Barometro Oro: 25.Gen.2014


L’oro ha aperto la settimana a $1.252,20 e ha chiuso a $1.267,90.
Al Comex di New York, i contratti futures sull’oro per consegna marzo sono quotati a $1.268,10.

SUPPORTI E RESISTENZE: Primo supporto posto a $ 1.235,00 secondo a $1.216,00 e terzo a $1.205,00; prima resistenza posta a $ 1.275,00 seconda a $1.295,00 e terza a $1.325,00.

Dopo essere scivolato a $1.238,00 a meta’ settimana, il lingotto e’ rimbalzato oltre la resistenza posta $1.250,00; l’oro sta tentando un “assalto” per superare la prossima area di resistenza, posta tra i $1.262,00 e $1.275,00.

Se il metallo giallo riuscisse a consolidare le sue posizioni sopra quest’area, il quadro tecnico sarebbe favorevole per un rally sino a quota $1.350,00.

E’ interessante notare (grafico sotto) il “pattern” di inversione (double-bottom-reversal ovvero doppio-minimo-rialzista) cui  il lingotto sta dando origine (in basso a destra nel grafico). L’oro  ha toccato un minimo a giugno 2013 ($1.180,00) e un secondo minino a dicembre 2013 (1.182,00), esattamente come il precedente,  tra novembre 2012 (primo minimo) e maggio 2013 (secondo minimo seguito da esplosione rialzista sino quota $1.780,00).

Come puoi notare, le due figure sono esattamente identiche (e anche il lasso temporale; circa 7 mesi tra un minino e l’altro).

Si stanno, pertanto, creando le condizioni per un nuovo doppio minimo rialzista che dovrebbe culminare con la possibile ‘”esplosione” dei volumi dopo la rottura della resistenza a $1.270,00 – $1.275,00.

AL TOP LE VENDITE DI ORO DA INVESTIMENTO IN GIAPPONE 

Le vendite di oro da investimento in Giappone sono al top da cinque anni a questa parte, secondo quanto riportato dal piu’ grande rivenditore di metallo giallo nel Paese del Sol Levante (Tanaka Kikingoku Kogyu KK).

Rispetto al 2012, le vendite di lingotti da investimento sono aumentate del 63% (da 22,9 tonnellate a 37,3), riferisce la societa’ giapponese con sede a Tokyo.

Kazuhiko Saito, Capo Analista di Mercato presso Fujitomi Co. a Tokyo, ha commentato il dato: “l’oro e’ molto attraente per gli investitori giapponesi, soprattutto a questi prezzi; molti risparmiatori puntano sul lingotto preoccupati dall’eccessiva espansione monetaria promossa dal Capo del Governo, Shinzo Abe”.

La politica monetaria di Shinzo Abe (varata per combattere una terribile deflazione ventennale) sembra dare “i suoi frutti”. I prezzi al consumo sono aumentati dell’1,2% a Novembre 2013 (rispetto l’anno precedente).

LA ZECCA AMERICANA VENDE 3.464.000 MONETE D’ARGENTO “AMERICAN EAGLE” IN 5 GIORNI 

Hanno debuttato pochi giorni fa le nuove monete d’argento “American Eagle”, presso la Zecca Americana (US Mint) ed e’ gia’ un successo: in 5 giorni ne sono state vendute 3.464.000.

Gennaio e’ uno dei mesi piu’ “caldi” per le vendite di monete negli USA (l’anno scorso ne furono vendute ben 7.498.000 in argento – record di tutti i tempi).

LE RAGIONI PER ESSERE POSITIVI SULL’ORO NEL 2014 

Dopo un 2013 negativo (con un calo del 35% rispetto al picco di settembre 2011), vi sono validi motivi per ritenere che l’oro sovraperformera’ nel 2014.

Questi sono i fattori piu’ importanti:

1. La domanda cinese di oro e’ in continuo aumento

Nel 2013 lo Shangai Gold Exchange ha “consegnato” ben 2.197 tonnellate d’oro ai compratori, rispetto alle 1.139 del 2012.

