La trappola dei derivati (sicurissimi!) sui Bond dell’Eurozona.

In quanto cittadino europeo, potresti essere ad un passo dall’assistere ad una nuova, elettrizzante  trovata di marketing del valore di miliardi e miliardi di euro da parte della BCE.

Un’astuta operazione di re-branding che potrebbe essere la moda sui mercati finanziari del prossimo futuro, una nuovo argomento di “alta finanza” di cui tutti i giornali di finanza parlerebbero facendo gli occhi a cuoricino.

Signore e signori, ecco a voi gli ESB!

Sappiamo già quanto la BCE vada pazza per gli acronimi, ma ESB dovrebbe farti incuriosire parecchio: sarà infatti il nome ufficiale degli European Safe Bond, nome che,  tradotto per i comuni mortali, sta per Titoli di Stato Europei Sicuri.

Hai letto anche tu quello che ho letto io? Se sì, allora la ripresa è tra noi!

Finalmente tutti i risparmiatori europei saranno messi in condizione da mamma BCE di poter investire in qualcosa di perfettamente sicuro – ce l’hanno scritto perfino nel nome! – un titolo di stato europeo che ti garantisce, parola di lupetto, che i soldi che investirai in quel pezzo di carta saranno più al sicuro che nella super-segreta Area 51.

Ebbene sì, caro mio, la pacchia è tornata: investimenti sicuri e rendimenti certi.

Cosa vuole di più dalla vita un gestore di fondi per i suoi pensionati o un piccolo risparmiatore che per sua sfortuna ancora non conosce DeshGold?

Assolutamente nulla.

Ed è questa la favola a cui i signori della BCE vogliono farti credere.

Ma che non ci vedi? E’ scritto proprio lì! Titolo Europeo Sicuro! E poi lo sanno tutti che i titoli di stato sono sicuri.

Bene, se è questo che pensi, ci tocca fare un passo indietro e ricominciare dal principio.

Come è nata la Grande Crisi del 2008

La grande crisi finanziaria, come ci auguriamo i più si ricorderanno, è nata dall’esplosione di una bolla creditizia relativa agli immobili.

La politica statunitense del permettere a tutti di comprare una casa aveva permesso alle banche di concedere prestiti a chiunque la volesse comprare e l’aumento strepitoso di domanda aveva spinto i prezzi alle stelle.

Le banche, poi, godevano da alcuni anni di assoluta libertà nel campo della speculazione: il presidente Clinton aveva firmato l’abrogazione del Glass Steagall Act proprio come ultimo atto ufficiale del presidente uscente, permettendo a qualsiasi banca di risparmio di giocare a fare la JP Morgan della situazione.

Ecco chi erano i famosi “speculatori cattivi”, che rubarono le prime pagine dei giornali subito dopo il crack della Lehmann Brothers: non erano altro che la Lehmann stessa e le banche sue amichette di merende!

Pensando di essere più furbe e sfruttando la deregolamentazione del settore inaugurata dall’amministrazione uscente Clinton, le banche accartocciarono tutti i doveri che per legge avevano da rispettare nei confronti dei risparmiatori loro clienti e si tuffarono a sottoscrivere mutui di ogni genere (subprime) a chiunque incontrassero per strada.

Appena videro che alcuni dei loro debitori non ripagavano il mutuo, per insabbiare la cosa e far credere che tutto andasse alla grande, si affrettarono a creare dei derivati, pratica che da poco avevano imparato a fare.

Dopotutto, fare un derivato basato sul debito è semplice: prendi il mutuo di Aldo (tuo buon cliente) , quello di Bruno (uno che ti paga le rate quando capita), e quello di Carlo (uno che coi tuoi del recupero crediti ormai va a cena insieme), li mescoli per bene come il Martini di James Bond e gli metti un bel voto: AAA.

Li tagli in tanti spicchi e li rivendi a fondi pensione, hedge funds ed investitori privati che, per via della meravigliosa tripla A con cui glieli vendi, crederanno di aver fatto un vero affare ignari del bello scherzo che gli hai appena fatto.

