Mr. Trump e il Gold Standard (ciao ciao FED)

trump gold standard

L’adozione del gold standard è impensabile, così come lo era l’elezione di Mr. Trump.

di John Ing

Otto anni di stimoli economici non erano riusciti a farlo, mentre l’elezione di Donald Trump ha generato la più grande corsa del mercato azionario di ogni presidente dai tempi di Ronald Reagan.

I mercati finanziari di tutto il mondo continuano a registrare scommesse che l’elezione di Donald Trump e le sue promesse di aumentare le spese per le infrastrutture, ridurre le tasse e la burocrazia, migliorerà l’economia americana.

Presto avremo le infrastrutture di Trump, i tagli alle tasse fatti da Trump, e il protezionismo di Trump. Per questo lui avrà bisogno di capitale.

Il mercato azionario comunque la pensa diversamente e i rendimenti sui titoli del tesoro Americano con scadenza a 10 anni hanno fatto un salto in avanti di 100 punti base ed il debito pubblico è arrivato a nuovi minimi, lasciando gli investitori con il peggior bagno di sangue che si sia mai visto dal 1990 sui titoli di Stato Americani.

Per la prima volta da Eisenhower, i Repubblicani controllano sia il Congresso che la Casa Bianca.

Chiaramente gli investitori hanno ignorato il lato negativo di un recupero azionario alimentato da Trump (tanto temuto prima dell’elezione).

Noi crediamo che le aspettative di crescita portate da Trump e la risultante inflazione si tradurrà in una baldoria di colossali proporzioni.

E, ironia della sorte, questo Re del Debito porterà benefici all’oro.

Make Gold Great Again (Trump reintrodurrà il Gold Standard?) 

(ndr. A fine Dicembre 2016) l’oro è stato il più grande perdente, raggiungendo dopo l’elezione di Trump il suo valore più basso in 10 mesi, dovuto dal fatto che gli investitori temevano tassi più alti e un dollaro americano più forte che ha portato ad una serie di vendite anche da parte di fondi.

Sulla scia della Brexit, la vittoria di Trump e lo shock del referendum italiano, la deludente azione dei prezzi dell’oro ha dato luogo a scenari ribassisti.

Crediamo tuttavia che l’ottimismo circa Trump si scontrerà con la realtà del suo ufficio e il bias inflazionistico della sua agenda sosterrà più alti prezzi per l’oro.

Così i timori di un nuovo test dei minimi di Gennaio 2016 sono esagerati.

Ci aspettiamo che gli attuali livelli mantengano la resistenza a $1,225 e $1,275 ad oncia, ma con un supporto solido a $1,100 l’oncia (ndr. l’autore lo scriveva un mese fa).

Le incertezze geopolitiche rimangono, le conseguenze di round e round di allentamento si fanno ancora sentire e gli acquisti di oro dalle banche centrali continuano.

Il premio con cui l’oro viene venduto in Cina (ndr. la differenza di prezzo rispetto alle vendite che avvengono con quotazione a Londra) è salito alle stelle a causa della carenza di oro fisico.

E finalmente il team di Mr. Trump è composto da sostenitori del “denaro forte”, rendendo il restauro del bilancio dell’America di primaria importanza e questo potrebbe riportare l’oro allo splendore visto che ha aperto discussioni su come utilizzare al meglio il tesoro d’oro che possiede gli Stati Uniti.

Per essere chiari, l’indignazione liberale ha frainteso il fenomeno Trump.

I suoi cosiddetti “déplorables” non hanno bloccato Trump e non lo hanno certo portato a “prosciugare la palude”.

Se fosse così non avrebbero votato per lui. Non capendo il suo messaggio, i democratici hanno perso la Camera, il Senato, i due terzi delle case dello Stato e la Casa Bianca.

Gli americani hanno semplicemente votato per la speranza e la promessa di lavoro e l’audacia è stata che non hanno pensato troppo all’informale approccio di Trump ai fatti.

