Barometro Oro: 26.Ott.2013


L’oro ha aperto la settimana a $1.316,90 e ha chiuso a $1.352,90.
Al Comex di New York, i contratti futures sull’oro, per consegna dicembre sono quotati a $1.352,50.

Resistenze e supporti: Prima resistenza posta a $1.365,00, seconda a $1.375,00 e terza a $1.400,00; primo supporto posto a $1.300,00, secondo a $1.285,00 e terzo a $1.255,00.

Gli avvenimenti piu’ importanti della settimana

Venerdi’, il lingotto ha rotto al rialzo l’importante resistenza posta a $1.350,00. Questa violazione al rialzo suggerisce un possibile ulteriore balzo, a breve termine, verso il prossimo target posto a $1.400,00.

L’oro ha stabilito una base solida attorno all’area posta ai $1.300,00.

Abbiamo osservato lievi cedimenti intorno ai $1.330,00. Vicino a quell’area, la forza ribassista sembra non avere piu’ spinta a causa della domanda proveniente da grandi acquirenti e dai cosiddetti “cacciatori d’affari a sconto” (bargain hunters – grandi fondi che acquistano nelle fasi di ribasso).

A livello di analisi tecnica, pertanto, la dinamica posta in essere dal metallo giallo, nelle ultime due settimane, appare estremamente rialzista. 

L’oro e’ stato sostenuto anche dalle quotazioni del dollaro, particolarmente deboli questa settimana.
Il dollar index e’ scivolato sotto la soglia psicologica posta a $80, terminando la settimana a $79,210.

A supportare le quotazioni del mercato dell’oro, due fattori: la prossima riunione della FED (prevista per settimana prossima) e il continuo deterioramento dei conti pubblici degli Stati Uniti.

Durante la prossima riunione della FED, il suo braccio operativo (il FOMC), optera’ per lasciare inalterato il piano d’acquisti di assets mensili (pari a 85 miliardi di dollari).

Il cosiddetto “tapering” (piano di ridimensionamento dell’espansione monetaria), pare quindi destinato a rinviarsi a data da destinarsi (a nostro avviso, il ritmo d’acquisto di assets potra’ solo aumentare in futuro, e in modalita’ altamente esponenziale).

Un punto di non ritorno (come ti trasformo 224 anni in soli 8 anni!)

Il debito pubblico degli Stati Uniti (altro fattore rialzista per il metallo giallo), sembra ormai aver raggiunto il “punto di non ritorno, con un aumento dello stesso che non conosce piu’ alcun freno.

Il debito pubblico americano, con l’innalzamento del tetto del debito (debt ceiling), ha superato la soglia psicologica dei 17 trilioni di dollari.

Tale debito, nei giorni scorsi ha toccato un nuovo record: un aumento giornaliero di $328 miliardi di dollari, surclassando il record precedente pari a $238 miliardi in un giorno.

Sotto la Presidenza di George W. Bush, il debito pubblico tocco’ i 10 trilioni di dollari americani: durante gli 8 anni di Obama, il debito pubblico potrebbe (ed e’ avviato) a toccare i 20 trilioni di dollari (un aumento di 10 trilioni in soli 8 anni!).

Ci sono voluti ben 224 anni e 43 Presidenti (dal 1789 al 2008) affinche’ il debito pubblico USA, raggiungesse i 9 trilioni di dollari. Barack Obama, in due mandati presidenziali, ha surclassato ogni record, piu’ che raddoppiando il debito pubblico in appena otto anni (pari a due mandati Presidenziali).

Le dinamiche del debito pubblico in atto, ci suggeriscono che entro la fine del secondo mandato (2016), il debito pubblico USA avra’ raggiunto i $20 trilioni di dollari.

La fine del dollaro non e’ questione di se, ma di quando.