E questo fu proprio quello che accadde negli anni di preparazione alla crisi del 2008.

In questo modo, le banche si tolsero dal bilancio i mutui di Bruno e Carlo – perdite certe – facendoli credere buoni come il mutuo di Aldo. E dalla vendita ci guadagnarono pure una commissione!

Ovviamente questa operazione, chiamata cartolarizzazione, aiutò solo a tagliare le mele marce in tanti spicchi e fare in modo che ogni spicchio ammuffito fosse nascosto per bene in un cestino con qualche splendida mela messa in bella vista.

Ben presto la muffa – causata dai cattivi pagatori – si cosparse su tutte le mele del cestino venduto e quando la bolla scoppiò ed i prezzi crollarono scatendando il panico: si trovarono in difficoltà non solo i buoni pagatori degli immobili – dovevano pagare un mutuo da 1 milione di dollari per una casa che ne valeva ora 300.000, poveracci – ma tutti i possessori di quegli strumenti, improvvisamente senza mercato e con voti pessimi, dovettero accettare di aver perso un sacco di soldi.

Non stiamo parlando di soli cittadini americani, ma di fondi e privati tutt’attorno al mondo che, per ripianare perdite mostruose, dovettero vendere altri asset che alimentarono la sfiducia e provocarono anche il crollo dei prezzi degli asset più sani.

La BCE vuole concedere il bis!

Dopo 7 anni di lunga riflessione la BCE è ad un passo dal fare esattamente la stessa cosa che accade negli Stati Uniti nei primi anni 2000.

Dimostrando di non aver imparato nulla dalle precedenti lezioni, permetterà alle istituzioni di credito che detengono titoli di stato di una delle 19 nazioni dell’Eurozona, di poterli mischiare ed impastare in un’unico gigantesco dolce a tre strati:

  • al primo strato verrà dato un bellissimo voto – AAA – ,
  • al secondo verrà dato un voto inferiore – BBB magari –
  • al terzo un voto pessimo – titolo spazzatura – che, in quanto rischioso, frutterà attorno al 5-6% annuo.

Per farla breve gli ESB, e cioè i titoli di stato europei sicuri, saranno strumenti della peggio specie: derivati sintetici sul debito pubblico dei paesi dell’Eurozona. Esattamente dei derivati sui subprime del 2008, con la differenza che si tratta di debiti dalle dimensioni ancor più mostruose.

L’obiettivo, secondo la BCE, è quello di diversificare il rischio – cioè mentire su di esso – sbolognando questi titoli di cui le banche non vogliono più sentir parlare ai primi fessi che si berranno la storia dell’investimento sicuro.

Questo perché aiuterà l’Unione (le banche) a:

resistere ad uno schock causato dal default sul debito di uno di questi stati.

Ma i titoli di stato non erano sicuri proprio perché gli Stati non potevano fallire? A quanto pare qualcuno molto in alto nelle gerarchie reputa probabile che uno dei PIIGS possa dichiararsi insolvente dalla sera alla mattina.

Qualcuno ha trovato la forza di cambiare idea sui titoli e crede non siano più sicuri come si dice.

Tu, invece, hai trovato la forza di cambiare la tua idea sull’oro?

Per comprare oro e argento fisico dai rivenditori più sicuri al mondo ed ai prezzi più bassi sul mercato e per capire come conservarlo nel modo giusto e sottrarti al rischio di confisca, guarda ora il videoseminario che scarichi da questa pagina.

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Staff DeshGold

.

31 COMMENTI

  1. Non mi sembra che l’oro abbia avuto la funzione di garantire protezione durante il default EU 2011-14 anzi é crollato !!

    • Ciao Giovanni,
      puoi illuminarci maggiormente sul default sul debito dei paesi dell’Unione Europea avvenuto tra il 2011-14?

