Le strane vicende di Fort Knox (prima parte)

Come riporta wikipedia, Fort Knox e’ una riserva militare nello Stato del Kentucky, famoso per il fatto che vi si trovano le riserve auree degli USA. 

Da quando la FED si e’ “opposta” (prorogandone i tempi fino al 2020) al rimpatrio dell’oro della Germania detenuto in USA, si e’ scatenata una girandola di ipotesi sull’effettiva consistenza delle riserve auree statunitensi.

La Germania possiede la seconda riserva aurea del pianeta,
con 3.400 tonnellate d’oro. 

Di queste, solo il 31% e’ conservato su suolo tedesco: il 13% e’ conservato in Francia, l’11% nel Regno Unito, e ben il 45% negli USA. 

Secondo indiscrezioni della testata giornalistica Handelsblatt, la Bundesbank aveva intenzione di rimpatriare l’oro dalla FED per testarne l’autenticita’.

Per quale reale motivo la Bundesbank ha richiesto il rimpatrio del suo oro?

Forse non ha piu’ fiducia nella solvibilita’ del Governo USA? Oppure non ha piu’ fiducia nella credibilita’ della FED e del dollaro americano come valuta di riserva? O entrambe le ipotesi? O ancora, altre a noi sconosciute?

E sopratutto: quanto oro e’ effettivamente conservato nei forzieri federali? E quanto e’ nella piena disponibilita’ del Governo USA?

Chiedersi (e tentare di fare chiarezza) sull’effettiva consistenza delle riserve auree statunitensi non deve essere interpretato come un’ozioso esercizio fine a se stesso.

Jim Sinclair, un veterano del mercato dei metalli preziosi, ha affermato che la mossa della Bundesbank è un evento fondamentale nel mercato dell’oro ed è l’ultimo avvertimento per gli investitori, i quali dovrebbero assicurarsi che le barre di metallo restino sotto il loro controllo fisico, piuttosto che continuare a fidarsi dei contratti cartacei.

“Questo è un messaggio per tenersi l’oro vicino e per riprenderselo, indipendentemente da chi lo custodisce. Quando la Francia lo fece, anni fa, si sparse il panico tra la leadership finanziaria americana. La storia guarderà a questo recupero come all’inizio della fine di un dollaro considerato valuta di riserva privilegiata “.

Molti analisti sostengono che il mondo si stia avviando di nuovo verso un gold standard considerando che la Cina, la Russia e altre potenze stanno aumentando le loro riserve in oro.

Tornando alle riserve di Fort Knox: in passato parte di quell’oro statunitense e’ stato oggetto di operazioni finanziarie (cosiddette “ipotecarie”) con enti internazionali. Questo significa che le riserve auree rimanenti potrebbero essere gia’ “impegnate” con organismi statali e privati, senza alcuna possibilita’ d’impiego.

L’ultima revisione (audit) delle riserve auree USA, e’ stata effettuata nel 1953!
Piu’ di sessanta anni or sono! 

Nel 1974 il membro del Congresso John R. Rarick richiese di avviare un indagine del Congresso circa le riserve nei forzieri di Fort Knox. A Sei membri del Congresso e alcuni addetti stampa fu permesso di entrare a Fort Knox.

Il “tour” permise ai “Congressmen” e ai giornalisti di verificare che in effetti l’oro era presente negli scrigni, anche se solo una modesta parte delle riserve auree furono rese disponibili a vedersi ai deputati e ai pubblicisti.

Ma un Deputato scatto’ una foto ad alcuni lingotti e la consegno’ all’Associated Press, la quale la pubblico’. 

Dopo la pubblicazione della foto si scatenarono un mare di polemiche. I lingotti “immortalati” nella foto, apparivano di minute dimensioni; questo provoco’ il sospetto circa l’autenticita’ dei lingotti e soprattutto fu messo in discussione il grado di purezza aurea contenuto negli stessi.

Nonostante i dubbi sorti in proposito nessun ulteriore controllo fu effettuato sui lingotti.

Nel 1953, quando fu eseguito l’unico audit, in quell’occasione, non  furono eseguiti dettagliati conteggi dei lingotti; neppure furono esaminati in modo appropriato per valutarne la purezza e l’autenticita’.

Di solito tramite appositi tests si esamina il lingotto mediante  perforazione dello stesso, la quale giunge sino al nucleo, per appurarne l’interezza e l’autenticita’.