Nel 2014, in cinque giorni di trading (dal 4 al 10 gennaio), lo Shangai Gold Exchange ha stabilito un nuovo record: 79 tonnellate d’oro consegnate ai clienti. Si tratta di quantitativi enormi in ridotti lassi temporali.

Ma non sono solo risparmiatori e investitori ad acquisire oro in Cina. Anche le Autorita’ Cinesi (Banca Centrale) sono in procinto di aumentare di nuovo gli acquisti d’oro nel 2014 (ricordiamo che la Cina e’ gia’ il terzo possessore a livello mondiale per riserve auree).

Nessun annuncio propriamente “ufficiale” e’ stato fatto dal Governo, ma gli analisti del settore sono convinti che, a breve, la Banca Centrale comunichera’ che anche il 2014 sara’ un anno di grandi acquisti di metallo giallo.

2. Gli ETF ricominciano ad acquistare oro 

Gli ETF hanno venduto grandi quantitativi d’oro nel 2013, svuotando parzialmente i loro depositi (calati del 33% rispetto l’anno precedente).

Ma il trend sta cambiando. Barclays segnala che venerdi’ 17 gennaio, gli ETF hanno incrementato i loro patrimoni in oro di ben 7,4 tonnellate (un record intragiornaliero che non si vedeva piu da gennaio 2013).

Anche gli analisti di HSBC sono positivi “bullish” riguardo l’incremento di oro fisico da parte degli ETF.

3. Il “tapering” della FED non ha sostanzialmente avuto alcun impatto sul prezzo dell’0ro

L’annuncio, da parte della FED, in dicembre 2013, riguardo una riduzione degli acquisti di assets finanziari (espansione monetaria) da parte della Banca Centrale USA, non ha influito in modo sostanziale sul prezzo dell’oro.

Tenendo inoltre presente che, la riduzione degli stimoli monetari, potrebbe provocare un forte ribasso sul mercato azionario USA (drogato dalle continue iniezioni di denaro a buon mercato da parte della FED), causando una possibile depressione deflazionistica, ci attendiamo che, se questo scenario dovesse avverarsi, la FED annuncerebbe immediatamente un ampliamento dell’espansione monetaria: magari portandola dagli attuali 75 miliardi di dollari al mese di acquisti, a 100 miliardi di dollari.

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

17 COMMENTI

  1. Buongiorno Riccardo, notizie dall’India? sapevo che con le prossime elezioni quasi sicuramente sarebbero state tolte le restrizioni all’import di oro ma non sono aggiornato sulle ultime news. Se verranno tolte le restrizioni il gold fisico subirà un incremento in acquisto spaventoso. Ho ricevuto un email da come investire oggi, a cui sono registrato, che anticipa con buone probabilità un test in area 1320 $. Non ho dubbi su questo perchè non avremo un nuovo minimo in area 1180 $.

    • Cio’ che non mi convince è la ripartenza dal doppio minimo, che tutti possono vedere…, troppo facile…

      • Non ti convince? per me il doppio minimo non sarebbe neppure dovuto accadere… ma la FED è molto influente e così è stato. Negli ultimi decenni ha prodotto bolle e poi volutamente le ha fatte sgonfiare. Ma oggi la situazione mi sembra arrivata al capolinea perchè se fa scoppiare questa bolla viene giù tutto. E allora non potendo farlo dovrà sperare che qualcosa muti aldilà della sua politica(energia a basso costo che cade dal cielo?), altrimenti l’esito finale sarà disastroso comunque.

        • Hai ragione Luigi,sono convinto che oramai siamo alla fine dei giochi,ma credo che ora il prezzo stia salendo a causa della situazione al Comex per la scadenza di Febbraio. Mi aspetto un ultimo “scherzetto” per far uscire gli irriducibili che si sono messi long sul doppio minimo, e poi la vera ripartenza. E’ un mio parere, che tra l’altro a noi poco importa visto i nostri obbiettivi di medio lungo periodo.E’ il motivo per cui mi sono tenuto da parte un ulteriore gruzzoletto che usero’ se si avverasse la mia ipotesi, altrimenti andrà benissimo lo stesso 🙂
          quest’anno sarà proprio interessante!

