Con questi prezzi dell’oro il settore non può sopravvivere

Molto interessante  l’articolo di Nicole Mordant apparso presso l’Agenzia Reuters.

Il servizio della Reuters e’ focalizzato sull’incipiente crisi della produzione aurifera.
Te lo sintetizzo.

Dopo tre anni di quotazioni dell’oro piatte appare sempre piu’ vicino il punto di svolta per l’industria mineraria del settore aurifero.

I costi d’estrazione in aumento e i prezzi dell’oro in calo hanno compresso in modo drastico la redditivita’ di tutto il comparto minerario, il quale, nell’ultimo triennio, si e’ focalizzato nell’aggressivo taglio dei costi, compromettendo i ritmi di produzione futura dell’oro.

Con il minimo delle quotazioni toccate la settimana appena trascorsa (a $1.208,36 per oncia) le criticita’ del settore non tarderanno a pesare sulla produzione aurifera.

Secondo Joseph Foster, portfolio manager presso il fondo d’investimento Van Eck Global, il livello critico delle quotazione dell’oro:

“e’ posto a quota $1.200,00 per oncia. Se si scende sotto quel supporto, un sacco di industrie del settore dovranno lottare, non per generare profitti, bensi’ per la propria sopravvivenza”.

Van Eck Global e’ un importante fondo d’investimento globale, azionista di industrie big del settore aurifero come Barrick Gold e Goldcorp Inc., nonche’ di altre grandi aziende estrattrici di grandi dimensioni.

I tagli nella produzione, la chiusura di molte miniere estrattive e i prezzi piatti del lingotto degli ultimi tre anni, hanno impattato in modo negativo sui corsi azionari delle aziende aurifere, alcune delle quali hanno visto i valori delle loro azioni scendere anche del 67% da settembre 2011.

Le minerarie, per porre un argine al tracollo della redditivita’ finanziaria, sono ricorse anche alla vecchia pratica del cosiddetto “hedging” (la vendita di oro in “anticipo” per bloccarne il prezzo, pratica molto diffusa negli anni ’90 del secolo scorso) ma in questo frangente storico l’hedging non e’ riuscito a compensare il calo delle performances finanziarie.

Per reagire alla crisi dei prezzi del lingotto le “gold miners” (aziende minerarie) hanno ridotto i prezzi totali (all-in costs) d’estrazione dell’oro portandoli dai $1.696,00 per oncia del 2013 agli attuali $1.350,00.

Secondo Citibank, il mese scorso il 40% delle aziende minerarie ha toccato un prezzo totale d’estrazione (all-in cost) pari a $1.331,00 per oncia, mentre le quotazioni dell’oro, in agosto, si aggiravano intorno ai $1.290,00.

Mercoledi’ scorso il prezzo era di circa $1.217,00 per oncia.

Al forum di Denver tenutosi la scorsa settimana (Denver Gold Forum), Doug Pollitt della societa’ di broker di Toronto, Pollitt & Co. ha affermato:

“Ragazzi, con questi prezzi dell’oro, il settore non puo’ sopravvivere, e’ impossibile”.

Le aziende aurifere stanno individuando tutti i giacimenti “a rischio chiusura”, a causa degli alti costi.

Per esempio, Iamgold Corp e AngloGold Ashanti hanno provveduto a chiudere l’estrazione della miniera Yatela nel Mali, in quanto i costi di produzione totali si aggiravano a circa $1.910,00 nel trimestre di giugno.

L’australiana Santa Barbara Ltd,ha registrato costi estrattivi pari a $2.300,00 per oncia nell’estrazione di oro dalla miniera dell’isola di Simberi, nella Papua Nuova Guinea.

Douglas Groh, gestore di portafoglio presso Tocqueville Asset Management, sostiene che l’industria mineraria e’ riluttante a investire in nuovi progetti estrattivi con i  prezzi dell’oro costantemente sotto i $1500,00 per oncia.

In sostanza Douglas Groh ci sta dicendo che le aziende minerarie aurifere non investiranno piu’ in nuovi progetti per l’estrazione del metallo giallo se le quotazioni di questo dovessero rimanere sotto i $1.500,00 l’oncia.  Questo e’ un segnale drammatico per il settore.

