Previsioni Euro Dollaro: come conoscere il futuro del cambio

previsioni-Euro-Dollaro

Previsioni Euro Dollaro, che bella parola.

Sai, mi sono sempre domandato se fosse possibile ricavare delle corrette previsioni sul cambio Euro Dollaro.

Non ti nego che questa cosa mi ha ossessionato per molto tempo.

No, non sono un patito di Euro Dollaro.
Però mi interessa capire il futuro di questo cambio.

A dire il vero ne ho bisogno. Perche’ investo in oro.

L’oro viene venduto in Dollari e siccome la valuta del mio paese e’ l’Euro, puoi ben comprendere l’esigenza di capire il probabile futuro del cambio Euro Dollaro.

Se vuoi conoscere i motivi che mi fanno ritenere che l’investimento in oro sia il miglior investimento che tu possa fare nell’esatto periodo storico che stiamo vivendo, leggi questo articolo.

Per molto tempo ho pensato che non fosse possibile
ricavare
affidabili previsioni di Euro Dollaro.

Fino a quando ho trovato uno schema che si ripete da decine di anni e che sembra avere un’affidabilita’ disarmante.

Quello che sto per mostrarti e’ uno degli studi piu’ interessanti che ho ricavato dalle mie ricerche. Spero possa esserti di aiuto (qualunque sia il motivo per il quale sei alla ricerca di previsioni Euro Dollaro).

Previsioni Euro Dollaro 2015/2016

Negli ultimi anni si e’ parlato (tanto) di crack dell’Euro.
I giornali hanno riempito le prime pagine scrivendo sul Grexit, ovvero sulla possibile uscita della Grecia dall’Euro.

Si e’ anche parlato delle ripercussioni che subirebbero tutti i paesi della zona Euro, Italia compresa.

Eppure, se mi chiedi quali sono le previsioni Euro Dollaro più affidabili che leggo dal mercato, faccio davvero fatica ad immaginare una distruzione dell’Euro.

Piuttosto credo che l’Euro stia per risorgere.
Piu’ precisamente ritengo che questo avverra’ tra il 2015 e il 2016.

Ma lascia che ti mostri il perche’ delle mie considerazioni.
Stai per scoprire con i tuoi stessi occhi, il canale che questo cambio sta seguendo dal 1980.

Come leggere il futuro del cambio Euro Dollaro

Mettiamo subito in chiaro una cosa.
So anch’io che l’Euro e’ nato nel nuovo secolo.
Precisamente l’Euro e’ stato calcolato a partire dal Gennaio del 1999.
Eppure i dati che sto per mostrarti partono dal 1980.

Ti chiederai: com’e’ possibile che tu abbia dati sull’Euro che partono dal 1980 se a quei tempi la moneta unica nemmeno esisteva?

Il cambio Euro Dollaro, come sai, e’ l’unione fra piu’ valute nazionali. Ogni valuta ha portato il suo contributo (ed ha avuto il suo peso) nella determinazione del valore finale della moneta unica.

Dunque, il Marco tedesco, il Franco francese, la Lira italiana e le altre valute dal quale e’ nato l’Euro, esistevano anche prima che l’Euro fosse calcolato.

Mettendo insieme i dati storici di queste varie valute (e utilizzando il metodo di calcolo che la BCE ha utilizzato per generare l’Euro) si puo’ ottenere il valore dell’Euro antecedente al 1999.

Puoi trovare il risultato di questo calcolo direttamente fra le pagine della Federal Reserve. Ecco il link dove trovi i dati storici della moneta unica.

Come a questo punto avrai capito, questi dati indicano il valore che avrebbe avuto l’Euro se fosse nato gia’ nel 1980.

A questo punto il gioco e’ semplice.
Mettiamo su un grafico questi dati e vediamo cosa viene fuori.
Guarda qui:

Come fare previsioni Euro Dollaro

Noti anche tu dei cicli che si ripetono?