          • Stesso motivo per cui attendo anch’io a comprare, non si sa mai si ha a breve un nuovo minimo.

          • Penso vi siate un po’ risposti da soli, gli irriducibili non escono ne oggi ne con un ulteriore minimo, anzi, incrementerebbero……. Per mettere in ginocchio l’oro cartaceo invece si può fare altro 😉

  2. Ciao a tutti ragazzi,
    per Luigi: non ho notizie precise circa il mercato dell’oro dell’India, come mi richiedi; sto “indagando” sulla rete in cerca di “nuove” ma per ora niente di che, comunque se ho aggiornamenti li inseriro’ nei prossimi articoli, in quanto il mercato indiano dei preziosi e’ il piu’ importante al mondo.

    Per quanto riguarda il doppio minimo, personalmente (ripeto: personalmente) ritengo che siamo arrivati a un punto di svolta rialzista. A parte la figura che si e’ delineata a livello di analisi tecnica, le notizie che mi giungono dai mercati emergenti (e’ qui che sta avendo inizio la crisi, non dagli USA che potrebbero esserne in seguito contagiati a causa della bolla speculativa sui mercati azionari americani), dicevo che la crisi inizia dagli emergenti.

    La Cina innanzitutto: la bolla del credito che ha creato la piu’ grande inflazione creditizia di sempre, sta per esplodere. Sembra che un veicolo finanziario, collegato a dei prestiti rilasciati a un’azienda carbonifera ora in bancarotta, stia per fare default e dare inizio a un “effetto contagio” sul sistema finanziario cinese (incluso quello molto oscuro detto “ombra” – shadow banking).

    In Argentina stiamo assistendo al collasso del Peso; in Venezuela al collasso del Bolivar; la crisi Argentina sta contagiando anche il Brasile; in Ucraini siamo vicini alla guerra civile; il valore della Lira Turca sta sprofondando; e l’indice PMI in Cina e’ crollato. E’ un mix di notizie negative (purtroppo) che preludono a un ritorno al metallo giallo in veste di “bene rifugio” (safe haven).

    Vedremo se la mia visione trova conferme i prossimi giorni.

    Ciao a tutti

    Riccardo Gaiolini
    Analyst & Research
    http://www.deshgold.com

  3. Ciao a tutti,
    volevo porre un quesito sulla vendita di lingottini in oro.
    se vendo un lingotto (diciamo che mi è stato regalato quindi non ho la fattura di acquisto, acquisto che ovviamente non è mai stato comunicato al fisco) la cui quotazione supera abbondantemente i 1000€, tali soldi mi vengono dati tramite bonifico, quindi esiste una tracciabilità. su questa vendita devo pagare tasse allo stato, o meglio, lo stato mi chiederà il pagamento di una tassa da plusvalenza anche se non è mai stato comunicato l’acquisto?

    mi è parso di leggere da qualche parte che bisognerebbe pagare una % sulla plusvalenza…

    Grazie

  4. Lo Stato non ti chiede,
    sei tu obbligato per legge ad indicare in dichiarazione dei redditi, alla voce altri redditi o redditi diversi la plusvalenza, che in realtà non sarebbe tecnicamente una plusvalenza vera e propria, in quanto non conoscendosi il prezzo di acquisto, non si può fare la sottrazione e calcolare la differenza. In tal caso la “plusvalenza” si presume, ovvero lo Stato ti dice che comunque sia sei tenuto a pagare le tasse (il 20 %) sul 25 % dell’importo incassato, a cui hai venduto il tuo lingottino.
    Vedi tra i commenti all’articolo sull’argento per trovare anche il caso in cui sei in possesso della ricevuta di acquisto (ti avviso che dovresti sciropparti la lettura di tutti i commenti, ma…chi cerca trova! E lascia pure un commento!)