Groh aggiunge:

“penso che entro un paio d’anni, dal 2016-2017, i “mercati” diventeranno consapevoli della crisi estrattiva del settore…..e allora il prezzo dell’oro esplodera’”.

Nell’articolo di Reuters che ho tradotto, nella parte finale sono riportati i concetti di Charles Jeannes, CEO di Goldcorp, in merito al picco dell’oro (gold peak) di cui avevamo gia’ documentato qui su Deshgold:

Che si tratti di quest’anno oppure del prossimo, non credo che rivedremo la produzione aurea raggiungere i livelli degli ultimi anni”.

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

28 COMMENTI

  1. sono impressionanti le quotazioni delle aziende minerarie, per molte al di sotto del minimo storico e pare che la caduta non sia ancora finita.
    è davvero dura mantenere la calma e non farsi prendere dalle emozioni.
    la ripresa davvero non si vede e temo che che siano state suonate troppo presto le fanfare.
    speriamo bene….

  2. Dai che raggiungiamo il triplo minimo così finalmente si sale.

  3. Sto notando che ogni volta che scende l’oro, i venditori vari lo vendono a prezzi via via crescenti rispetto all’ultima discesa. Per esempio oggi che è a 1206 l’oncia un 100 grammi costa di più rispetto a quando era arrivato a 1215 l’oncia. Il prezzo è manipolato pure dai venditori! E intanto i nostri soldini valgono sempre meno, l’euro affonda e il dollaro per contro vale di più al cambio. Che dire poi degli aumenti dell’energia, enel e gas ai massimi?Avete forse una via di fuga alternativa all’oro?

    • Compra azioni e compra dollari. Sbrigati. Ciao

      • Compro azioni? Ma se nemmeno l’azionario ho notato che sta andando bene!Dovrei comprare davvero quella carta straccia per guadagnarci una miseria?

        • Ciao Andrea, ora ascolta se il ftse mib nel breve rompe al ribasso i 20240 punti le azioni puoi aspettare 2-3 mesi a comprarle mentre se supera i 21500 punti comprale subito. Comunque vedo che sei davvero poco informato perchè quella carta straccia negli ultimi 2 anni ti avrebbe permesso come minimo di raddoppiare o triplicare il tuo patrimonio. Dimmi piuttosto: quanto hai guadagnato negli ultimi 2-3 anni con l’oro? Ricorda Andrea, io non sono tifoso dell’oro o delle azioni, sono semplicemente tifoso di tutto ciò che mi permette di guadagnare. Saluti.

          • Coi dollari effettivamente da 1.36 a 1.26 uno ci avrebbe guadagnato il 10% in poco tempo. Secondo te quanto potrebbe ancora scendere tale rapporto?Grazie per le delucidazioni.

          • Anche se alcune banche d’affari lo profetizzano io ciclicamente 1 a 1 non lo vedo per nulla probabile. anzi.
            Premetto che 3/4 mesi fa col cross a 1,40 in altre sedi, asserivo che era probabile la chiusura sia del secondo ciclo biennale (2012/2014) che forse di quello quadriennale (2010/2014) con assolvimento del vincolo ribassista generatosi nel primo biennale (2010/2012) ergo sarebbe andato sotto 1,275…,
            Ora il tempo del biennio è agli sgoccioli (salvo essere invece in un ibrido a tre anni) il vincolo è stato assolto…, e se chiude sopra 1,204 entrambi i bienni precedenti sono configurati rialzisti…
            In sintesi salvo lingue, se non rompe 1,204 (minimo del 2012) o il prossimo minimo di chiusura dell’attuale biennale (che potrebbe essersi già chiuso a 1,257) io la vedo dura ad arrivare a 1 anzi nulla gli vieterebbe di provare a testare 1,40 e oltre.
            E visto che l’oro “dovrebbe” essere decorrelato rispetto al usd ….
            ci starebbe a fagiuolo con la tenuta di 1180 e ripartenza.

