statuto del SEBC (Sistema Europeo Banche Centrali)/BCE.

Come la altre principali banche centrali europee, le riserve auree italiane sono state accumulate soprattutto durante la fine degli anni ’50 del secolo sorso sino ai prime anni ’60.

Tornando al documento della Banca d’Italia: NON SONO SPECIFICATE le quantita’ esatte di oro depositato a New York, Londra e Berna.

Delle 1.254,4 tonnellate di riserve auree custodite fuori dal nostro territorio nazionale e’ ragionevole supporre che la maggior parte di esse (tra le 1.000 e le 1.200 tonnellate) si trovino a New York presso la Federal Reserve.

In realtà 522 tonnellate di questo oro italiano che fu accantonato presso la Federal Reserve di New York nel settembre del 1974 furono utilizzate come garanzia aurea per il prestito della Bundesbank all’ Italia durante il primo prestito d’oro all’Italia tra il 1974 e il 1976. Questa garanzia è salita a 543 tonnellate tra il 1976 e il 1978.

Il documento sostiene che revisori esterni controllano le riserve auree di Palazzo Koch, annualmente, in concomitanza con altre tipologie di carattere monetari e finanziario. Questi revisori esterni, pero’, non hanno la facolta’ di esaminare le riserve auree fisiche italiane detenute presso paesi stranieri.

Queste riserve sono “controllate” tramite reports (attestazioni) rilasciati in forma di documenti ufficiali, ogni anno, dalle Banche Centrali che detengono il nostro oro. In buona sostanza le nostre riserve auree all’estero non sarebbero oggetto di revisione contabile “fisica” da parte di propri rappresentanti designati.

In Germania i mass-media hanno avuto un ruolo fondamentale nel pressare la Bundesbank per richiedere il rimpatrio del proprio oro dalla FED al suo quartier generale di Francoforte.

In Italia l’opinione pubblica riuscira’ a sensibilizzarsi su questa questione e premere le autorita’ per un rimpatrio definitivo, su suolo italiano, del nostro oro?

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

16 COMMENTI

  1. Tutte le volte che leggo delle riserve auree della banca d’Italia mi viene in mente il debito pubblico italiano che supera i 2 miliardi di euro e i relativi interessi che si pagano ogni anno sul debito.
    Ebbene tutte le riserve in oro non coprono neanche gli interessi che si pagano in un anno.
    Il valore delle riserve continuera’ a diminuire perche’ la banca centrale da 50 anni non compra piu’ oro.
    Penso a una famiglia che continua a fare debiti e che si e’ dimenticata delle poche monete che avevano accumulato i nonni.

    • Hai proprio ragione!

    • Scusa ma se il debito italiano è 2 miliardi,le nostre riserve auree valgono 69 miliardi,come fai a dire che non paghiamo nemmeno gli interessi?!

  2. Caro Zorzoli,
    concordo pienamente. Aggiungo che, a mio modo di vedere, non sussiste piu’ alcuna ragione storico-geopolitica che giustifichi il fatto che le nostre riserve auree (parte di esse) sia detenuta ancora all’estero.

    Il comunismo mondiale non esiste piu’ dal 1991. E allora per quale motivo non chiederne il rimpatrio? Soprattutto in questo momento storico, di guerre valutarie (attuali e sicuramente future).

    Saluti

    Riccardo
    Analyst & Research
    http://www.deshgold.com

    • Vero pazzesco e che valga solo 69 miliardi..ci stanno mettendo mano e rubano ancora finche andreamo alla rovina se non tagliamo altesta al toro de è gia tardi a quanto leggo!

  3. Non capisco perchè si allochi la metà dell’oro sul territorio nazionale e l’altra
    metà in Paesi esteri. Mancava forse il posto per lo stoccaggio?
    Quante volte abbiamo detto che la prima regola fondamentale è quella di stoccare
    l’oro in un sito che sia nelle nostre disponibilità al fine di controllarne la sua
    integrità,purezza e quantità.

  4. ma una domanda mi sorge spontanea: di chi e’ l’oro della banca d’italia? perche’ la BdI e’ una banca privata, lo sapete meglio di me. Lo Stato non credo detenga alcuna quota. Quindi l’oro e’ delle varie banche socie della BdI, vedi Unicredit, Intesa etc. Quindi, a noi (intesi cittadini italiani) che ce ne viene? o sbaglio in qualcosa? illuminatemi per favore.

    • E’ la stessa domanda che mi sono fatto in questo articolo:
      http://www.deshgold.com/banca-ditalia-e-oro-ma-di-cosa-stiamo-parlando/

      Leggi anche fra i commenti, c’e’ qualcosa di interessante.

      • Grazie Gennaro per la risposta, mi era sfuggito l’articolo, che mi pare dica appunto che la BdI e’ di fatto in mano a privati e cosi’ pure l’oro. Altro che “nostre riserve auree” ! Quindi “who cares” di dove sia. Oppure ho capito male?

    • Ho provato a chiedere anche ai 5S ma ancora non ho avuto risposta…

  5. Se l’oro e’ delle banche perche’ con lo stesso non ci pagano i loro debiti? invece un appuntamento ormai puntuale annuo e’ quello degli italiani che debbono ripianare i debiti contratti dalle stesse anche a seguito di ladrocini o di inettitudine.Perche’?

  6. Vorrei creare un Gruppo sull’Oro d’Italia in FB. Posso usare le Vostre informazioni, molto utili?

    • Certo Valeria.

      Puoi riprendere una parte dei contenuti di questo articolo e condividerla su Facebook se lo desideri.

      Ricorda gentilmente di inserire il link alla fonte 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Barometro Oro: 10.Mag.2014

Durante il trading settimanale il lingotto ha provato a perforare la resistenza posta a $1.315,00 (senza successo). Il metallo giallo...

Chiudi