  2. Grecia Portogallo Irlanda ed in parte Spagna Italia. Più di cosí !!!

    • Giovanni, ma non c’è stato alcun default sul debito dei paesi PIIGS. Come vedi il debito italiano è sempre lì. Anzi, da allora è cresciuto. Idem per tutti gli altri paesi dell’Eurozona.

      Forse ti riferisci alle paure di default sul debito materializzatesi tra il 2009 ed il 2011 durante il quale l’oro ha raggiunto, come da buon scudiero, il suo picco nei prezzi. Ma quelle paure non si sono mai realizzate: il default è stato fermato dalle politiche di alleggerimento quantitativo e politiche NIRP/ZIRP dei tassi.

      Su questo blog, sosteniamo che il default non è stato evitato come sostengono economisti e classe politica: è stato solo rimandato.

      Per questo consigliamo di diversificare il proprio portafoglio contemplando l’acquisto di metalli preziosi.

  3. Ancora meglio possiamo dire che in quel periodo QUI si favoleggiava un oro alle stelle con l’uscita della Grecia dall’Euro quand’anche il Portogallo e i paesi pig al seguito. Tutto ciò non é accaduto, le catenine d’oro non sono andate alle stelle anzi si sono svalutate e pur considerando grossi sacrifici di tanti cittadini UE quella fase ha trovato normalizzazione con l’oro che di conseguenza si é stabilizzato su posizioni migliori rispetto ad allora. Investitori in oro che pensavano di ottenere guadagni favolosi e prezzi al grammo da capogiro nella migliore delle ipotesi sono rimasti alla pari. Io credo che attribuire all’oro o argento una funzione di comodo non favorisca una corretta visione per i propri investimenti.

  4. Non erano paure !! Irlanda é fallita allo stesso modo Grecia e Portogallo. I bond di questi paesi sono stati sospesi per anni e i bond Greci per ultimi hanno ottenuto solo nel 2017 la possibilità limitata di riemettere debito. Perció non erano paure ma dramma reale per questi paesi ed anche per quelli EU comunque legati. Non fu rimandato niente e come disastro e dramma civile non si fece mancare niente.

  5. Giovanni, ricordandoci come i titoli di stato siano soggetti a default stai legittimizzndo l’articolo che critichi. L’azzeramento di una parte dei titoli irlandesi avvenuto in concomitanza col picco dell’oro: non nel 2014, né nel 2013, né nel 2012 ma in piena estate 2011 quindi in pieno panico default e oro in facile ascesa.

    Fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/2011/10/13/scandalo-bank-of-ireland-l’istituto-e-salvo-ma-i-risparmiatori-italiani-perdono-tutto/163548/

    La tua iniziale affermazione “Non mi sembra che l’oro abbia avuto la funzione di garantire protezione durante il default EU 2011-14 anzi é crollato !!” non trova riscontro nella realtà dei fatti.

    Ci spiace nel caso tu abbia comprato sui massimi (il tuo nominativo non risulta fra quelli della nostra clientela) ma da questa parte si crede che anche quelle posizioni prese prima dell’intervento della Troika nel manipolare l’economia europea peggiorando solo le cose, saranno presto in attivo.

    • Io non ho comprato ai massimi ed eventualmente lo hanno fatto i vostri clienti. Il default della Grecia come Irlanda e Portogallo si é protratto fino al 2014 ad eccezione della Grecia che non ha definitivamente chiuso il capitolo ancora oggi.
      Irlanda é stata la prima ma ne é uscita nel 2014 e se vogliamo parlare di virtuosismi il Portogallo é stato sicuramente il migliore esempio. Quanto a questo sito, dopo il 2011 e conseguente crollo dei massimi ha profetizzato la ripresa della terza gamba tra il 2014-2016 e dato l’insuccesso ha prolungato al 2020. C’é niente per il 2030 ? Per quanto riguarda l’ignoranza é evidente. Se i titoli di uno stato sovrano vanno in default quello stato é fallito e se come nei casi esposti il mercato e gli organismi preposti vietano per un periodo l’emissione di nuovo debito questo é ancora default in ultimo gli stati sopra menzionati sono stati per anni commissariati (ovvero sottoposti a curatela fallimentare) anche questo é default !! Cosa ci dobbiamo aspettare per il default Deshgold ?