Loro hanno comunque condiviso il suo disdegno per l’elite e il disprezzo delle norme tradizionali, atteggiamento che a lui non è costato nulla.

Trascurato dai Clinton, Renzi e Cameron, il fatto è che gli elettori sono stufi della politica tradizionale.

Lavoro, lavoro, lavoro: questo è parte della soluzione e questo presidente è probabile che userà il suo ufficio con un approccio di buon senso per gli affari, sfruttando ciò per raggiungere questi obiettivi.

Il cambiamento sta arrivando

Parte del problema è che Trump è ideologicamente agnostico.

Le sue recenti dichiarazioni hanno talvolta soddisfatto destra e poi sinistra, e talvolta entrambi erano infelici. La sua immagine populista è contraddetta dai suoi recenti appuntamenti di gabinetto.

Il business evita il candidato, e chiedevano a gran voce di aderire al gabinetto del Presidente del Consiglio. Naturalmente, ci sono contraddizioni e potenziali conseguenze indesiderate.

Il recentemente eletto segretario al Tesoro Mnuchin abrogherà il patto che regola il commercio Trans-Pacifico (TPP), ma potrebbe essere messa a punto la NAFTA.

Trump vuole promuovere l’industria del carbone, ma si incontra con Al Gore. Poi c’è Trump che minaccia una guerra commerciale… con il suo principale partner commerciale.

L’imprevedibilità di Mr. Trump è la sua forza. L’unica certezza è che ci sarà incertezza. Come tale, gli investitori che una volta hanno pagato poco per il rischio, ora sconteranno il premio di quell’incertezza. Il cambiamento sta arrivando.

Un cambiamento di paradigma è in corso.

Lo smantellamento della promessa dell’Obamacare tanto odiata, Dodd-Frank e della Volcker Rule incrementerà il PIL, tuttavia la spesa in infrastrutture e tagli fiscali costerà un sacco di soldi e aggiungerà un altro carico di debito agli ereditati $ 20 miliardi di dollari.

Mr. Trump non può avere entrambe le cose. Il denaro è fluito dal mercato obbligazionario nel mercato azionario inviando il Dow sopra ai 20.000 e il dollaro USA al suo livello più alto dal 2003, guadagnando circa il 43% dal 2008.

Minacciosamente, le banche centrali straniere hanno scaricato quasi $400 miliardi di debito degli Stati Uniti negli ultimi 12 mesi, in quanto non solo hanno diversificato i loro portafogli, ma hanno ridotto la loro esposizione in dollari.

Anche la Cina ha scaricato $ 150.000.000.000 di titoli del Tesoro USA, cifra equivalente ad un mese di nuova emissione della tesoreria.

Il patrimonio degli exchange cinesi è caduti a poco oltre i $3 trilioni dal 2014. Crediamo che la luna di miele non durerà poiché le aspettative cambiano anche non tenendo conto della politica, del bilancio e delle realtà del ramo legislativo.

Come fare degli amici e gente influente

Poi c’è la politica estera del signor Trump che sembra scartare quasi 50 anni di dottrina globalista, degno di nota perché arriva in un momento in cui l’egemonia globale dell’America è in declino.

Il motto “America First” [Prima l’America] di Trump rappresenterà un cambiamento sismico nel bilancio regionale e globale del potere e del commercio. Il mondo starà a guardare la futura amministrazione di Mr. Trump con un misto di trepidazione e di speranza.

Tuttavia, vi è la preoccupazione che Mr. Trump relegherà all’ultimo posto le sfide internazionali che riguardano l’Europa, Mr. Putin, il Medio Oriente e la Cina, mentre lui si occupa a realizzare le promesse di “America First”.

Un ridotto ruolo a livello internazionale, insieme ad un atteggiamento aggressivo nei confronti degli avversari degli americani e anche verso gli alleati non faranno altro che aumentare l’isolamento degli Stati Uniti per la gioia dei suoi avversari.