Vediamo gli spunti piu’ interessanti che ho ricavato:

1. Il cambio Euro Dollaro sembra muoversi
in un un canale molto preciso e ben delineato

Se tracci delle linee (trend line) che uniscono i 2 minimi e i 2 massimi più importanti che il cambio Euro Dollaro ha fatto registrare negli ultimi 35 anni, e’ curioso notare che cio’ che otteniamo e’ un canale molto simmetrico.

Per farti notare meglio la cosa, ho inserito un rettangolo tra le due linee.
Nota come la figura rettangolare si incastra in maniera perfetta:

zoom1

2. Un ciclo di 15 anni comanda questo mercato?

I minimi piu’ importanti degli ultimi 35 anni si sono avuti a distanza di circa 15 anni l’uno dall’altro.

Qui c’e’ un ciclo di 15 anni molto forte che sembra comandare questo mercato.

E siccome l’ultimo minimo e’ stato fatto nell’Ottobre del 2000, oggi il cambio Euro Dollaro potrebbe essere vicino ad un nuovo minimo storico.

Ho disegnato questi minimi con un cerchio rosso per evidenziarli meglio nel grafico:

zoom2

3. Il ciclo di 15 anni segue uno schema in 3 fasi

  1. prima sale l’Euro
  2. poi c’e’ una prolungata fase laterale
  3. alla fine sale il Dollaro (che nel grafico vedi come una discesa del cambio)

schema abc ciclo 15 anni Euro Dollaro

A questo punto puoi capire perche’ le mie previsioni Euro Dollaro per gli anni in arrivo sono molto positive per l’Euro.

Perlomeno sono positive se confrontiamo l’Euro con il Dollaro.

Nel confronto con l’oro, come ho spiegato in questo articolo, ritengo che entrambe queste valute continueranno ad essere investimenti perdenti (proprio come accade dal 2000).

Se come credo, il ciclo di 15 anni farà ancora una volta il suo corso, tra il 2015 e il 2017 si verificherà un minimo storico. E proprio in merito a questo possibile minimo, c’è qualcosa che voglio farti notare.

Se guardi bene i 2 minimi più importanti che il cambio Euro Dollaro ha toccato negli ultimi 35 anni, puoi notare che si sono verificati in modo molto differente.

Il primo, nel 1985, è stato un minimo fulmineo.
Nel senso che il mercato ha toccato il minimo e poi è ripartito a razzo.

Il secondo minimo invece è derivato da un processo più lungo.
Un processo iniziato nel 2000 e terminato nel 2002.

cambio Euro Dollaro: zoom4

Anche se i movimenti di questo grafico possono sembrarti piccoli, ricorda che qui ci sono 35 anni di dati e che anche il più piccolo movimento di questo grafico sono molti soldi che vengono mossi nel mercato.

Per questo motivo, se vorrai scommettere su un rialzo di Euro Dollaro, gestisci bene il tuo investimento dal rischio di conformazione di un minimo che abbia la forma di un zig-zag prolungato.

Quale sarà il livello minimo del cambio Euro Dollaro?

A questo punto è quantomeno interessante provare a capire quale potrebbe essere il potenziale target del ribasso di questo ciclo di 15 anni sull’Euro Dollaro.

Più precisamente, voglio condividere con te alcuni degli spunti che mi fanno prevedere l’Euro Dollaro sulla parità.

L’Euro Dollaro arriverà al livello di 1?

Prossimamente arriveremo al punto in cui un Euro varrà quanto un Dollaro.