In luogo di questo test tipico, durante l’audit del 1953, le barre d’oro furono esaminate solo lacerando piccolissime parti delle stesse sulla loro superficie. 

Questo metodo e’ irrituale e  non consente di verificare le parti interne del lingotto; permette solo di controllarne la parte esterna.

All’interno della barra, senza ulteriore verifica appropriata potrebbe essere celato  materiale non aureo (per esempio tungsteno). Con il metodo utilizzato nel 1953, e’ impossibile analizzare accuratamente la barra d’oro….

FINE PRIMA PARTE

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

8 COMMENTI

  1. Per me l’oro custodito negli USA non esiste più da chissà quanto tempo. Del resto a cosa gli serviva? erano la prima potenza economica e militare del pianeta, avevano tutto ciò che a noi manca, le competenze, la lingua, la tecnologia e la flessibilità. Purtroppo per loro qualcosa è andato storto, forse perchè chi troppo vuole nulla stringe. Il fatto è che pretendere di vivere al di sopra dei propri mezzi, a discapito delle nazioni più povere, alla fine finisce per essere una crudeltà che salta agli occhi di tutti. E allora la verità viene alla superficie. Siamo tutti esseri umani, musulmani, cristiani o che altro. Ci conosciamo da migliaia di anni e viviamo in un pianeta le cui risorse sono finite. L’infinito è nel cielo… provate ad insegnarlo ad un business man americano.
    Avevo letto nel 2012 che della truffa dei lingotti in tungsteno erano stati accusati i cinesi e che alla fine erano stati venduti ai paesi africani. C’è poco da dire… i pensieri corrono in fretta ma se abbiamo ancora un pò di buon senso… quello dei vecchi contadini per intendersi, forse qualche risposta ce la possiamo dare.

  2. Ciao Gennaro, queste informazioni sono molto interessanti.
    Mi sorprende il fatto che la Germania abbia chiesto il rimpatrio di questo oro, vedo come una volontà a far emergere questo problema “scandolo”.
    Resta comunque interessante ciò che prevedono gli analisti su un ritorno del Gold Standard, pensi che possa riguardare la nuova banca “Fmi” del brics ?

    • Ciao Dante 🙂

      In tutta franchezza non so se questo possa riguardare la nuova banca FMI dei brics ma la possibilita’ di un ritorno ad una valuta “ancorata” ad Oro diventa sempre piu’ interessante.

  3. intanto anche ieri il gold ha dato una bella botta al ribasso……e se lo facessero scendere fino a 750 usd oz.?? prima di farlo ripartire????mahh

    • Non ritengo possibile che possano farlo scendere a 750 $ e ti dico i motivi secondo il mio punto di vista.
      1) potrenbbe accadere con un boom economico americano che dia forza al dollaro e che sia capace di trascinare l’economia mondiale verso i valori di crescita di qualche decennio passato
      2) poichè l’avverarsi del punto 1 è pura illusione lo scenario potrebbe essere quello del punto seguente
      3) il dollaro si indebolisce sul mercato mondiale e poichè gli USA ancora hanno grande peso nell’influenzare i prezzi delle materie prime l’oro potrebbe essere compresso forse fino a 1050 $. Tuttavia questa possibilità stride come un gesso sulla lavagna e mi pare che le ragioni saltino agli occhi.
      Infatti se il $ scende è perchè si è inflazionato come valuta proprio nei confronti delle materie prime con cui viene utilizzato nei mercati. Ma a differenza del $ le materie prime ed il gold sono ai margini dei costi di produzione. Quindi nella lotta a ribasso finirà col perdere perchè il dollaro non poggia su nessun fondamentale mentre il gold e tutte le materie si.

  4. Ciao Gennaro, ma questa vicenda non risale già a alcuni anni fa? L’avevo già letta in passato, a occhio e croce direi nel 2010. Hai la data di quando è accaduto e/o qualche fonte? Grazie.l

    • Se ti riferisci alla richiesta dell’Oro della Germania questo e’ avvenuto gia’ diversi mesi fa. Questo lavoro di ricerca e’ un collage, un’inquietante inchiesta che mette insieme numerosi, occulti tasselli del puzzle relativi all’Oro di Fort Knox.

  5. oro in euro da 920 a 940 in un giorno…..non male direi…..che dite????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Clamoroso: Deutsche Bank fuori dal fixing di Londra

La notizia e' CLAMOROSA: Deutsche Bank, una delle 5 banche facenti parte del comitato che fissa i prezzi dell'oro e...

Chiudi