Più probabile è che la Russia, la Cina e l’Europa gestiranno le loro rispettive sfere di influenza a livello mondiale e, piuttosto che farsi prendere da interessi di costruzione della nazione, strategie e sicurezza, decideranno per quegli interessi regionali.

Cinque anni dopo questa quasi rottura, l’esistenza dell’Unione Europea è di nuovo minacciata con banche italiane cariche di crediti non performanti di $ 2 miliardi, le preoccupazioni circa le banche greche e la paura per il contagio.

L’Italia è la terza più grande economia della zona euro e la perdita del referendum di inizio Dicembre 2016 è la più grande minaccia, già squassata dalle intenzioni della Gran Bretagna di lasciare l’Europa.

Il piano di salvataggio proposto dal Monte dei Paschi carico di troppi crediti non performanti è stato fatto deragliare dal voto e le nuove elezioni arriveranno probabilmente troppo tardi per il Monte dei Paschi.

Può Mario Draghi calciare questo barattolo italiano lungo la strada?

Poi ci sono i recenti stress test della Banca d’Inghilterra, grazie ai quali la Royal Bank of Scotland e la Barclays sono stati trovati in condizioni di sottocapitalizzazione e ancora una volta hanno fallito lo stress test.

Le imminenti proposte di Basilea erano state fatte per stringere i requisiti di rischio e capitale, ma ora l’allentamento dell’America piuttosto che ridurre la regolamentazione, darà a quelle banche sottocapitalizzate un’altra opportunità per andare a leva e non sistemare i propri bilanci.

Cosa farà Trump?

Nel frattempo, il commercio globale è anche rallentato e questo renderà più difficile il libero scambio voluto dal partito repubblicano per approvare le sue promesse di protezionismo in stile anni ‘30.

Le catene di approvvigionamento globali sono integrate e già un grande rango di repubblicani è contrario alle tasse di importazione per colmare il divario del deficit commerciale.

Mr. Trump deve ancora far fronte ad una tariffa punitiva del 45% sulle importazioni cinesi. Le relazioni sino-americane sono una delle principali sfide dell’amministrazione Trump, in particolare con la sua recente sfida all’accordo “una sola Cina” che ha regolato i rapporti per più di 40 anni.

Crediamo che la sua “arte di fare affari” sia una dimostrazione di forza che fa da preludio a difficili negoziati. La Cina sta osservando e se l’America dovesse introdurre tariffe all’importazione, ci sono molti modi con cui potrà fare ritorsione, come ad esempio i dazi su quei grossi aerei Boeing o sull’iPhone.

Di conseguenza, Mr. Xi e Mr. Trump, entrambi uomini forti, potrebbero scoprire un approccio pragmatico guardando oltre i contrasti commerciali e valutari.

Dopotutto, la Cina e gli Stati Uniti sono i più grandi partner commerciali l’uno per l’altro, rimangono uniti ed entrambi hanno molto da perdere.

La selezione del governatore dell’Iowa Terry Branstad, un “vecchio amico” della Cina, come ambasciatore in Cina è un primo passo positivo.

Gli Stati Uniti hanno bisogno del mercato e del capitale della classe media cinese. La Cina ha bisogno della tecnologia americana e dei suoi mercati per alimentare il suo prossimo round di crescita.

Inoltre, la Cina ha il capitale e la tecnologia per aiutare l’America a ricostruire le sue infrastrutture, come autostrade, ponti, tunnel e aeroporti.

Tuttavia, Trump potrebbe compiere errori come accettare una chiamata dal presidente di Taiwan, mettendo in discussione la politica di una sola Cina, o intrattenendo il Dalai Lama, cosa che porterebbe ad una battuta d’arresto ad ogni significativo inizio.

Make America Gold Again

Quindi, come pagare le spese di Mr. Trump?

Chiedere ai partner commerciali americani di pagare il conto è improbabile, specialmente se Trump strappa gli accordi commerciali, pubblica tweets sconsiderati e impone tasse.