Qui alcuni motivi:

a) La trend line che unisce i minimi del 1985 e del 2000, oggi passa esattamente sul livello di 1 (la seguente immagine e’ il cambio Euro Dollaro preso da Pro Real Time, con dati settimanali)

parità-euro-dollaro

b) Sul livello di 1 passa anche il 76,4% del ritracciamento di Fibonacci calcolato sul rialzo di questo ciclo di 15 anni (Fibonacci calcolato dal minimo del 2000 fino al massimo del 2008). Se non hai mai sentito parlare della successione di Fibonacci e di come puoi ottenere indicazioni operative per i tuoi investimenti, leggi questo approfondimento di Wikipedia).


eurodollaro-fibonacci-2000

c) Nel precedente ciclo di 15 anni, il ribasso si fermò esattamente sul livello di 76,4% di Fibonacci (nell’Ottobre del 2000)


eurodollaro-fibonacci-1985

d) il livello di 1 corrisponde ad una soglia psicologica molto importante per il mercato

Qui ho riportato alcuni dei motivi per cui mi aspetto che nei prossimi mesi l’Euro Dollaro raggiungerà il livello della parità. Se anche tu hai degli spunti di riflessione, mi farebbe piacere leggere il tuo parere nei commenti in fondo a questo articolo.

L’Euro risorgerà dalle ceneri

Probabilmente la Grecia non uscirà dall’Euro perchè l’Euro non verrà distrutto totalmente.

Quando in futuro si abbandonerà per sempre l’Euro sara’ per abbracciare una nuova forma di denaro che sara’ utilizzata in piu’ continenti.

Se hai studiato la storia della nostra vecchia Lira saprai che centinaia di anni fa, ancor prima dell’unificazione dell’Italia, nel nostro paese circolavano tanti diversi tipi di Lira.

Ogni citta’ aveva la sua Lira. C’era la Lira fiorentina, la Lira milanese, la Lira mantovana, la Lira bolognese e tanti altri tipi di Lire.

Fino a quando il 28 Settembre del 1859, le persone più influenti d’Italia di quell’epoca si incontrarono segretamente a Palazzo Loup – sull’Appennino bolognese – e li’ decisero di adottare la Lira come moneta unica per il futuro Regno d’Italia.

Fra i partecipanti ci furono Carlo Luigi Farini, Lionetto Cipriani, Bettino Ricasoli, Marco Minghetti e Rodolfo Audinot. Insieme decisero l’abolizione delle barriere doganali e l’adozione della moneta unica, la Lira, poi rimasta in corso fino al primo marzo del 2002.

Se guardo alla storia, piu’ approfondisco le mie ricerche e piu’ ritrovo la tendenza all’accorpamento del denaro piuttosto che alla sua divisione.

Ma c’e’ anche un altra considerazione che mi lascia vedere l’esplosione al rialzo dell’Euro.

Da qualche parte, qui avanti a noi, la FED varera’ un QE stratosferico

Il mondo e’ appeso al filo della deflazione.
Una deflazione che ha tutta l’aria di voler diventare piu’ cattiva nei prossimi mesi.

Se (come credo) questo accadra’, i mercati riceveranno un duro colpo.
In poche settimane le azioni perderanno i guadagni accumulati in molti mesi di rialzi.

Arriveremo al punto in cui la paura tornera’ ad essere il sentimento predominante dei mercati. Ed a quel punto, il mondo intero invochera’ l’intervento della Federal Reserve.

La Fed accontentera’ gli investitori.
La creazione di nuovi Dollari sara’ mostruosa.
E tutto questo dara’ inizio al grande rialzo dell’Euro sul Dollaro.

Questo e’ lo scenario macroeconomico che oggi ritengo piu’ probabile.

 

Bene, siamo arrivati alla fine di questo breve viaggio nel mondo delle previsioni Euro Dollaro.

Se vivi di mercato sai che gli strumenti di previsione della Borsa non sono una scienza esatta. Nel senso che non e’ possibile prevedere i minimi di mercato con una precisione chirurgica.

Del resto, se davvero potessimo conoscere il giorno ed il prezzo esatto di un minimo di mercato, tutti gli investitori si farebbero trovare nello stesso lato del trend.

Scomparirebbero i venditori, e quindi alla fine il mercato non esisterebbe (per annientamento della legge della domanda e dell’offerta).