      • Giovanni tutto il mio rispetto.non sei critico ma semplicemente hai memoria storica.cio che la gente perde a causa di questi due mostri:paura e avidità.io credo che Roy e staff potrebbero azzeccare,un giorno,perché no.potrebbe anche sfiammare L oro.ma solo se lorsignori (rothshield e compagnia “bella”)decidessero di smettere di manipolare L oro e lasciarlo flottare.ma di fatto,Mai viene permesso al loro di superare certa soglia intorno ai 1400 o poco più.amen

    • beh sorprende un pò che anche in giornate come quelle di oggi qui si continui a fantasticare su rialzi stellari per il gold. In 3 giorni la borsa USA ha perso il 10% e i metalli invece di esplodere al rialzo come avete sempre detto avrebbero fatto nel momento del crollo dei mercati, sono invece scesi anche loro e il Silver addirittura in maniera piuttosto pesante e pare che la discesa non sia neppure terminata. Oggi con wallstreet a -5% il gold fa un misero 0,5% e tutto dovuto alla debolezza del dollaro USA e quindi privo di qualsiasi forza. Credo che sia ora di rivedere qualche studio fatto fino ad oggi e che lasciava presagire ciò che in realtà non è accaduto. Voglio dire, ma se i metalli non salgono in giorni di panic selling sull’azionario quando dovrebbero salire allora? Sono convinto che anche tutti voi, Roy compreso, nutriate seri dubbi sul futuro dei metalli alla luce delle performance di questi ultimi giorni….

      • Umberto continua a studiare e forse un giorno arriverai anche tu a capire cose che ora non puoi comprendere.

        • Non devi offenderti Roy, non è mia intenzione offendere nessuno. Vi seguo da anni e non ho difficoltà a dire che in più di un occasione avete avuto ragione perfettamente. Ma è da troppo tempo che si dice che è imminente l’esplosione al rialzo del prezzo dei metalli e invece siamo ancora qua. Ora che il momento era propizio e tutto lasciava presagire che sarebbe esploso senza se e senza ma, i metalli hanno perso pesantemente valore. la mia è solo rabbia e frustrazione e non perchè io abbia investito più di quello che sono disposto a perdere perchè non è così, ma semplicemente perchè per l’ennesima volta è stata disattesa una aspettativa che voi stessi avete alimentato. E ripeto, senza offesa.

          • Mi spiace doverlo ammettere ma è proprio così , i fatti parlano , tutte le previsioni sull’oro , nel senso di macro previsioni , si sono rivelate sbagliate , nel frattempo però le borse hanno quadruplicato i patrimoni , alla faccia dell’oro , e se guardiamo i titoli singolarmente anche decuplicato , certo che ormai potete parlare di “fede” nell’oro più che di studio …. ma questa è religione e non finanza .. saluti a tutti

          • Umberto non ero offeso, cercavo di aiutarti.

            Perchè dovresti offenderti se qualcuno ti dice di continuare ad approfondire i tuoi studi, provando a farti valutare che le tue conoscenze sul tema ad oggi sono scarse e richiedono approfondimento?

            Ragazzi voi qui potete continuare a scaricare tutta la frustrazione che avete in corpo, il problema è che quando vi allontanate dal monitor e tornate nella vita reale avete a che fare con sfide e difficoltà che non scompariranno con i vostri commenti di odio.

            Ho cambiato la mia vita facendo errori e provando ad imparare. Non sfogando la mia frustrazione sugli altri.

            Quanto all’oro, sono oramai quasi 8 anni che vi scrivo che i conti su oro e argento li faremo nel 2020, ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. Tornate a studiare ragazzi, ma non dimenticate anche una seria e profonda analisi interiore. Se non crescete dentro, fuori troverete solo merda.