Noi crediamo che sia più probabile la risurrezione del Playbook di Reagan di ridurre le tasse, la spesa pubblica e la regolamentazione con in aggiunta l’utilizzo delle riserve di oro degli Stati Uniti.

Le finanze dell’America sono nel caos e stanno peggiorando. Ciò che influenza il sistema monetario degli Stati Uniti è il debito. Debiti su debiti non vanno bene e Mr. Trump ha ereditato un problema, tuttavia c’è una soluzione: l’oro.

goldstandardC’è stato un periodo in cui l’oro era denaro. Gli Stati Uniti avevano un gold standard dal 1789 al 1971. Per 182 anni, incluso il periodo della Grande Depressione, il gold standard ha rappresentato un denaro stabile, soprattutto perché non c’erano limiti artificiali alla fornitura di denaro.

Parte del fascino dell’oro è la conservazione del valore.

L’America è il più grande possidente al mondo di oro, anche se le sue riserve non crescono più annualmente, al contrario delle valute fiat.

Il prezzo fu fissato a $35 per oncia e le altre valute vennero ancorate al dollaro. Comunque, nel 1971, il Presidente Nixon eliminò il gold standard perché c’era troppa richiesta di ritiro [dell’oro posseduto presso le riserve della Federal Reserve da parte di paesi esteri] a causa delle passività generate con la guerra del Vietnam e della LBJ’s Great Society.

Negli anni successivi, l’America ha goduto di una linea virtuale illimitata di credito, semplicemente creando dollari per pagare i conti in una valuta che stampava, permettendo all’America di consumare più di quanto producesse.

Il dollaro divenne la chiave di volta del sistema monetario internazionale.

Oggi i due terzi delle attività mondiali sono denominate in dollaro fiat sostenute dalla “piena fiducia e credito” della nazione; di fatto un dollar-standard.

Per decenni, i governi, le banche centrali e le società hanno usato i dollari. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno continuato ad andare sempre più in rosso e i grandi deficit commerciali sono diventati la norma.

In otto anni dalla crisi finanziaria, basandosi sulla fiducia in pratiche monetarie non convenzionali e il debito, l’America ha invaso il mondo di dollari nel tentativo di far riemergere la propria economia.

Comunque, ciò è cambiato quando i partner commerciali dell’America con crescenti riserve di denaro straniero si sono allarmati della propria dipendenza dall’egemonia del dollaro. Le sanzioni americane portarono la Russia a cercare delle alternative.

Similmente, l’Iraq, l’Iran e altri paesi cercarono delle alternative. I creditori esteri dell’America, a loro volta allarmati da questa valanga di dollari, si sono via via liberati dei loro dollari. La metà del mondo ha comprato oro.

Oggi lo stato della riserva del dollaro dipende dalle politiche geopolitiche.

Noi crediamo che la posizione isolazionista degli Stati Uniti, insieme ad un trattamento più aggressivo dei suoi avversari, eroderà il suo status di riserva del dollaro.

Nel mondo incerto di oggi l’oro potrebbe essere una buona cosa da avere – potrebbe addirittura diventare di nuovo di moda.

Trump e l’Oro

Avevamo un paese veramente, veramente forte perché era basato su un gold standard”.

Queste le parole di Donald Trump nel luglio 2015 durante un’intervista condotta da Bloomberg. E aggiunse: “Noi non abbiamo oro. Altri posti hanno l’oro.

E’ difficile dire come andranno le scelte del gabinetto di Trump, ma questo Presidente ha emulato il gabinetto di Winston Churchill che non solo ha attraversato le linee di partito ma che era costruito da un gruppo di ministri potenti che possiedono talento ed esperienza.

Visto che nell’agenda economica di Trump regna l’ottimismo, il suo team economico va da generali in pensione ad un quartetto di miliardari il cui comun denominatore è la visione di una hard money [denaro forte] che possa limitare la Fed e per alcuni portare ad un ritorno al gold standard.