  5. Domani la Fed pone in essere la seconda mandata del tapering. In questi due giorni l’oro come le borse hanno ceduto poco o niente, sono tutti in attesa di ciò. I mercati internazionali e i suoi operatori, per conto mio, reagiranno e saranno condizionati dalla politica monetaria della Fed e anche l’oro seguirà questi sviluppi della manovra.
    La Fed dovrebbe ridurre l’espansione monetaria di 10 miliaridi, forse dopo il botto delle valute dei paesi emergenti e per attrarre i capitali verso la borsa americana, la Fed potrebbe rimandare il tapering o tagliare solo 5 miliardi. Oppure forte dei risultati che ha già avuto, quello della fuga di molti fondi dai mercati emergenti, potrebbe seguire il suo tapering di 10 miliardi e annunciare dati positivi del mercato americano mostrando un calo della dissocupazione (truccato in quanto i disoccupati di lungo periodo in america vengono scancellati dalla lista dei disoccupati).
    Comunque se la Fed riesce a dare fiducia ai mercati e investitori internazionali, per conto mio domani ci riesce, la borsa americana festeggia e sale alla grande e probabilmente trascina l’oro verso 1150-1180 dollari l’oncia. Tanto che l’oro finanziario poi, fra qualche giorno o settimana, potrebbe rimbalzare verso i 1300 dollari l’oncia e restare intrappolato sotto questa quotazione per un bel pò, tanto che molti trader sranno macellati dallo squalo della Fed: dove la stessa riuscirà nel suo obbiettivo per un pò di tempo di disaffezionare gli investitori dall’oro e portarli nella borsa americana per andare poi direttamente alla macellazione.
    Ricordiamoci che uno degli obbiettivi della Fed e anche quello di controllare il mercato dell’oro finanziario e di rovescio quello fisico (per assurdo la gente compra quando le cose costano tanto e la fed lo sa). Tanto ancora ci vorrà del tempo prima che la quotazione dell’oro fisico sia sganciata dall’oro finanziario.
    P.S.
    Il mio è un parere personale risultato di interpretazioni di alcuni dati, ma più che altro istinto:
    1) la borsa americana corre veloce è attrae capitali da ogni dove;
    2) il tapering gli serve per misurare la sua autorità e fiducia che ancora riesce a dare;
    3) spingendo in basso le valute internazionali, gli USA comprano materie prime e commodity a buon mercato, tanto da far ripartire un pò la produzione industriale americana, ma soprattutto gli USA si fanno il pieno e rimpinzano le loro scorte energetiche abbastanza decimate da questo freddo inverno americano;
    4) la borsa americana ancora è la principale al mondo e detta legge sulle altre nazioni;
    5) quando sarà il momento la Fed brucierà nel mondo trilioni di valuta fiat e ripagherà il debito americano con tre lire;
    6) i paesi del BRIC ancora sono deboli rispetto allo squalo della FED da poter dettare legge e reagire nel breve periodo.

  6. Luigi, tu che sei sempre informato, sai cosa ha deciso la Fed sull’ulteriore tapering?

    • Ciao Andrea, la decisione della FED la sapremo dopo le ore 20 italiane. Vedo che le borse sono in lieve calo mentre il gold quota positivo, che sia una anticipazione del mercato? non saprei dirlo perchè in passato buone notizie hanno fatto muovere il gold al contrario e viceversa. E’ tutto truccato e manipolato ma mi convinco sempre di più che non potrà finire bene. Si parla di portare gli stipendi da 1400 € al mese ad 800 € e chi ci vive con questi stipendi?

      • Sono mesi che continuo a dire che è tutto truccato e manipolato eppure come risposta, mi si consigliò di fare una crociera anzichè investire in oro. I grafici e le statistiche secondo me non servono a molto, tanto decideranno sempre i Grandi del Potere quando farlo salire.
        Io invece ho sempre più il presentimento che a breve scenderà di nuovo, con un nuovo minimo o lì vicino. La scorsa volta dissi così e salì, al contrario. Vediamo ora invece.

