Rischio Paese Italia: leggere due numeri

E’ da diverso tempo che su Deshgold.com mettiamo in guardia dalle insidie e dai rischi del nostro paese. Sia chiaro, non ce l’abbiamo a morte con il nostro amato paese. L’Italia era e resta uno dei posti piu’ belli di questa Terra.  Tuttavia…

Tuttavia credo  sia assolutamente doveroso mettere in guardia le persone sui reali e concreti rischi che i mercati ci stanno comunicando da diverso tempo. Le nostre considerazioni non sono basate sul “sentito dire” o sul “caso” ma riflettono cio’ che stanno comunicando da molto tempo i numeri crudi e concreti relativi all’italia.

 

Per quanto concerne la situazione a livello ciclico, in questo articolo mostrammo la difficile situazione Italiana in merito ad un ciclo importante e di lungo periodo, parlo del ciclo a 4 anni.  Da questo punto di vista, il segnale di “non ritorno” e’ stato gia’ generato e per il prossimo anno e mezzo non si vede luce sul nostro mercato azionario.

Oggi invece voglio mostrarti quello che e’ l’andamento dei cds sull’Italia. I cds sono uno strumento finanziario capace di comunicarci come il mercato valuta il rischio di un fallimento dell’Italia.

Infatti i Cds sono come delle assicurazioni. Nascono per essere acquistati da coloro che vogliono assicurarsi contro la possibilita’ che l’Italia possa non far fronte a parte dei suoi debiti (che in altre parole significa assicurarsi dall’eventualita’ che l’Italia non paghi i titoli di Stato emessi).

Questo e’ il nostro grafico sui Cds (e’ l’andamento degli ultimi 3 anni):

 

Puoi notare che stiamo giocando con i 400 punti base (il Cds e’ a 400 punti), ben il doppio  rispetto al picco fatto registrare all’inizio del 2009 (200 punti sui Cds), quando il nostro indice FtseMib ando’ sotto i 13.000 punti, e il mercato veniva da un crollo epocale partito nell’estate del 2007.

In poche parole, oggi che siamo “ancora” intorno i 15.000 punti di FtseMib (il principale indice azionario Italiano), il mercato prezza un rischio paese almeno doppio rispetto a 3 anni fa, quando eravamo sui 200 punti di Cds e 13.000 punti di FtseMib.

Ma non e’ tutto. Infatti insieme alla salita vertiginosa dei Cds, si e’ avuto anche un aumento dei rendimenti che lo Stato Italia deve pagare agli investitori che decidono di acquistare i suoi titoli di Stato.

Prendendo come riferimento un titolo di Stato Italiano con scadenza a 10 anni, ecco che possiamo notare come gli interessi che lo Stato Italia deve pagare agli investitori, sia letteralmente “schizzato” negli ultimi tempi.

 

Quel picco che vedi verso la fine del grafico, e’ un rendimento del 6%. Questo significa che,

a chi ha comprato titoli di Stato Italiani con scadenza 10 anni  quando questo grafico era in prossimita’ di quel picco, l’Italia dovra’ corrispondere per i prossimi 10 anni un interesse su quei titoli del 6% annuo (mentre gli Usa e la Germania pagano circa il 2%).

Sia chiaro, credo che fra non molto anche gli interessi di Usa e Germania saliranno alla grande, ma per il momento noi siamo costretti a fare tagli su tagli, manovre finanziarie per tassare in modo diretto o indiretto i cittadini, per tagliare fondi alla scuola, alla ricerca, agli ospedali, alle pensioni, ecc….

mentre loro ancora non sono in queste condizioni e cosi’ acquisiscono vantaggio competitivo sul nostro paese (i soldi di interessi che  devono pagare in meno, li possono impiegare per fare investimenti e migliorare il loro benessere).

Ma tornando all’Italia,  come mai c’e’ stato quel crollo cosi’ forte dopo aver oltrepassato il picco del 6%?

Quel crollo sta ad indicare l’intervento effettuato dalla BCE (Banca centrale europea) che vedendo la situazione critica venutasi a creare, ha pensato di intervenire sul mercato per comprare direttamente titoli di Stato Italiani con il fine di abbassare i rendimenti.

In altre parole la BCE e’ intervenuta sul mercato ed ha fatto in modo di mandare gli interessi che l’Italia deve pagare sui suoi titoli, dal 6% circa al 5% circa, nel giro di qualche giorno.