Invece di “asciugare la palude”, Trump sta usando i vecchi abitanti della palude con idee conservatrici che abbracciano un programma tradizionale basato su meno tasse e meno regolamentazione.

Trump ha usato come sua ricorrente denuncia populista il fatto che sotto gli ultimi presidenti c’è stata un invasione costante delle libertà individuali, inclusa una guerra contro i risparmiatori.

Poiché la maggior parte del suo team è composto da gente che ha esperienza negli affari e quindi una mentalità flessibile e pronta al cambiamento, è facile intuire che giocheranno un ruolo attivo nell’economia.

Ci si aspetta che l’eletto produttore di affari Steven Mnuchin ripristini l’equilibrio di potere facendo del Dipartimento del Tesoro il motore essenziale della politica economica al posto della mano pesante della Federal Reserve che ha dominato la politica monetaria dal 2008 con i suoi “programmi non convenzionali” che non sono riusciti a risollevare l’economia.

Sin dal 1973 gli amministratori repubblicani hanno avuto buon feeling con l’oro. Degno di nota è che durante questi 40 anni, dopo un anno di ufficio, l’oro ha guadagnato il 23% con amministrazioni reppubblicane contro il solo 5% durante la presidenza di democratici.

Pochi ricorderanno che nel 1984, il Repubblicano Jack Kemp (ex eroe del football) introdusse il Gold Standard Act, che richiedeva alla Federal Reserve di ristabilire il collegamento del dollaro all’oro.

Da allora questa promulgazione è stata un punto di riferimento per molti repubblicani.

Jack Kemp ha anche spinto l’economia dal lato dell’offerta che chiedeva meno tasse e una riduzione del governo, il che contribuì alla rielezione di Ronald Reagan per il secondo mandato.

Oggi molti discepoli di Kemp sono nella nuova amministrazione di Trump. Noi crediamo che, invece di armeggiare con i confini della politica economica, Mr. Trump rimodellerà il ruolo della Fed partendo dalle nomine di due governatori per ridimensionare l’interventismo della Fed.

L’imposizione del gold standard o l’uso dell’oro per finanziare il debito unirà il suo partito e sarà un modo elegante per pagare l’ambizioso programma di Trump.

Il team di Trump e l’oro

Uno dei maggiori contribuenti di Trump è stato Robert Mercer, un manager di successo di hedge fund.

Sua figlia Rebekah ha contribuito con almeno $4 million ed ora serve al suo comitato di transizione.

Degno di nota è che il signor Mercer è un falco nella politica monetaria e ha fatto molti sforzi finanziari per resuscitare il gold standard. E anche alcuni membri del gabinetto del signor Trump vogliono ristabilire il gold standard.

Per Mercer e per gli altri Repubblicani, la Fed è cresciuta troppo e i creatori del denaro necessitano di essere ridimensionati.

Un ritorno al gold standard eliminerebbe il potere della stampa della Fed e sarebbe la bellezza nascosta in una migliore politica monetaria in alternativa alla politica di sostentamento dell’attuale ambiente artificiale.

Mike Pence, Vice Presidente eletto sostiene un ripensamento del ruolo dell’oro nei mercati internazionali.

Nel team di consulenza di Trump ci sono altri sostenitori pro-oro tra cui Judy Shelton, co-direttore del sound money project, che ha sostenuto che le obbligazioni fossero garantite dall’oro, e Lawrence Kudlow recentemente nominato a capo del Consiglio degli affari economici.

Crediamo che gli appassionati dell’”hard money” rappresentino quasi il 30 per cento della squadra di Trump.

La Cina ha l’Oro

Di conseguenza, usare l’oro come garanzia per il debito sovrano allevierebbe la pressione dell’ambiziosa agenda di Mr. Trump.

L’America ha più oro del Fondo monetario internazionale e della Germania messe insieme e i prestiti garantiti dall’oro farebbero anche abbassare i rendimenti del debito sovrano senza far aumentare l’inflazione.

