E se Fort Knox si fosse trasferito a Pechino?

fort knox ps

Ci sono magie e magie.

C’è chi assiste al fenomeno della moltiplicazione infondata dei prezzi e dei valori, e chi, inspiegabilmente, affronta con serenità la svalutazione di quel che possiede.

Se l’Occidente è campione nella prima delle due discipline, la Cina ha conquistato da poco il primato assoluto nell’arte del mascherare sé stessa e le sue riserve.

In altre parole: forse la Cina detiene più oro di quanto ne dichiari. Ma siamo sicuri che gli USA posseggano tutto l’oro che invece confermano di avere?

Sono passati ormai sei anni dall’ultima stima ufficiale di oro renminbi posseduto presso i caveau della banca centrale.

Se anni a chiedersi quanto la Cina possedesse, sei anni in cui nulla è trapelato salvo il fatto che, proprio quest’ultima, sia divenuta il maggiore Paese acquirente d’oro mondiale.

Sei anni di import in crescita e di attività produttiva in fermento, che non era insensato stimare avessero portato il totale delle detenzioni auree cinesi a triplicare, raggiungendo un livello prossimo alle 3000 tonnellate.

E invece no.

La Cina ha rispalancato le porte della limpidezza, dichiarando che, a fine giugno 2015, l’oro effettivamente detenuto dalla banca nazionale ha toccato le 1.658 tonnellate.

Ricapitolando:

  1. marzo 2009, 1.054 tonnellate;
  2. giugno 2015, 1.658.

Tanto fumo e niente prezioso, insomma.

E se non credete a questa, ve ne raccontiamo un’altra…
In cinese ovviamente.

Che la Cina abbia nascosto gran parte delle sue detenzioni in un biscotto della fortuna, è cosa probabile.

Di sicuro, comunque, la fortuna della Cina è l’oro, con o senza biscotto.

C’è qualcosa che fa però storcere il naso: a far sembrare erronea la esimia cifra dichiarata è il fatto che, da settembre, il renminbi parteciperà al paniere delle valute Sdr dell’Fmi.

Un renminbi che non è mai stato completamente libero di fluttuare tra domanda ed offerta e che, giunto sul mercato, tenderà ad impennasi alla ricerca di un nuovo equilibro.

E allora, l’oro accumulato potrebbe diventare un’arma potente nelle mani del governo centrale da utilizzare verso terzi, specie in una gabbia di leoni monetari aventi per capobranco il dollaro.

Dopo le glorie del passato recente, le previsioni sulla Cina sono divenute asfittiche e sterili.

La grande informazione ha puntato l’obiettivo sulla mancata crescita del Pil rispetto a quella degli anni precedenti. Ha teso ad evidenziare il rallentamento della produttività e a non considerare i progetti di acquisizione.

Ha iniziato a screditare il futuro della potenza ad oriente, predicendone la morte ancor prima del definitivo sviluppo.

Se la storia è arrivata a questo punto, non ci sarebbe da biasimare la ricerca cinese di passare in sordina, di non attirare eccessiva attenzione e di portare a credere che solo ciò che ha mostrato, in realtà, sia tutto ciò che possiede.

L’apertura del renminbi al mercato è un fastidio che gli USA non hanno smesso di lamentare, un ostacolo spesso sminuito ma che potrebbe mettere in discussione il primato occidentale.

Forse la Cina non dichiara tutto l’oro di cui è in possesso, per utilizzare tale carta nel momento dell’esordio aperto sul mercato.

Forse la Cina ha davvero solo quell’oro, e tutto il resto è una bolla d’illusione in cui si è crogiolata per anni la convinzione dell’ovest.

Quello che più dovrebbe preoccupare davvero, tuttavia, non è ciò che la Cina nasconde, ma ciò che gli Usa confermano di avere e che non si ha la possibilità di controllare.

E se Fort Knox si fosse trasferito a Pechino?

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Lady Gold

Qualcuno dice di averla vista mentre portava via oro da Fort Knox. Qualcun altro dice che sia direttamente coinvolta con il Cremlino e con il loro ingente accumulo di riserve d'oro. La realtà è che mai nessuno l'ha vista in volto. E così lei continua a condividere informazioni da persona "strettamente vicina ai fatti", senza mai svelare la sua vera identità. Dovremo accontentarci di averla con noi, così com'è. Avvolta nel suo alone di mistero...

2 COMMENTI

  1. …..Schiaffo alla Cina, è Guerra, l’FMI Rimanda di 1 Anno lo Yuan Fra le Valute di Riserva Mondiale….

    notizia fresca fresca

    • Benissimo ! lo scontro tra Occidente e Oriente e’ appena comiciato.

      da una parte ci sta la Carta – dall’altra l’ ORO. la Cina rispetto al proprio Pil dichiara di avere pochissimo Oro.

      noi siamo convinti che il dato ufficializzato e’ ridicolo.

      Ma se cosi’ fosse, meglio ancora: dovra’ comprarne moltissimo per colmare il GAP con il PIL.

      Comincio a convincermi che la base stia QUI 950/1050 –

      ghe sem – il futuro non puo’ essere che AUREO ARGENTINO –

      grazie a tutti.

      PS:la mia apprensione e’ dovuta ai titoli del settore che ho mal comprato.

      ma a mia Suocera ho fatto comprare ORO VERO – sara’ la pensione di mio figlio (1985) – e che Pensione!!!

      no BOT BTP e porcherie varie grazie .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui puo\' commentare solo chi e\' bravo in matematica :) Completa l\'operazione.

 

Compila il modulo qui sotto per accedere al Videoseminario gratuito

Capisco che posso decidere di non ricevere più le tue email
in qualsiasi momento e inviandoti una semplice email.
Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
barometro-oro-DeshGold
Barometro Oro: 01.Ago.2015

Ancora un record settimanale nell’attivita’ speculativa ribassista al Comex di New York, esattamente come gia’ segnalato 15 giorni or sono....

Chiudi