Barometro Oro: 29.Mar.2014

L’oro ha aperto la settimana a $1.334,70,00 ed ha chiuso a $1.294,90.
Al Comex di New York, i contratti futures sull’oro per consegna maggio sono quotati a $1.295,00.

Questa settimana e’ stata caratterizzata dal “rumore di sottofondo” proveniente dal Forex, circa un possibile “quantitative easing” (espansione monetaria) che la BCE si appresterebbe a mettere in atto.

Il Presidente della Bundesbank, Weidman, preoccupato del basso livello di inflazione della Zona Euro ha “aperto” a eventuali manovre espansive da parte della Banca Centrale Europea (una mossa per prevenire il voto e il fronte anti-euro alle elezioni europee di maggio?)

Il “chiacchiericcio” circa le dichiarazioni di Weidman, ha “colpito” l’Euro, che e’ lievemente scivolato nei confronti del dollaro; il dollar index e’ salito oltre quota $80,00.

La situazione geopolitica in Ucraina si sta aggravando, ma il “mercato” ha deciso di ignorare momentaneamente questa crisi, ritenendo che l’escalation attuale tra Russia e Occidente sia limitata.

L’oro e’ precipitato al ribasso di $100,00 dal massimo toccato in data 17 marzo, quando tento’ di dare l’assalto a quota $1.400,00 per oncia.

Generalmente quando un mercato tende al ribasso, il ritmo di caduta e’ superiore di quando il mercato tende al rialzo. Abbiamo visto questo adagio in azione questa settimana, proprio con il mercato del lingotto.

L’attuale ribasso (come del resto il rialzo partito a gennaio di quest’anno) e’ stato causato dalle mosse ribassiste degli ETF e dalla fuoriuscita degli Hedge Funds dal mercato.

Le dichiarazione della FED circa il “tapering” e la speculazione che ha deciso di sottovalutare la situazione geopolitica in Ucraina hanno determinato un danno tecnico al mercato dell’oro.

Il lingotto e’ scivolato sotto la soglia psicologica dei $1.300,00, con possibile ritracciamento sino a $1.255,00. Gi “Orsi” hanno ripreso  il controllo momentaneo del mercato: i “Tori” dovrebbero vedere l’oro decollare verso la resistenza posta a $1.340,00 per avere conferme di un rimbalzo rialzista.

IL SENTIMENT DI BREVE TERMINE RIMANE ‘BEARISH’

I mercati globali computerizzati, automatizzati, dominati dal “trading ad alta frequenza (High Frequency Trading), sono caratterizzati dall’estrema rapidita’ di movimento.

I mercati (o meglio: gli operatori dei mercati) sono indirizzati dall’incedere degli eventi geopolitici ma tendono a disconoscerne anche la gravita’ (come nel caso gia’ citato dell’Ucraina e la Russia); la loro valutazione degli eventi, sia geopolitici che macroeconomici, e’ di breve termine e prettamente speculativa.

Molti amici, lettori e conoscenti, mi hanno chiesto alcuni consigli per operare nel mercato dell’oro. Ne sono lusingato, ma piu’ che consigli posso dare la mia opinione in proposito, dettata da almeno vent’anni di esperienza personale nel settore.

Non prendere per “oro colato (tanto per rimanere in tema….) quanto ti dico. Come dicevo e’ una mia opinione e una mia strategia. Confronta la mia visione con altre differenti e decidi in merito alle tue inclinazioni.

Se sei un investitore di breve termine, che opera sui mercati a termine “futures” dell’oro e dell’argento, il tuo impegno sul mercato deve essere molto costante e le tue competenze tecniche di grande caratura. Devi avere una forte solidita’ mentale per operare in un mercato in cui gli operatori professionali (i grandi fondi d’investimento) operano tramite sofisticati software in grado di vendere e acquistare qualsiasi tipo di assets finanziario (futures, azioni, ecc.), nell’arco di un nanosecondo….. 

Qui il punto non e’ se il mercato sale o scende. Cio’ che conta, e’ guadagnare denaro, non interessa la direzione del mercato. 

Ricorda: gli operatori basano le loro strategie su opinioni differenti (e su interessi differenti; soprattutto su interessi divergenti).