      • A me invece sembra che una perdita del 10% della Borsa Americana in 3 giorni non sia un’ evento catastrofico tale da giustificare un’ impennata del prezzo di Oro ed Argento. Quanto e’ cresciuto Wall Street negli ultimi anni?? Mi sembra di un circa 400% dal minimo del 2009.Era ed e’ ancora in piena Bolla!!! E la discesa degli Indici e’ ordinata e non in preda al panico!!
        Ne riparliamo quando il Dow Jones sara’ sui 15000 punti dove sara’ il prezzo di Oro ed Argento

  6. Per vostra conoscenza il Commissariamento di questi Stati Sovrani ha preteso per la nuova riammissione al mercato, Leggi speciali che hanno tagliato pensioni, spesa pubblica, sanitaria etc. hanno preteso piani di vendita e privatizzazione in larga misura e nuova contrattazione sul mercato del lavoro interno. Tutto questo accade quando uno stato fallisce e non come semplice revisione dei conti !! Un qualcosa del genere é accaduta anche in America tra il 2008-11 perché non solo la LB é fallita ma hanno dichiarato default due Stati dell’Unione. La Spagna non é stata commissariata ma la bolla immobiliare non é risolta nemmeno oggi e la ripresa é lenta. L’Italia rispetto a questi paesi ha un’economia molto più grande e un default probabilmente non avrebbe risolto problemi cronici che impediscono di fatto le soluzioni (ci é andata vicino, molto vicino). Questo é ció che s’intende per default. Se l’oro doveva coprire la funzione di tutela da tutto quanto sopra i risultati sarebbero stati quelli che illusoriamente avete fino ad oggi professato.
    Ci saranno default nel futuro ? Sí… credo di sì, in un sistema capitalistico sono fisiologici quando non si risolvono come semplici crisi, ma per cortesia lasciate trovare le soluzioni a chi ne ha le competenze !! Dai……

  7. Mi spiace doverlo ammettere ma è proprio così , i fatti parlano , tutte le previsioni sull’oro , nel senso di macro previsioni , si sono rivelate sbagliate , nel frattempo però le borse hanno quadruplicato i patrimoni , alla faccia dell’oro , e se guardiamo i titoli singolarmente anche decuplicato , certo che ormai potete parlare di “fede” nell’oro più che di studio …. ma questa è religione e non finanza .. saluti a tutti

  8. Ciao Roy ma ultimamente non avevi consigliato cripto in particolare ethereum che dici di seguire da quando valeva 9 e 35 dollari?! Ora screditi-facendo bene a mio avviso- i nuovi titoli europei e rilanci sull’oro… Che è ben lontano da quello che hai previsto in passato. Chiaro che ci guadagni dalle iscrizioni e dai link.. Ma stiamo scadendo nel patetico…

  9. Discorso cripto chi le ha comprate con una visione di progetto precoce tutt’ora è in attivo e ha avuto tutto il tempo per uscire dall’investimento con rendimenti ancora più attivi! Comprare sui massimi come molti fanno e da caproni! La bolla sono loro! Il gregge sono loro! Per i metalli il discorso è….. Che fino a quando la miriade di strumenti speculativi Nn parlino la stessa lingua cioè ( default) l’oro verrà utilizzato da caproni per speculare, ma i metalli Nn sono speculazione è salvataggio civile/statale! Se si comprende ciò forse anche studiare può servire a qualche cosa!

  10. Non c’é assolutamente odio in ció che scrive Roberto o Umberto. Sono costatazioni legittime. Quanto al 2020 probabilmente non sarà diverso dalla terza gamba del 2014/16 o l’oro a $ 2400 oz per il 2012. Tutte previsioni regolarmente sprovviste di fondamento e sconfessate nei fatti. Comunque se ci fosse un movimento interessante nei prossimi anni é assolutamente importante acquistare ma dopo che ha dato conferma e non in largo anticipo (questo é stupido) Il danaro é importante per la sicurezza di oggi oltre a quella di un domani che deve venire. Come ha calcolato Roberto Zanotti dal 2009 Wall Street dovrebbe aver fatto il 400% !! Averne approfittato anche un poco magari dopo il 2011 non era poi stupido !! Il tempo per investire anche in oro fisico verrà ed avere fieno in cascina é una sicurezza per l’oggi e una buona prospettiva per il domani. Comunque tutto bene ma mai tutto in un unico paniere !!