        • Ciao Andrea, dopo il tuo ultimo commento non ho trovato la dicitura RISPONDI.
          Penso che Gennaro non gradisca che io ti consiglio i dollari o le azioni.
          Comunque a mio avviso il rapporto euro-dollaro dovrebbe convergere verso la parità 1 a 1, però ricorda che in un trend ci sono anche dei ritorni quindi dovrai rimanere freddo. Saluti.

          • Angelo se non volevo farti rispondere eri gia’ in Black List…
            Il tasto rispondi non compare quando ci sono gia’ state 4/5 risposte su uno stesso commento per non portare una ramificazione all’infinito dei commenti. Evita di scrivere cavolate.

            Tu dici: “quanto ti avrebbero fatto guadagnare le azioni negli ultimi 3 anni”?

            Io ti dico: “quanto ti avrebbero fatto guadagnare le azioni negli ultimi 14 anni? Ma sopratutto… quanto ti avrebbe fatto guadagnare l’oro negli ultimi 14 anni?”

            Forse dimentichi che DeshGold.com e’ il posto in cui si condivide informazione in merito ai Cicli Naturali.

            LEZIONE NR.1: Un Ciclo Naturale spinge dai 13 fino ai 20 anni, pertanto NON dura 3 anni… (e NO, questo Ciclo non e’ finito a 11 anni nel Settembre del 2011).

            Pertanto non venirci a fare confronti sui 3 anni perche’ sei nel posto sbagliato. Ci sono tanti altri blog li’ fuori dove puoi condividere di trend di piu’ breve termine. Anche di trend settimanali se ti va.

            Sei da 2 anni su queste pagine ma questo ancora di sfugge. E siccome credo che tu sia una persona intelligente, questo mi lascia pensare che certe uscite le fai in modo voluto con il solo scopo di creare astio.

  4. No, no Gennaro, non avendo trovato il tasto RISPONDI pensavo proprio quello che ho detto ad Andrea. Non ero sinceramente a conoscenza di questo funzionamento del sito. Mi era proprio sfuggito. Saluti.

    • Angelo ti ho gia’ scritto in privato, e ci tengo a ribadirlo anche qui, che su DeshGold sarai sempre il benvenuto fino a quando porterai le tue opinioni in modo educato e documentato.

      A noi piacciono le persone che hanno pareri e opinioni diverse dalle nostre. Crediamo che questo ci aiuti a crescere e ad aprire la mente. A vedere cose che possiamo far fatica a vedere.

      A noi NON PIACCIONO le persone che sparano a zero criticando in modo non costruttivo, invalidano studi o ricerche senza documentare la propria opinione, attaccano in modo diretto o indiretto con il solo intento di venirsi a sfogare su queste pagine e disturbare l’armonia di questo gruppo.

  5. ….beh se un ciclo dura dai 13 ai 20 anni potremmo essere arrivati ai 13 anni giusto?! Ma io ci credo al di la degli anni di ciclo ma in quanto psicologo con mansione nel sociale e ricerca…..non é qui il posto dove inserire argomenti non economici e finanziari….ma sappiate che basta poco per l’umanitá quando ha fame far scoppiare una guerra o prendersi dal panico (compresi economismi, banchieri…..macellai,carpentieri,muratori….) e svendere ogni cosa per qualcosa di sicuro,certo che sará mezzo di scambio……io penso che l’oro potrá essere una di queste cose, non il solo (vedasi com é aumentato il collezionismo numismatico in questi anni…o l’arte in genere…..) ma certamente aumenterá di valore, é una condizione umana…..
    p.s. grazie Gennaro di avermi ‘consigliato’ di vendere il mio oro se non facevo sonni tranquilli…..ne ho acquistato altro…..

    • Sono felice cosi’ 🙂

      Il Ciclo Naturale va calcolato da minimo a massimo.
      Pertanto, con partenza a fine 1999 inizio 2001 (questo Ciclo Naturale e’ ripartito con un doppio minimo) e con massimo a Settembre 2011, il conteggio fa circa 11 anni.

      Il che non significa che il futuro non possa riservarci Cicli Naturali che durino meno di 13 anni ma dai dati che ho a disposizione oggi ricavo probabilita’ pari al 5% che questo Ciclo Naturale si sia completato a Settembre 2011.