Pur cosciente di questo, i mercati restano comunque un affascinante gioco di numeri perchè con gli giusti strumenti e analizzando i dati in modo corretto, è davvero possibile portare le probabilità di vincita a tuo favore.

Questo è esattamente ciò che distingue i grandi investitori dai semplici giocatori d’azzardo che vengono costantemente bastonati dai mercati.

Se hai trovato in qualche modo utile questo articolo, puoi inserire un link sul tuo blog che rimanda a questo contenuto. Non puoi invece copiare e incollare questo contenuto per la legge sul Copyright.

Se invece vuoi conoscere altri strumenti che utilizzo per guardare al futuro dei mercati finanziari – seguimi nella DeshMember – il portale dove condivido le mie ricerche sui mercati finanziari.

Ti auguro di fare ottimi investimenti e ricorda: Conoscenza è sicurezza.

Roy Reale

 

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Roy Reale

L'intera storia della scienza è stata una graduale presa di coscienza del fatto che gli eventi non accadono in un modo arbitrario ma che riflettono un certo ordine sottostante. E' mia ferma convinzione che questo ordine sia presente anche nei mercati finanziari. Ciò che mi muove sono la sete di verità e la voglia di andare a fondo nell'approfondire il codice che dà ordine ai mercati.

32 COMMENTI

  1. Ciao Roy…
    E’ il primo commento che scrivo su questo blog…spero di fare bella figura…
    L’articolo sull’Euro Dollaro è sicuramente interessante!!!
    Io lo stò studianto sulle piattaforme di trading, ma uno studio così a lungo termine non lo avevo mai fatto!!! sono andato sulla piattaforma e sul Time Frame Mensile ho tracciato una trendline a supporto del canale rialzista. Sul mio grafico la trendline a supporto dei massimi non è proprio parallela alla trendline ribassista ma il canale ci stà tutto!!
    A supporto della tua analisi grafica, il valore di parità tra Eur/Usd = 1 ci stà perchè in corrispondenza di tale livello ci sono due aree di congestione formatesi tra marzo e luglio 1986 e luglio e novembre 2002. Tracciando un livello statico sopra le due aree, il punto di incontro con la trendline rialzista potrebbe corrispondere al test del prezzo.Bisognerà attendere quando e se il prezzo testerà tale livello e come si comporterà su di esso!! Per ora non resta che attendere..

    • Grazie della condivisione Stefano.

      Bello ritrovare altri studi che confermano la stessa indicazione operativa (questo aumenta le probabilità).

    • Rispondo in merito a cio’ che ho appena letto riguardo le previsioni del cambio euro-dollaro.Lo faccio non da esperto ma da appassionato, nel corso degli anni ho molto guadagnato sul cambio euro-dollaro. Detto cio’ non mi azzarderei ora a fare previsioni perche’ dal 2008 in poi, dopo lehmann brothers, per intenderci, e’ cambiato davvero tutto i vecchi parametri sono andati in pensione. Do’ un esempio,secondo me indicativo.Oggi l’Europa Germania in testa e’ preoccupata per l’inflazione troppo bassa .Ci basti ricordare le politiche monetarie dei tedeschi dal dopoguerra in poi per capire quanto la Germania abbia temuto e combattuto l’inflazione ,memore di cio’ che successe durante la Repubblica di Weimar,quando per acquistare un dollaro occorrevano svariati miliardi di marchi e non e’ un refuso davvero miliardi di marchi, bene ,vedere ora la Germania rincorrere l’inflazione e’ una cosa che mette i brividi e da’ il metro di cio’ che sta accadendo.Per capirci ,secondo me, stiamo andando incontro alla stagflazione.Se non cambiamo rotta a breve ci saranno veramente guai grossi che coinvolgeranno tutto il mondo occidentale e con gli effetti imprevedibili.Spero di non aver troppo annoiato con queste mie consideraziomni cordiali saluti Armando

  2. A Roy Royal
    Se si avverassero le tue argomentazioni, che posso anche condividere sebbene l’economia
    non sia una scienza esatta, basterebbe investire, più che sull’oro, in un cowered “call” su
    l’euro-dollaro.
    Ho detto bene?
    Un saluto

    • Lo sapevo che sarebbe venuta fuori questa domanda Floriano! 🙂
      Grazie di avermela posta.