  7. Meno 10 mld di $ nel mese di febbraio e il gold sale. Succede nei giochi di prestigio e questo lo è per definizione ed eccellenza. Dopo aver convinto il mondo che il gold scendeva perchè sarebbe stato attuato il taper, adesso che il taper è avviato lui sale. Ah.. ah.. vorrei vedere la faccia del prestigiatore… mentre tira fuori la colomba dal cappello. Devo ammettere che Angelo lo aveva ipotizzato questo comportamento anomalo.
    Domani forse passeremo i 1275 $ oz e poi più sù… e allora al prestigiatore cadrà il cappello. Come mai?… come mai?… avevamo fatto tutto bene .. e allora?
    allora chi di arte d’inganno ferisce … poi subisce. Ah… ah… ora vado a trovare il mio amico Tom Bombadil!

  8. Per conto mio, l’oro finanziario arriva a toccare vicino zona 1180 – 1200 fra pochi giorni, poi vediamo giovedì e venerdì. Poi come ho già detto mi aspetto, dopo il minimo di questo tapering, un rimbalzo dell’oro finanziario verso quota 1300-1380 e qui ci stagna per un bel pò intrappolando molti trader e fondi internazionali.
    La risalità dell’oro, veramente consistente, la vedremo quando il petrolio salirà oltre i 120 dollari al barile.
    Nel frattempo comunque la Fed qualche risultato l’ha portato a casa e di sicuro molti quando sarà il momento saranno macellati.
    P.S.
    Passa che passa io oggi ho comprato un 1KG d’ argento in moneta koala 2014 a 534 + spese di spedizione, oltre a 5 sterline d’oro V.C. a 223 cadauna . Se poi si arriva ad un ulteriore minimo, sparo uno degli ultimi colpi di artiglieria per l’ oro per questo 2014 (nella speranza che si va avanti a questi prezzi per ancora qualche anno). E poi vediamo cosa succede, sul breve termine si può anche azzardare qualche pronostico, sul lungo termine è quasi impossibile.

    • L’hai avuto ad un bel prezzo, specie le sterline?Sempre da quel venditore che mi hai comunicato?Anch’io ho in serbo un ultimo pezzo d’artiglieria per il prossimo e imminente minimo.

      • L’argento l’ho preso dal venditore tedesco, per le maple questo mi ha dato l’identificativo dhl per rintracciare la spedizione, quindi sono quasi sicuro che arrivano e non mi ha tirato il pacco, almeno spero.
        Poi ti ribadisco il mio consiglio di non fare acquisti per importi superiori alle 1000 euro, meglio intorno alle 500 euro, su internet. Questo perchè in caso di problemi, pacco sola o truffa, la somma in gioco è modesta, tanto che l’eventuale rischio è accettabile.
        Per quanto riguarda le sterline queste l’ho prese vicino casa, io abito vicino ad Arezzo e da queste parti l’oro si compra bene, visto che Arezzo è un polo centrale dell’oro in Italia.

        Oggi la giornata dell’oro avrebbe segnato forse un piccolo segno negativo, ma il dollaro si è apprezzato un poco sull’Euro, tanto da vanificare il tutto. Però il tapering della Fed ha comunque abbassato la quotazione dell’oro.
        P.S.
        Vediamo come si parte nella nuova settimana con i mercati, a questo punto tutto può essere possibile. Perchè se in questi giorni molti investitori sono entrati nella borsa americana molti altri investitori oggi sono usciti, soprattutto i più svegli i best trader, si sono portati a casa i guadagni di borsa di questi anni, hanno salutato, ringraziato la Fed e si sono collocati sulla difensiva. Potrebbe essere un anno stagnante sia per la borsa che per l’oro ed essere tutto rimandato al prossimo o prossimi anni. Come a breve potrebbe iniziare un crollo della borsa americana, con una rapida salità dell’oro e commodity, però finche non sale il petrolio la vera crisi deve ancora arrivare. Probabilmente si va avanti con la borsa che cresce a ritmi lenti e staganti e l’oro che rimbalza su quotazioni non interessanti per vendere, ma per comprare si.
        Poi aspettiamo i successivi tapering e il G8/20 di maggio e luglio di Mosca e Sidney, sulle evoluzioni a breve del mercato e mercati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Banca d’Italia e Oro: Ma di cosa stiamo parlando?

In questi giorni impazza su Internet la notizia relativa al d.l. 133/2013 oggi in approvazione al Parlamento. L'indignazione della rete e'...

Chiudi