L’America potrebbe usare una parte della sua riserva d’oro in questo modo. Tuttavia, come Trump temeva in precedenza, gli Stati Uniti non hanno abbastanza oro, in compenso hanno troppi debiti.

Infatti, è la Cina ad avere l’oro.

Le banche centrali asiatiche hanno comprato oro perché hanno più dollari di quanti ne vogliano e non hanno abbastanza oro. La Cina ha rivelato di avere 1.833 tonnellate nelle proprie riserve di oro, mentre ne aveva 600 nel 2003.

Secondo alcuni report, le più grandi 16 banche commerciali della Cina conservano per i propri clienti, incluso il governo, 2.500 tonnellate di oro.

La domanda di gioielli cinesi e l’acquisto di pietre preziose sono ritenuti parte delle circa 2.000 tonnellate prelevate quest’anno dallo Shanghai Gold Exchange (SGE).

L’oro è una soluzione razionale adottata dalle banche centrali all’eccesso di dollari a copertura della svalutazione.

La Cina e il Giappone sono i maggiori creditori del mondo e l’America ha accumulato il più grande debito del mondo, pari a 20 trilioni di dollari.

Entrambi i governi tengono d’occhio la situazione con trepidazione. I cinesi temono un crollo del potere d’acquisto dei titoli di Stato Americani che detengono e l’America teme un crollo del finanziamento del suo debito.

Oggi la crescita della Cina, il partner commerciale più grande dell’America sta mettendo a dura prova l’egemonia del dollaro americano.

La Cina ha impostato swap in tutto il mondo nello sforzo di rendere convertibile la propria valuta.

Il renminbi della Cina è ora una valuta di riserva che fa parte del paniere dell’International Monetary Fund’s SDR.

Inoltre la Cina continua ad innovare i propri mercati finanziari, diventando il maggiore trader di oro del mondo. E’ anche il più grande produttore e consumatore di oro al mondo.

L’affondamento del renminbi ha portato ad una forte domanda di oro.

La Cina ha comprato oro per coprire la massiccia riserva di $3 trilioni di valute estere che per lo più consisteva in debito americano. Questo è stato possibile grazie alla collaborazione con le altre banche centrali guidate dalla Russia, che ha invece acquistato oro per 21 mesi di fila.

Fondato nel 2002, lo Shanghai Gold Exchange è interamente di proprietà del governo cinese ed è diventato il più importante trader del mondo di lingotti.

Ultimamente il premio (lo spread) per comprare oro sullo Shanghai exchange è stato più alto del 25% rispetto al prezzo battuto sul mercato occidentale e questo riflette la crescente domanda orientale oltre che la scarsità di oro.

Con una rete pari a 55 vaults (depositi), i prelievi d’oro dalla SGE si prevede che raggiungeranno le 2.000 tonnellate quest’anno.

Dal momento che lo Shanghai Gold Exchange ha introdotto la fissazione del prezzo dell’oro in renminbi per singolo grammo d’oro, calcolandolo due volte al giorno a partire dal mese di Aprile 2016, abbiamo stimato che l’oro è stato scambiato con un premio rispetto al mercato del Comex per oltre il 60% del tempo.

L’oro ha conservato gran parte del suo valore e in passato è stato ampiamente usato come regalo durante la stagione dei matrimoni.

Tuttavia oggi l’oro è diventato anche una copertura monetaria efficace, in particolare quando più di un terzo dei rendimenti del debito sovrano a livello globale è meno dello zero percento.

Oro, un investimento nel disordine monetario

Il dilemma è che le riserve d’oro dell’America sono relativamente basse rispetto alla base monetaria, quindi sarebbe necessario un prezzo di $10,000 ad oncia per introdurre nuovamente il gold standard (molto lontano dai $32 all’oncia del gold standard del passato).

L’adozione del gold standard è impensabile, così come lo era l’elezione di Mr. Trump.

