Barometro Oro: 19.Ott.2013


L’oro ha aperto la settimana a $1.273,20 e ha chiuso a $1.316,90.
Al Comex di New York, i contratti futures sull’oro, per consegna dicembre sono quotati a $1.315,80.

Resistenze e supporti: Prima resistenza posta a $1.325,00, seconda a $1.340,00 e terza a $1.350,00; primo supporto posto a $1.309,00, secondo a $1.301 e terzo a $1.288,00.

Analisi settimanale

Giovedi’ le quotazioni del lingotto sono letteralmente decollate nell’arco di pochi minuti, guadagnando subitamente il 3% e stabilizzandosi a $1.322,00 per oncia a fine giornata. 

Molti analisti del settore ritengono che la causa del rally dell’oro sia imputabile all’accordo sull’innalzamento del tetto del debito negli USA.

La precedente chiusura parziale degli Uffici Federali (shutdown), chiusura forzata dal mancato accordo sul deficit, avrebbe causato una frenata dell’economia americana di ben 24 miliardi di dollari in soli 16 giorni.

I problemi sul tetto del debito e sul deficit sono solo stati rinviati.

Noi riteniamo che le ragioni siano altre, imputabili al fatto che, a nostro avviso, la FED ritiri definitivamente il piano di rientro negli acquisti di assets (cosiddetto “tapering”), ovvero che l’espansione monetaria rimanga invariata sulla base di 85 miliardi di dollari mensili.

Anzi, riteniamo che con Janet Yellen in “campo” (futuro Presidente FED) il ritmo dell’espansione monetaria possa solo accelerare.

Richard Fisher, Presidente della Fed di Dallas, ha chiaramente espresso l’opinione che difficilmente la Banca Centrale Statunitense, durante la prossima riunione del FOMC (Comitato Esecutivo FED), ridurra’ il ritmo dei propri acquisti di assets (titoli pubblici e spazzatura finanziaria tossica – “mortage-related assets”).

Anche il Presidente della Fed di Chicago, Charles Evans, ha dichiarato a Madison, nel Wisconsin, che “e’ troppo presto per mettere fine alla politica degli stimoli monetari”.

Evans e’ membro votante nel board del FOMC. Evans ha poi precisato che la Fed giudica “ambigui” i dati economici statunitensi inerenti il mese di settembre, e che la stessa Fed non puo’ assumersi il rischio di rallentare la politica monetaria (“near-term risks as too large to support decision to taper”).

Il Presidente della Fed di Chicago ha inoltre affermato che il tasso di disoccupazione rimane pericolosamente elevato, che non tende a scendere e, date le condizioni deteriorate del mercato del lavoro, bisognera’ ancora attendere per ridurre i ritmi di acquisto di assets.

Nel gioco delle parti tra dichiarazioni dei vari Governatori della Banca Centrale meritano un cenno anche le comunicazioni pubbliche di Presidente Esther George, della Fed di Kansas City.

George ha affermato di dissentire riguardo le politiche ultra-espansive messe in atto dalla Fed. Narayana Kocherlakota, della Fed di Minneapolis, ha evidenziato invece che la Fed e il mondo della politica di Washington devono fare tutto il possibile per abbassare il tasso di disoccupazione.

Tornando all’analisi del vertiginoso rimbalzo dell’oro di giovedi’ scorso segnaliamo che al Comex di New York in pochi minuti sono stati acquistate 48,3 tonnellate di oro virtuale.

Detta quantita’ e’ pari a quella prodotta settimanalmente nelle miniere di tutto il pianeta.

E’ evidente che il combinato disposto tra l’accordo sull’innalzamento del tetto del debito USA e le dichiarazioni dei membri della Fed abbia dato adito a una forte ripresa delle quotazioni del lingotto.

L’accelerazione al rialzo e’ stata causata anche dal fatto che molti traders “ribassisti” al Comex (con posizioni “corte” – short) sono stati presi in contropiede dal rialzo e hanno dovuto correre a ricoprire le posizioni per evitare pesanti perdite.

L’oro, pertanto, ha rotto al rialzo l’importante trendline posta attorno ai $1.306,00 – $1.309,00; cio’ potrebbe suggerire che il trend ribassista, abbia cominciato a perdere il suo potenziale di fuoco.

Osserviamo una forte resistenza posta nel corridoio tra $1.340,00 e $1.350,00.

Un’eventuale rottura rialzista di questa resistenza (riconducibile alla media mobile a 55 giorni, dal minimo di maggio al massimo di luglio) aprirebbe le porte per un ulteriore forte movimento con primo target posto a $1.425,00.

La relazione tra tetto del debito USA, debito pubblico e prezzo dell’oro 

Come segnalavamo nella scorsa rubrica, vi e’ una forte correlazione tra il tetto del debito degli USA e prezzo del lingotto.

Molte stime economiche, suggeriscono che il tetto del debito raggiungera’ tra pochi anni la stratosferica cifra di $22 trilioni di dollari. In quel caso, le quotazioni dell’oro (strettamente correlato con il “debt ceiling), raggiungerebbero i $3.500,00 per oncia (grafico sotto).

 

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

4 COMMENTI

  1. Qualcuno mi sa dire, in parole povere, cosa sono resistenze e supporti?Bravo Luigi Mattocci, qui c’è scritto proprio ciò che avevi previsto col tuo grafico.

  2. Provo a spiegarlo io anche se non sono un esperto. Quando il prezzo si muove verso l’alto o verso il basso trova dei valori di prezzo di arresto. Questi si chiamano resistenze quando la quotazione si muove verso l’alto e supporti quando la quotazione si muove verso il basso. Alcuni supporti inoltre hanno una forza più psicologica che di reale tenuta. Abbiamo visto recentemente che il prezzo del gold sfonda il valore di 1300 oz ma poi lo recupera facilmente. Sembra quindi che questo valore di prezzo sia psicologicamente considerato importante. Invece una resistenza di rilievo nel recente rialzo è stata 1420 oz. Più in generale potrai osservare che nella caduta del prezzo i precedenti supporti diventeno le resistenze per il futuro rialzo.

  3. Oggi il gold ha preso forza superando di poco i 1350 $ oz. E’ un buon segnale. Se mantiene questa forza anche in presenza di una crescita del cambio $/€ recuperiamo qualcosa di quello che è stato perso con la recente caduta del $. Quando il gold ha forza perde la stretta correlazione col cambio. Speriamo!! Altrimenti avere una moneta forte come l’euro ci penalizza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Testa e spalle ribassista si, Testa e spalle ribassista no, la Terra dell’Oro!

Giovedi 17 Ottobre, il mondo finanziario (e non solo) e' in trepidante attesa di quella che sara' la decisione del...

Chiudi