    • Giovanni Barbagalli perchè non fai partire il conteggio dall’anno 2000, anno da cui è cominciata la crisi sistemica del mondo intero, anzichè farlo partire dal 2009, anno in cui è partita la più grande manipolazione delle banche centrali di tutta la storia?

      Se parti dal 2000 scopri che l’oro ha sovraperformato l’azionario di molti punti percentuali.

      Ma non è questo il punto. Il punto è studiare e non prendersela con il mondo intero per aver comprato oro sui massimi (Lorenzo ben notava che il tuo nominativo non risulta fra i nostri clienti, non saresti così frustrato, te l’assicuro).

      Entro il 2020 avrai modo di capire ma ti consiglio di tornare a studiare anzichè perder tempo a scrivere cose inutili, in questo modo forse riuscirai a non perderti le altre enormi opportunità che i mercati stanno andando a generare.

      Per aspera ad astra

      • I miei conti sono a posto e non ho oro fisico o cartaceo al momento tantomeno ho comprato ai massimi seguo il metodo di comprare quando ci sono conferme e vendo anche in fretta se non sono convinto di una prosecuzione . Dal 2000 mi sembra un poco troppo presto la vera partenza va datata 2004; peraltro nel 2000 non si poteva comprare oro fisico sul mercato. Dal 2004 ad oggi diciamo un 250% !! Non male anche se ci devi togliere tasse e costi e rivalutazione monetaria é comunque meno della metà fatta da Wall Street per quanto ci dice Roberto. Ma chi é stato il fantasista che ha fatto e mantenuto per 14 anni questo investimento. Nessuno !! Quanto al 2020 vale come tutte le altre date e quando ci saranno conferme di una tendenza profittevole comprerò oro fisico, magari nel 2023 !!

      • Scusa Roy ma chi ti dice che io o altri qui dentro non studiamo o siamo completamente sprovvisti di basi per valutare ciò che avete profetizzato da almeno 5 anni. Che questa benedetta esplosione dei prezzi fosse imminente lo avete urlato ormai da tempo lontano e invece aimè il Gold non ha fatto altro che muoversi in modo assolutamente preciso rispettando perfettamente l’analisi tecnica, fra medie mobili, ritracciamenti di Fibonacci, rispettando ipervenduto e ipercomprato in maniera perfetta. Anche la scorsa settimana, quella che avrebbe dovuto decretare la definitiva rottura al rialzo ad esempio della media mobile a 350 periodi, invece si è rivelata catastrofica. Comunque il 2020 è alle porte e tutti speriamo che l’oro a quel tempo stia su valori ben più alti degli attuali… E per inciso, io non ho nessuna frustrazione da scaricare attaccando il primo che trovo…

  11. Finalmente hanno fatto i famosi Eurobond, l’Europa sta andando verso la giusta strada, non si poteva far rimanere innescate delle mine all’interno delle banche e dei singoli stati, perchè là fuori è una guerra fra Israele-USA-UK contro Europa-Russia-Cina o meglio l’Europa è in mezzo ed è sempre sotto ricatto di chi vorrebbe tenerla schiava a se ancora, mentre l’Europa va verso EST, attaccare l’Europa così sarà più difficile, la Cina sarà la prima sostenitrice dei titoli stato Europei come promise già 1/1,5 anni fa, dicendo, voi fate gli Eurobond che poi vi sosterremo noi, e così siamo giunti a compimento e l’alleanza con Russia e Cina si farà sempre più forte, verso la Via della Seta e Eurasia.