      Per questo motivo, personalmente continuo ad essere fortemente rialzista di oro. Mi attendo l’esplosione finale entro la fine di questo decennio (in particolare il 2015 e il 2016 saranno 2 anni cruciali).

      • e 2015/2016 e anche doppio set up yearly sulla borsa americana…..

  6. Sottolineo che fino ad oggi il ciclo è durato 14 anni e non 13(erano 11 nel 2011 giusto?).E io mi aspetto un massimo agli inizi del 2017(in base a nessuno studio)e una risalita in questo mese, forse dopo il raggiungimento di un triplo minimo che dia più forza nella risalita.
    Filomeno sei grande, riesci a fare un’analisi di ogni cosa!Gli esperti cmq danno il rapporto euro dollaro futuro fino a 1.20, senza scendere al di sotto.
    Vorrei comunque spendere due parole per Angelo che gentilmente ha risposto ad una mia domanda con cui chiedevo in generale, in maniera sarcastica, se vi fosse una via alternativa all’oro, intendendo che anche secondo me l’investimento in oro è attualmente l’unica via di uscita dal sistema. Angelo mi faceva scoprire cose nuove per me, tipo l’investimento in altre valute o nelle azioni se l’FTSE mib fosse andato oltre un certo limite. Grazie Angelo per il tuo interessamento e i tuoi consigli, però il mio unico intento è quello di mettere tutto in un paniere in cui continuo ancora a credere, cioè l’oro. E’vero, forse ci avrei potuto guadagnare alcune centinaia di euro acquistando i dollari, però ho fatto un ragionamento. Per esempio con diecimila euro di dollari ne avrei guadagnati circa seicento forse in tre mesi, col doppio circa milleduecento.Non è però una cifra che mi cambia nulla personalmente, nè nel breve termine, nè nel futuro!Acquistando con la stessa cifra invece l’oro, ne risparmio varie migliaia rispetto al costo che avrà il lingotto tra un po’ di tempo e avrò l’opportunità unica di poter pianificare in modo diverso il mio futuro prossimo(si tratta di attendere qualche anno al massimo!)poichè il mio investimento va a finire nel paniere già creato in precedenza. Preferisco attendere pazientemente, a parte tutto che di Borsa non ci capisco nulla,ma non è nemmeno argomento che mi interessa attualmente(forse quando ne ricomincerà il ciclo). Non tutti però giustamente possono avere le mie esigenze, per cui alcuni cercano nel frattempo di sfruttare ogni situazione per far soldi, quindi non abbiate astio nei confronti di nessuno. Pensate inoltre al rischio di una guerra o alla diffusione dell’Ebola(se ne parla poco per non creare allarmismi, ma equivale ad una peste endemica), che a mio parere forse sono gli unici modi che la società ha di uscirsene dalla crisi globale attuale!Non so voi, ma io mi sento più sicuro con l’oro nelle mie mani.

    • Grazie Andrea, io ho solo risposto ad una tua domanda come giustamente hai detto.
      Se poi non ti interessa di guadagnare anche qualcosa in meno tempo servendoti di mezzi diversi dall’oro sono molto contento per te. Significa che sei finanziariamente ben messo e me ne congratulo.
      A Filomeno dico che il prossimo QE di Draghi che io prevedo entro i primi 4 mesi del 2015 rafforzerà il dollaro.

      • Solo Frau Merkel (e giurisprudenza tedesca) permettendo…
        se per QE intendi acquisto massiccio di titoli stile Fed ,
        se invece intendi sostegno diretto all’economia reale,
        sembra che il cavallo non abbia tanta voglia di bere.
        Comunque un altro ciclo trimestrale/semestrale/annuale ribassista è per ora ancora possibile, nel qual caso la discriminante per la continuazione del trend nel lungo periodo rimane però la rottura di 1,204 (minimo 2012) e 1,18 (minimo 2010) poi.
        altrimenti…

        • Io guardo anche la crescita americana, l’inflazione in America e la quasi deflazione in Europa e il probabile rialzo dei tassi di interesse americani almeno nella fase iniziale tutti fattori che dovrebbero rafforzare il dollaro.