Anche se non ci sarebbe da scommettere che il gold standard torni molto presto, il deficit americano non scomparirà a meno che il Paese non rinneghi o svilisca ulteriormente il dollaro.

In caso contrario l’America continuerà a stampare denaro, per sostenere la Trumponomics o per continuare a rinviare il default.

La paura della svalutazione della moneta è diffusa e l’inflazione conseguente potrebbe creare le condizioni per un altro run. Dopo tutto, gli spiriti animali sono tornati.

Vogliamo scommettere che il potenziale per una soluzione che ha a che fare con l’oro è in vista e che l’attuale prezzo dell’oro non è molto lontano dal suo minimo, in particolare quando c’è così tanta paura in tutto il mondo (ndr. quando l’autore scriveva, il prezzo dell’oro scendeva da circa 3 mesi. Il minimo dei prezzi è stato trovato proprio a fine Dicembre 2016, nei pressi della stesura di questo articolo).

Rimaniamo quindi fiduciosi nei confronti dell’oro e crediamo che raggiungerà il valore di $2.200 l’oncia entro i prossimi 18 mesi.

 

Desideri scoprire come comprare oro e argento fisico dai rivenditori più sicuri al mondo ed ai prezzi più bassi sul mercato? Guarda ora questo video-seminario gratuito.

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Staff DeshGold

.

2 COMMENTI

  1. Sul videoseminario dice che si puo avere fino a 9 volte di ritorno sul investimento ,a 2200 dollari non siamo neanche al 100% di ritorno sul investimento ,potresti spiegarmi un po questa cosa? non è un giudizio ,solo un chiarimento ,tutto qui

    • Ci sono due cose su cui vorrei riflettessi.

      1) Qual è la tempistica di cui stiamo parlando?
      Il tempo. Bisogna definire il tempo.

      E se approfondisci l’aspetto tempo, scoprirai che in tutto il mio lavoro faccio riferimento al 2020 come anno ENTRO CUI il grande movimento rialzista è atteso. Questo è il risultato di una serie di ricerche storiche che collimano al 2020. Non una mia idea o opinione.

      2) Nel tuo commento scrivi bene. Rileggiamo insieme la prima riga.
      “Sul videoseminario dice che si può avere fino a 9 volte di ritorno sul investimento”.

      Vorrei ti soffermassi su queste due parole: FINO A

      FINO A = significa che un ritorno di 9 volte sull’investimento, partendo dal prezzo di un’oncia d’oro che girava poco sopra i 1.000$ oncia al momento della registrazione del video e conoscendo l’andamento dei cicli storici del mercato dell’oro in modo approfondito e non superficiale, E’ POSSIBILE perchè è nei numeri del mercato.

      Non si tratta di un semplice artifizio utilizzato per fare audience, come tristemente molti “esperti” amano fare.

      Se però questa potenzialità estrecata dai numeri viene presa come un credo, allora l’investitore è lontano anni luce da cosa significa fare un investimento.

      Se viene invece vista per quella che è, ovvero un potenziale insito all’interno del mercato stesso, ottenuto studiando ciclicità e dati fondamentali, allora tutto diventa più chiaro ed aiuta a generare maggiore consapevolezza.

      Ti lancio un’ultima idea e chiudo.

      Hai mai provato a verificare l’andamento degli ultimi 90 anni del ciclo che si genera nella correlazione tra il valore delle riserve d’oro Americane e la creazione della loro Base Monetaria?

      Se conosci i fondamentali di questo mercato, e comprendi cosa è il denaro e cosa è stato in passato, allora non dovrebbe essere difficile mettere insieme questi dati, capirne il nesso, e tirare le conclusioni di ciò che vedrai con i tuoi stessi occhi.

      Un caro saluto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
intervista-jim-rogers-market-wizards
SPECIALE: Intervista a Jim Rogers, da Market Wizards

Jim Rogers è forse il trader più noto intervistato da Jack D. Schwager nel suo libro Market Wizards. Rogers e...

Chiudi