      In questo articolo ho posto il focus su Euro contro Dollari.
      E come hai capito, credo che entro un anno l’Euro tornera’ a suonarle di santa ragione al Dollaro Usa,

      MA…

      se confrontiamo gli Euro con l’oro, o i Dollari con l’oro, allora non c’e’ argomento che (per me) tenga.

      In questo periodo storico scelgo tutta la vita l’oro perche’ ritengo che entro qualche anno mi avra’ fatto guadagnare molto piu’ potere d’acquisto di un investimento in Euro (o in qualsiasi altra valuta del mondo).

      Per maggiore chiarezza, perfavore rivedi attentamente questo articolo:
      https://deshgold.com/7-segreti-degli-investimenti/

  3. Carissimo Roy,
    ottima analisi ma lasciamo dissentire su alcuni aspetti:
    1) condivisibili i concetti di analisi tecnica e di trend, ma ritieni veramente che 35 anni siano un orizzonte temporale sufficiente per parlare di valutazioni nella parte bassa del canale ascendente e di imminente rialzo dell’euro…?
    Tralasciando il problema Grecia che potrebbe avere effetti devastanti sulla valuta europea e tralasciando il fatto che in America a fine anno alzeranno i tassi e mi pare che queste cose saranno solo a favore del dollaro…

    2) ok per il raggiungimento della parità 1 a 1 (condivisibile), ma se in futuro verrà rotto questo livello il canale ascendente (per l’euro) che hai tracciato andrà a farsi benedire (in senso ironico) e qui si potrà scendere anche a 0,90 oppure 0,80 o anche 0,70…
    Del resto in America dicono “trend is your friend”…

    In ogni caso ti rinnovo i complimenti per gli ottimi spunti che ci dai settimanalmente.

    Luca

    2)

    • Luca il livello di 1 e’ un target che a mio modo di vedere verra’ raggiunto.
      Cosa succedera’ una volta raggiunto questo target e’ un argomento successivo.

      Anche se oggi credo vi siano piu’ probabilita’ di uno stop sulla parita’, concordo con te sulla possibilita’ di un Euro Dollaro anche sotto tale livello.

      In ogni caso, molto dipendera’ anche dalle news macroeconomiche che arriveranno nei prossimi mesi.

      Stiamo a vedere.

  4. Molto valido questo articolo Roy, soprattutto si puó notare nel grafico che ogni 15 anni il minimo dell’Euro si ferma ad un livello sempre piú alto rispetto al U.S.$, ció significa che il U.S.$ (nonostante minimi e massimi) svaluta costantemente di piú rispetto all’Euro.

    Grazie, Buona settimana.

    • Esatto Danilo. Ottima osservazione.
      Buon inizio di settimana anche a te.

  5. Ciao Roy,
    ottima ed estremamente interessante la tua analisi.
    Mi sorgono un paio di riflessioni.

    1) la Fed dovrà prima o poi aumentare i tassi e questo potrebbe portare il dollaro verso la parità o anche più basso con l’Euro.

    di conseguenza l’oro, che è in forte congestione, potrebbe tornare sotto i 1000 usd

    2) a questo punto anche la BCE aumenterà i tassi e l’euro recupera di nuovo verso il dollaro.
    L’euro a questo punto potrebbe avere quella ripartenza storica.

    Mi sembra che il periodo 2015/2016 sia quello giusto come dal tuo grafico.