  7. Articolo interessante e condivisibile.
    Unico dubbio se i miners non riescono a far quadrare i conti con l’oro a questi livelli di prezzo, come facevano a inizio secolo quando lo stesso quotava tre volte meno?
    Forse le società minerarie, traviate dal rialzo più che decennale, si sono impegolate in maxi investimenti?
    Saluti a tutti i metallari

  8. Caro Beppe, devi solo pensare che il petrolo nel 1999 quotava intorno gli 8 usd al barile.
    quindi i costi quando il gold quotava 300 usd oncia erano molto più bassi…..per non parlare dei costi del personale…etc….quindi non si possono fare paragoni….

  9. Il mondo è bello perché è vario!
    L’investimento in oro (e argento) non è cosa per tutti. Comporta uno svantaggio, quello di non poter facilmente disporre in modo liquido di denaro (l’oro è denaro) in situazioni di forte stress economico, cioè per tamponare le emergenze.

    Certo, si possono sempre prendere, dal calzino infilato nel buco del muro che solo noi conosciamo, una bella manciata di sovrane o lingottini di piccolo taglio, portarli al banco metalli per monetizzare il necessario e coprire spese varie ed eventuali ma…il problema è che le emergenze non aspettano le impennate al rialzo, per cui occorre fare di necessità virtù, masticare amaro e ingoiare il rospo con filosofia. Una volta ceduto di mano, l’oro non ritorna…

    Detto questo lo ripeto: l’investimento in oro (e argento) non è cosa per tutti, ma di sicuro lo è per me e per quelli come me che:
    1. decidono di accantonare una parte del proprio patrimonio, ma non l’intero;
    2. credono che sia meglio la gallina domani che l’uovo oggi;
    3.pensano che a fronte di un mancato incremento di valore dovuto al ribasso delle quotazioni si guadagni SEMPRE E COMUNQUE.

    Mi soffermo solo sul punto 3.: un soldo risparmiato è un soldo guadagnato. Tieni da parte l’oro, LUI lavorerà per te a prescindere. Non ti fa cumulo sul reddito, ti snellisce l’ISEE, ti fa risparmiare in tasse, ti protegge.

    E’ come il bosco, e i proprietari di boschi lo sanno bene:
    di notte tu dormi, e lui lavora per te, facendo crescere piante che, al momento opportuno, potrai tagliare per fare legna da ardere o da vendere, con l’ accorgimento di non tagliare in maniera indiscriminata, ma lasciando una pianta qua e là, dando spazio a quelle rimanenti perché possano crescere più folte e riglogliose (spazio vitale).
    Boh, chi mi capisce è bravo…

  10. Ha rotto i 1198 al ribasso!Si scende chissà per quanto. I venditori furbetti però non riducono il prezzo di vendita. Resta sempre sopra i 31 euro al grammo!

    • Andrea nessuno è furbetto, il prezzo in euro non scende perchè il dollaro si rafforza contro l’euro. Mi spiego meglio: se il prezzo dell’oro in dollari scende dell’1% e contemporaneamente il dollaro sale dell’1% contro euro il prezzo dell’oro in euro rimarrà invariato. Il rafforzamento del dollaro contro euro favorisce i prezzi dell’oro in euro.
      A chi come te ha comprato oro il dollaro forte ti aiuta. Saluti.

      • Grazie, ho capito ora il perchè. Avrei voluto lasciarti la mail personale per farti evitare ogni tanto di esporti troppo nei commenti, ma mi sa che non si può.

    • perché loro seguono correttamente il prezzo in euro,
      forse dovremmo farlo anche noi visto che siamo euro-pei.

  11. bisogna dare ragione a LF che scriveva tempo fa che Goldman aveva fatto una previsione a 1050 usd mi sa….o anche sotto …ora non ricordo…..

  12. sale a 3000 entro fine 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Barometro Oro: 27.Set.2014

Nella rubrica di questa settimana; nonostante il  calo delle consistenze di oro fisico da parte degli ETF, l'oro non sprofonda...

Chiudi