Il ruggito del Drago d’Argento cinese

In questo articolo analizziamo come si sta muovendo il gigante cinese nel mercato dell’argento. Come vediamo dal primo grafico, la Cina non sta accumulando in modo aggressivo argento in importazione da Hong Kong.

 

Qui di seguito invece vediamo il grafico che mostra le esportazioni annuali d’argento. La Cina era forte esportatrice fino al 2000; dal 2001 a oggi ha esportato 11.549 tonnellate d’argento. Negli ultimi due anni la Cina e’ divenuta importatrice netta.

In questo grafico sono prese in considerazione la produzione interna cinese d’argento e le importazioni nette da Hong Kong. Come puoi notare, la Cina continua ad aumentare la sua produzione d’argento, da 1600 tonnellate fino alle 3200 annue.

 

L’ultimo grafico a lungo termine, ci mostra il forte accumulo d’argento da parte della Cina, negli ultimi decenni a questa parte.

Ti invito a riflettere su un aspetto. Se la Cina divenisse importatrice netta d’argento al fine di diversificare le proprie riserve e per largo uso industriale, a quale quotazione potrebbe arrivare questo metallo?

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Barometro Oro: 12.Gen.2013

Il metallo giallo ha assunto una posizione ribassista cosi' come il dollaro americano, nonostante il loro rapporto consistente in una...

Chiudi