    Nel fratempo i cinesi saranno sempre più vicini con il loro Yuan a diventare una moneta di riferimento e sappiamo che Yuan e Oro vogliono andare a pari passo.

    Ed ecco che il cerchio si chiude:
    – Euro che si rafforza sul dollaro;
    – Yuan che alza prepotentemente la testa;
    – Oro che strizza l’occhio all’amico Yuan;
    – Oro che inizia una ripartenza storica e violenta;
    (certo che ci sono molte altre variabili) ……

    dollaro e oro sono inversamente proporzionali (basta seguire i grafici anche in Intraday).

    Il miglior fondo pensione si chiama “ORO FISICO” non dimenticarlo mai.
    Ciao. Maurizio

    • Il ragionamento fila… 🙂

      Grazie per la tua riflessione Maurizio.

  6. Il tuo ragionamento è condivisibile ma , visto che come hai anche tu detto, l’euro è stato valutato anche prima della sua effettiva introduzione nulla esclude che in futuro si torni a valute diverse in Europa che ovviamente sommandosi possano garantire il proseguimento del ciclo che ci hai commentato
    Ciao

    • Non è ciò che mi aspetto ma certo Michele, tutto è possibile.

      • Ho bisogno di un consiglio da voi esperti!! Ho due fondi
        1)Fidelity Funds FF Asian high yeld fund A USD( che risente tantissimo del cambio del dollaro)
        2)2) JPM GLOBAL MULTI STRATEGY INCOME D DIV E ( che perde da due anni, cioè da quando l’ho comprato, 2 anni e mezzo fa)
        Il consulente mi ha messo fretta di vendere tutto perché sostiene che c’è un attacco speculativo sul mercato.
        Se ci dovesse essere la parità euro dollaro io a bocce ferme ci guadagnerei un bel po’ …. Cosa mi consigliate

        • Ciao Laura.

          Non entro nel merito di cosa ci sia nei 2 strumenti che hai comprato. Ma se mi parli di cambio EuroDollaro, quel che sto facendo io in questo momento è stare fuori.

          L’Euro sta dando segnali di forza ma è troppo presto per confermare la ripartenza del ciclo di 15 anni. Ci sono ancora delle probabilità che da qualche parte avanti a noi riparta un’accelerazione del dollaro.

          E da questo articolo sappiamo che a livello ciclico il target della parità è molto succulento.

          Oggi, 11 Febbraio 2016, noi preferiamo stare fuori in attesa di un segnale che confermi la definitiva ripartenza del ciclo di 15 anni perchè se questo non avviene allora si ritorna giù verso la parità.

          Un saluto.

          • Ciao Roy,
            ho appena letto i consigli contenuti nella mail che avete inviato oggi.
            Oltre a “spingere” sull’oro fisico sono tentato di acquisire oro finanziario (Etc Gold senza leva), per cavalcare ancora di più l’onda.
            Mi dirai che è sufficiente trarre indicazioni dalla GSG…….. ma il tuo consiglio ha un valore “suggestivo” diverso, grazie.

  7. Siete molto fiduciosi sul rialzo dei tassi

  8. …..beh se succede questo é meglio scappare dall’oro…la dimostrazione? Ora: oro in euro -1,5%, oro in dollari +0,5%……ok che il dollaro se perde l’oro guadagna…..ma noi paghiamo l’oro in euro dunque……siamo fregati…..e molto bene fregati……non é il.caso che chi come me sta guadagnando con l’oro comprato nel 2014 sta guadagnando esclusivamente grazie al.cambio e non grazie al prezzo dell’oro…..a questo punto viene da chiedersi: ok il minimo in euro é stato fatto……ma siamo sicuri che non rimaniamo fermi vedendo il prezzo in dollari scappare?

    • Che dimostrazione e’ quella che si basa sull’andamento di una singola giornata di borsa?

      Personalmente trovo molto piu’ consistente una dimostrazione basata su un arco temporale molto piu’ ampio.