Personalmente preferisco guardare oltre l’investimento di breve termine. Mi concentro sul “grande scenario”, studio e comprendo il trend primario dell’oro.

Ho fatto mio l’insegnamento di uno dei piu’ grandi trader di tutti i tempi del mercato azionario. Sto parlando del Grande Jesse Livermore.

Livermore diceva: “I grandi guadagni non consistono nell’approfittare delle fluttuazioni giornaliere dei mercati, ma nell’INDIVIDUARE I GRANDI TRENDS, I GRANDI MOVIMENTI (BIG MOVEMENTS)”. 

Devi concentrarti sul “grande quadro”, sulle masse d’acqua profonde e sotterranee che muovono il mercato di lungo periodo; non concentrarti sulle masse d’acqua superficiali e la loro schiuma.

Individuo un trend di lungo termine (qui su Deshgold studiamo e tracciamo i Cicli Naturali interni ai mercati. Cicli che fanno parte dei mercati da centinaia di anni e che hanno una estensione rialzista che va dai 13 ai 20 anni); pertanto mi concentro sugli scenari macroeconomici di lungo periodo e adotto strategie d’investimento adeguate a quella visione.

Jesse Livermore diceva che il “trading e’ il lavoro piu’ affascinante del mondo. Ma non e’ un lavoro per gli stupidi, i mentalmente pigri, per persone di inferiore equilibrio emotivo o avventurieri che pensano di diventar ricchi in poco tempo. Questi, invece, moriranno poveri”.

Ancora Livermore: “devi saper star seduto, FERMO! HAI CAPITO? Devi stare fermo! Una persona puo’ vedere giusto e chiaro, pero’ puo’ divenire impaziente quando il mercato lo fa attendere. Non e’ che il mercato lo batte. SI BATTE DA SOLO, perche’, nonostante abbia cervello, non e’ capace di stare fermo e seduto”.

“Un trader, oltre a studiare le condizioni del mercato, deve tenere conto della psicologia degli altri partecipanti al mercato, deve anche CONOSCERE SE STESSO, e far fronte alle PROPRIE DEBOLEZZE. Non c’e’ alcun bisogno di arrabbiarsi, perche’ si e’ umani”.

Livermore, ci sta dicendo che dobbiamo conoscere noi stessi e i nostri limiti e non immaginare di essere di piu’, altrimenti cadremmo nella presunzione.

Saggezza vuole che tu riconosca che “si e’ umani”; pertanto devi fare tua la virtu’ della PRUDENZA e della MODERAZIONE.

Nemici del trader, secondo Livermore, sono l‘IGNORANZA, L’AVIDITA’, LA PAURA E LA SPERANZA.

Un’ultima cosa degli insegnamenti di Livermore. Mi piace questa suo aforisma: “quando si fa questo mestiere, non ci si puo’ permettere di avere opinioni rigide. Occorre avere una mente aperta e tanta flessibilita’”. 

Devi sapere che, una volta identificato il trend primario, questo sara’ amplificato dalle fluttuazioni (sia ribassiste che rialziste) provocate dagli operatori di breve termine che investono nei mercati a termine (futures). 

Sui mercati a termine (ovvero sui mercati dell’oro di carta – paper gold), come per esempio al Comex di New York, questi grandi fondi speculativi (EFT ed Hedge Funds), operano mediante enormi leve finanziarie che amplificano i movimenti al ribasso o al rialzo.

Se segui l’esempio che ho fatto sopra, il trend primario e’ paragonabile alle acque profonde e sotterranee che muovono il mare o un fiume; la speculazione, e’ paragonabile alle masse d’acqua superficiali.

IN CONCLUSIONE

Se decidi di investire nel lungo termine non devi lasciarti spaventare dalle oscillazioni ribassiste anche se violente nel loro manifestarsi.
I grandi fondi speculativi determinano queste fluttuazioni; ma e’ il trend primario CHE DETTA LE REGOLE NEL LUNGO PERIODO: esso e’ mosso dal gioco della domanda e dell’offerta dell’oro fisico reale. E’ questo trend che devi monitorare attentamente per guardare oltre l’orizzonte di breve termine.