    I mercati sono arrivati, questa è la prima crepa che verrà in parte riassorbita facendo credere che non è successo nulla, il 2018 sarà l’inizio del vero rialzo dell’oro dopo tanto accumulo, un rialzo che terminerà nel 2022 con il picco finale dopo il crollo totale dei mercati.

    Intanto in sordina si sta creando il nuovo mondo della Blockchain, A.I e Robotica e Biotecnologie, la nuova rivoluzione industriale che creerà il nuovo progresso tecnologico che rivoluzionerà tutto, lo step successivo verso la disumanizzazione dell’umanità.

    • Disumanizzazione di cosa? L’umanità era ieri forse più umana di oggi? C’eran peste, epidemie, guerre, signoraggi, olocausti (donne/streghe, negri, indica, minoranze di tutti i tipi), roghi, quarantene e speculazioni di ogni tipo, dove gli umani, come animali, piante o minerali, avevano un valore al mercato, con rialzi ed ribassi, dunque perché il futuro dovrebbe essere peggio del passato? forse sarà identico ma l’orizzonte degli eventi sarà necessariamente più ampio, dovendo includere nuovi spazi, siderali o virtuali che siano.. dopo la stagnazione dell’impero eurasiatico si ebbe l’eplosione del’impero Marittimo, forse oggi che questo è in discesa, il continentale riprenderà a salire, come un altalena che inverte ruoli e polarità.. io ho ancora molto da imparare sul ruolo dell’oro nella storia, come bene rifugio, e comincio dallo studiare cosa è stato in effetti il Grande Impero dell’Orda d’Oro.. o, Grande Tartaria

  12. Beh ragazzi , saranno anche un mix di triple A e triple C questi ESB, ma dietro c’è sempre la BCE come garante …
    Quindi penso la sicurezza sull’ investimento ci sia tutta … Che poi come interessi siano passivi come il BUND, QUESTO LO SCOPRIREMO …

  13. ”Entro il 2020 avrai modo di capire ma ti consiglio di tornare a studiare anzichè perder…” ricordo a Roy che l’entro il 2020 é la fine del prossimo anno, occhio e croce meno di 100 settimane…..attenzione che arriva presto 🙂 e come molti si ricordano il trittico promesso 2014-15-16 di rialzi incredibili se non capita qualcosa in questi neanche 700 giorni che mancano questi delusi fedeli di deshgold ti mangiano!!

  14. Se l’oro entro il 2020 avrà dei rialzi incredibili significa che la baracca viene giù e temo che nessuno possa prepararsi pienamente a questo o evitarlo.
    Ne soffriremo tutti, nessuno escluso.

    In questo caso Roy avrebbe avuto ragione.

    Se questo scenario non si verifica nei tempi suddetti allora la baracca è stata puntellata e sta ancora in piedi, allora il mondo delle monete digitali della Blockchain
    ha modo di svilupparsi in un ambiente favorevole e i prezzi delle altcoins cresceranno ulteriormente entro il 2020.

    In questo caso Roy avrebbe avuto ragione a far conoscere ETH e questa incredibile rivoluzione.

    Non capisco perchè ci possa essere qualcuno deluso tra i fedeli di deshgold entro il 2020.

    Grande Roy, e grazie per quello che fai !!!

    • In sintesi, se non è zuppa è pan bagnato.

  15. Esatto, importante che a pranzo e cena “se magna” perché, temo, ci saranno molte persone che potrebbero non averne nel piatto grazie all’opera incessante di lor, bacati, signori.
    Però … attenzione, esistono molti tipi di zuppa… che non sono proprio pan bagnato… Consiglio la seguente lettura come punto iniziale di approfondimento:
    http://www.la-zuppiera-felice.it/le-30-zuppe-da-assaggiare-almeno-una-volta-nella-vita/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
7 ragioni per cui è l’oro l’investimento del 2018

Elenchiamo le ragioni per cui credere che l'oro sia l'investimento su cui puntare nel 2018 non è affatto insensato. Dopo...

Chiudi