Quello che puo’ sembrare un intervento mirevole e lodevole, non credo dara’ i suoi frutti per un lungo periodo. Credo che cosi’ facendo la BCE non abbia fatto altro che alimentare il processo che e’ oramai in atto sul nostro paese. Questo processo in atto ha un nome ed un cognome ben preciso.

Si chiama LIBERO MERCATO signori, e noi esseri umani non possiamo farci niente. Il Libero mercato e’ come le forze della natura. Alla fine vince sempre. Per questo motivo credo che gli interventi messi in atto dalla BCE non avranno i risultati sperati, e molto preso vedremo il grafico qui in alto ben oltre il 6%.

Di pari passo anche i Cds continueranno a volare verso le stelle, andando a “prezzare” un rischio insolvenza del nostro paese sempre piu’ elevato.

Sono convinto del fatto che ci troviamo in una crisi sistemica (che coinvolge il mondo intero) e da questo non ce ne usciremo senza aver prima “spurgato” tutto il marcio creato negli anni passati. Non sto dicendo che finisce il mondo. Sto solo dicendo che cosi’ come nel passato (vedi crisi 1929) siamo dinanzi ad un processo di riaggiustamento da tutti gli errori commessi in questi anni.

E quando fai errori per piu’ di 30 anni, correggerli tutti insieme non potra’ passare di certo inosservato.

E’ questo il motivo per il quale credo che tutti gli interventi fatti dalle Banche centrali non serviranno ad altro che a “prendere tempo”. E da questo punto di vista dovremmo ringraziare noi tutti le Banche centrali. Se non fosse stato per loro, quest’oggi non avrei avuto il tempo di scrivere che avete bisogno di coprirvi da questa crisi. Non avrei avuto il tempo di dirvi che dovete mettere in salvo i vostri risparmi. Non avrei avuto il tempo di dirvi che con un po’ di conoscenza, avete la possibilita’ di arricchirvi come non era mai successo in anni di storia.

Questo e’ il lato positivo della cosa. Oggi sei ancora in tempo a salvarti. Non agire (probabilmente) significhera’ vivere di rimorsi per i prossimi anni della tua vita. Non sono duro. E’ cio’ che credo. E’ cio’ che credevo per me qualche anno fa, quando con meno conoscenze e meno esperienza mi chiedevo se prendere seri rimedi per qesta crisi o se tutto non fosse passato con una soffiata di vento che avrebbe portato via i nuvoloni neri.

No, proprio come qualche anno fa oggi i nuvoloni neri ci sono ancora. Solo che sembrano piu’ arrabbiati che mai…

 

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Roy Reale

L’intera storia della scienza è stata una graduale presa di coscienza del fatto che gli eventi non accadono in un modo arbitrario ma che riflettono un certo ordine sottostante. E’ mia ferma convinzione che questo ordine sia presente anche nei mercati finanziari. Ciò che mi muove sono la sete di verità e la voglia di andare a fondo nell’approfondire il codice che dà ordine ai mercati.

5 COMMENTI

  1. Grande articolo Gennaro.
    Complimenti per lo stile elegante e non da catastrofista.
    Saluti
    mario

  2. quindi ,ha senso mettersi short sul ftsemib con un etf ,meglio se a leva,gia da subito,o meglio entrarci più cauti?

    • Paolo tutto si gioca su come gestisci il tuo capitale.

      Puoi entrare anche da subito short sul Ftse MIb, ma devi farlo con una parte lieve del tuo capitale perchè forti rimbalzi sono possibili. Se entri con una piccola parte del capitale, in questa evenienza, avrai la possibilità di “sopportare” la perdita momentanea.

      Credo che le probabilità di ritrovare il FtseMib ben oltre sotto il livello di 12.000 punti sia veramente elevata, ma nel breve termine tutto è possibile. Pertanto, tutto si gioca sul Money Management….

  3. Ottimo articolo Gennaro. Io penso che l’Italia possa saltare prima di Natale, diciamo
    tra ottobre e novembre, forse anche prima, sic (!)
    Spero proprio di no, ma mi sa che non ci sono altre soluzioni e che la nave Italia e con essa la nave Europa affonderanno molto presto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
E’ vero che i mercati finanziari sono ciclici?

E' vero che il mondo e' ciclico? E se il mondo e' ciclico possono esserlo anche i mercati finanziari? La...

Chiudi