La speculazione, si adegua al trend primario, anche se a volte ne devia le traiettorie. Dal 2000 ad oggi l’oro e’ decollato e la speculazione si e’ adeguata al trend.

Sappi che la speculazione puo’ giocare anche a tuo favore. Essa puo’ muovere il prezzo dell’oro al rialzo e in modi particolarmente spettacolari.

Ti ricordi quando tra il mese di agosto e meta’ settembre 2011, l’oro balzo’ in avanti di circa 220$ raggiungendo il record a $1.921,00? Chi pensi che abbia potuto “mandare sulla Luna” il prezzo del lingotto? I fondi speculativi, che operano in leva finanziaria sui mercati a termine.

Livermore diceva che devi essere flessibile. Nel caso citato sopra, se tu avessi acquistato oro a $950,00 per oncia a settembre 2009 e lo avresti rivenduto a inizio settembre 2011, avresti avuto un ottimo guadagno in appena due anni,  senza aspettare decenni d’investimento. Grazie agli speculatori sui mercati a termine.

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

12 COMMENTI

  1. Fantastico come articolo specialmente sulla frase “devi saper star seduto, FERMO! HAI CAPITO? Frase che stamperò e lo appenderò davanti al computer.

    • Ho acquistato un barattolo di colla, così riuscirò a star seduto anch’io.

  2. Ieri ho letto un articolo dove si ipotizza che il gold in seguito ad un’ulteriore manipolazione possa raggiungere in estate i 1050 $ oz. Mi auguro che non accada e resto convinto sulla tenuta dell’average marginal cash cost. Questo è il link all’articolo: http://www.safehaven.com/article/33289/commodities-another-leg-up-with-gold-setup-for-a-final-takedown
    Ma che senso ha tenere basso il prezzo del gold quando il mercato lo chiede in quantità che sono superiori alle tonnellate estratte annualmente? …. è un assurdo che porterà l’occidente a perdere l’unico denaro che può sopravvivere alle tempeste finanziarie.

  3. Se è per questo ho sentito di peggio, che dovrebbe arrivare a 700 USD. La cosa che mi fa rabbia è che i ribassi si hanno sempre dopo che uno ha acquistato. Chi se lo immaginava!

    • A 700 oz è impossibile. A 1050 è possibile ma solo perchè hanno fatto cartello le banche centrali. Tuttavia, come ho già detto, credo che la tenuta dei costi di estrazione riuscirà a deludere i manipolatori. Vogliono ottenere l’impossibile stravolgendo il mercato e dati statistici consolidati da molti decenni. Vedremo come andrà a finire.

  4. Buongiorno a tutti.
    Dopo aver girato per un mese dal nord america al sud america vi confermo che mettere i propri risparmi in oro e argento un giorno, forse ancora lontano, farà sicuramente la differenza. La crisi che si vive in Italia più o meno, con connotati diversi e modalità diverse da paese a paese, la vivono quasi tutti gli Stati che ho visitato, con timing differenti, ma come si dice il punto di arrivo è tracciato per tutti, mentre la traiettoria è diversa.
    Comunque tenere il prezzo dell’oro basso, e volatile, ha un vantaggio per le banche centrali: quello di attirare i risparmi e investimenti dei piccoli investitori nei vari prodotti finanziari, in altre parole nel mercato dell’equity, così il pesce grande si mangia il piccolo.
    Alla fine io preferisco che l’oro e argento restino bassi ancora per un bel pò, almeno ho più tempo per accumulare riserve pregiate e collocarmi nel nuovo assetto socio-economico, per quando un giorno il mondo che conosciamo cambierà radicalmente.
    Resto sempre dell’idea che l’oro e l’argento non siano gli strumenti più performanti per speculazioni nel breve-medio termine, ma questi devono essere visti più come una sorta di forma pensionistica che può sopportare gravi crisi economiche, inflattive e problemi di liquidità per necessità.