      Ad esempio, dal 2000 al 2011 l’oro in Euro è salito di oltre il +400% e questo per me basta a dimostrare che un eventuale rialzo del valore dell’Euro NON FRENA l’apprezzamento del tuo investimento in oro.

      Ma non devo convincerti di nulla Massimo. Se dalle tue analisi ricavi che l’oro non sia piu’ un buon investimento, non saro’ certo io ad obbligarti a comprarlo 🙂

  9. Buongiorno l oro per noi europei continuera’ a guadagnare a lungo periodo tre/cinque anni i prezzi raddoppieranno o anche piu’ i calcoli si fanno alla fine e per me la fine e 2020

  10. Grazie per i begli articoli che pubblichi. Quasi sempre condivido quanto scrivi, questa volta però non sono d’accordo con te, l’euro salterà. Salterà perché non è una moneta (una moneta per essere tale deve avere uno stato dietro che l’euro non ha), ma è solamente un sistema a cambi fissi, che tutte le volte che hanno cercato di forzare, le cose sono saltate prima o poi e molte volte abbiamo avuta una bella guerra… Ecco perché è importante avere oro in tasca…

    • Grazie per aver condiviso la tua opinione Bruno.
      Anche io credo che l’Euro sia spazzatura.

      E’ solo che guardando alla storia, vedo più probabilità di una fine dell’Euro dettata da un accorpamento con un’altra valuta (tipo un’unica valuta che unisce più continenti) piuttosto che un ritorno delle nazioni alla valuta nazionale.

  11. Salve,
    non ho molto da aggiungere, ma voglio lasciare una traccia del mio passaggio su questo articolo del mio amico Roy e sulle reazioni di tutti voi 😉

    • Ehi Davide ciao!
      Grazie per il tuo commento.

      E’ un piacere ritrovarti su queste pagine 🙂

  12. Se non sbaglio Standard e Poor a fine 2014 aveva predetto il calo ben al disotto della parità nel 2015 (0,8)

    • Non saprei Giuseppe.
      Non ne sono al corrente.

  13. Complimenti.

  14. Crissimo ROY REALE……….
    Io la vedo così:
    Una moneta sarà forte…quando chi la stampa…è in grado di difenderla…….sia con metodi tradizionali…(sui mercati)……….e sia con mezzi militari………………
    Io non credo che l’europa sarà mai una potenza militare…………
    Quindi deduco….che la nostra moneta unica sarà sempre a servizio del dollaro…..!!!!!!!!!!
    Grazie…comunque…delle tue analisi………..

    • Anche l’impero romano era una potenza militare, per mantenere il proprio sistema finanziario drenava ricchezza dalle province periferiche e dalle colonie, tuttavia ad un tratto non bastò più.

  15. Ottima discussione! La FED ha aumenteto i tassi…..da domani si vedrà. Io ci credo e ho scommesso sulla parità. Mi aspetto una partenza difficile del 2016 per i mercati e confido però sulla ripresa verso metà anno. Probabile che anche la BCE aumenti i tassi nella seconda metà del prossimo anno. L’oro lo comprerei al primo segnale di inversione del dollaro.

    • Grazie per il tuo contributo Paolo.
      Credo siano ottimi spunti i tuoi.

  16. @Luigi

    Preferisco comprare oro fisico.

    Sceglierei di utilizzare un pò di oro finanziario solo nel caso in cui fossi già abbastanza carico di oro fisico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui puo\' commentare solo chi e\' bravo in matematica :) Completa l\'operazione.

 

Compila il modulo qui sotto per accedere al Videoseminario gratuito

Capisco che posso decidere di non ricevere più le tue email
in qualsiasi momento e inviandoti una semplice email.
Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
yuan-e-oro-gold-standard
Yuan e oro: il ritorno del Gold Standard (2.0)

Yuan e oro potrebbero dar vita ad un Gold Standard versione 2.0. Ecco i perchè.

Chiudi