  5. Ciao Alessandro, dal venditore tedesco che mi hai consigliato Gold Dreams Edelmetalle ho fatto vari acquisti tutti superiori alle mille euro che mi avevi consigliato. Son rimasto contento, hanno anche velocizzato i tempi di consegna, ottimi prezzi, specie per l’argento, ma anche per l’oro.
    Da quell’altro poi non ho più acquistato, non si riusciva nemmeno a comunicare!Quindi se è come dici tu che per il breve-medio termine non si riesce a speculare con l’oro e l’argento, possiamo dire addio all’idea di raccogliere i frutti a palate per la fine di questo ciclo, vale a dire per i due tre anni che ci si era preposti!Spero di no, sarebbe un peccato attendere soltanto l’età pensionabile, anche se all’inizio io temevo proprio questo, cioè che partecipavamo alla storia, ma che i nostri frutti li avrebbe raccolti qualcun altro..

    • Andrea guarda la sfera magica non la possiede nessuno, quindi tutto può succedere. La storia si scrive giorno per giorno, ed è sempre una storia nuova e distinta dal passato. Il passato aiuta solo a fare previsioni, cioè fatti che possono verificarsi.
      Non ti abbattere io ho comprato la prima oncia d’oro a fine 2002 al prezzo circa di 550 Euro oggi vale tranquillamente 1250 a rivenderla, potevo venderla a 1800 euro non l’ho fatto e vivo ugualmente. Sono passati 12 anni è il guadagno c’è sempre.
      Tutto può succedere con il sistema economico attuale, drogato, e fuori controllo dalla realtà dei comuni mortali.
      Ora Andrea te possiedi qualcosa, oro e argento, che non sono tassabili, rintracciabili, facilmente vendibili in tutto il mondo ed al sicuro da scossoni di borsa il tuo oro non si autodistruggerà a diferenza delle azioni o bonds. Pensa se con i soldi investivi ti compravi un’immobile: possibile aumento IMU per riforma catasto, ulteriore patrimoniale per fare cassa, bene non vendibile facilmente, anzi ti costava soldi tutti i mesi. Oppure possedevi titoli tossici o subivi un crollo di borsa pilotato dalla FED e company. Questa situazione era molto peggio di quella di dover aspettare al massimo un decennio per vendere i gioielli di famiglia?
      Tranquillo che nel giro di 10-20 anni il tuo oro e argento aquisterà tanto valore.
      Per i mercati il breve periodo e domani, il medio periodo qualche mese o anno il lungo periodo nessuno sa di fatto quando arriverà.
      I mercati sono sistemi complessi è in continuo divenire, ma allo stato attuale sono destinati a morire perchè la crescità infinità non può esistere in un pianeta finito con popolazione che lentamente diminuirà.

      • Hai ragione, per lo meno ho messo i miei risparmi al sicuro. Però un po’ ci credevo che tra un due tre anni ci fosse la fine del ciclo attuale, ma a causa della fottutissima Fed sembra non avere mai fine. tanto si sa, non serve a nulla la previsione statistica, è la Fed che detta le regole e le cambia a proprio piacimento. Hanno già deciso loro quando sarà il caso di far decollare i metalli, per ora non se ne parla nemmeno..

  6. Ah… ah.. il GOFO è tornato negativo!! … sarà dura per il dollaro combattere il gold!!
    Qui trovate l’articolo in inglese: http://www.ingoldwetrust.ch/gofo-turned-negative-again-the-consequences

    • Ciao Luigi, Cosa è il Gofo?

      • Il GOFO è l’abbreviazione di Gold Forward Offered Rate. In termini molto semplici lo si può comprendere tramite questo esempio che ho ripreso da Rischio Calcolato.
        Se il GOFO rate è positivo, l’utilità di prendere dollari in prestito è maggiore di quella di prendere oro in prestito, per un determinato periodo.
        Se il GOFO rate è negativo, l’utilità di prendere oro fisico in prestito è maggiore di quella di prendere dollari, per un determinato periodo.
        Quindi chi opera su questo mercato volendo a tutti i costi vendere oro ci rimette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Una panoramica sull’offerta mondiale di Oro (prima parte)

Se sei un investitore di lungo termine in oro, e' essenziale che ti documenti circa l'offerta mondiale dello stesso, in...

Chiudi