L’indebolimento della valuta USA sta spingendo la Cina (maggiore detentrice di titoli del debito a stelle e strisce) a un accumulo straordinario di oro al fine di compensare le perdite valutarie sugli assets detenuti in dollari e per rafforzare lo yuan, con la finalita’ di far divenire la valuta cinese moneta di riserva mondiale.

La Cina sta accumulando oro, al ritmo di 1700 tonnellate annue. Entro i prossimi 3 anni la Cina potrebbe accumulare ulteriori 5000 tonnellate di metallo giallo.

Con ogni probabilita’, nei prossimi anni avremo una valuta di riserva mondiale alternativa al dollaro. Lo Yuan cinese.

Una volta che il dollaro avra’ perso lo status privilegiato di valuta di riserva primaria, gli USA non saranno piu’ in grado di stampare dollari in modo indiscriminato come fanno attualmente.

A quel punto, gli Stati Uniti saranno costretti, giocoforza, ad innalzare in modo spaventoso la pressione fiscale per rientrare dal debito e a portare in alto i tassi d’interesse. 

Se non saranno in grado di fare cio’ (e non lo saranno, perche’ il combinato disposto di queste due azioni farebbero cadere in depressione economica gli USA), l’impero americano potrebbe collassare a causa dell’iperinflazione. 

Ritornando sul fattore Cina, nuova potenza globale economica e finanziaria, vi mostriamo un grafico per evidenziarvi le tendenze globali in atto. Esso evidenzia le uscite (output) di oro dai fondi ETF e gli acquisti (input) di oro da parte della Cina, da gennaio ad agosto di quest’anno.

Come potrai notare, l’output di oro degli ETF e’ piu’ che compensato dagli acquisti cinesi (il ritmo degli acquisti sono addirittura doppi rispetto ai deflussi degli ETF)

 

 

Di quante prove abbiamo ancora bisogno per comprendere l’enorme trasferimento di potere che sta avvenendo tra occidente e oriente?

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

18 COMMENTI

  1. Gistissime le osservazioni dell’articolo. Solo la presunzione dell’impero poteva nascondere la verità agli stolti. Questo è un vero e proprio cambio della guardia tra occidente ed oriente. Troppi errori in passato sono stati fatti, troppo disprezzo verso il lavoro umano a vantaggio della finanza che non crea ricchezza reale. E allora “la reliquia barbarica” torna sovrana. E’ così “E’ sempre stato e continuerà ad essere nei secoli a venire”.

    • Alla faccia della stampa indiscriminata di pezzi di carta e alla faccia del Dollaro!

      • Mattocci sei un grande, l’impennata sta seguendo esattamente finora le tue previsioni sul grafico del testa e spalle rialzista!

        • E i due minimi che si vedono nel grafico di Mattocci dovrebbero essere quelli di novembre. Ora siamo diretti a 1400 $ oz. Quando il gold sarà tornato sul trono lo vedremo crescere con una forza incredibile. Ogni giorno che passa ci avvicina alla meta.

  2. Stamattina compero “Il Sole 24 Ore”. Vado a pag. 32 dell’inserto “Finanza e Mercati” e leggo un breve articolo a firma Balduino Ceppetelli intitolato “L’oro torna a scendere”………”dopo massimi toccati da tre settimane, l’oro torna a scendere”:….Ma a che ora del giorno li redigono i report? E’ vero che a meta’ giornata di venerdi’ il metallo giallo era sceso sotto (di poco) i $1.340,00, ma poi ha finito in ralzo (per la giornata) a $1.352,90…….

    Ancora non ci riesco a credere………….provate per credere, prendete una copia del giornale!

    • per capire il “taglio” dato ad un giornale, basta vedere chi sono i suoi “veri” clienti. I clienti di un giornale, contrariamente a quello che si pensa, non sono MAI i suoi lettori, ma i suoi inserzionisti. Da questo possiamo dedurne molto. 😉

    • RICK, QUASI PUOI PRENDERE COME REGOLA PRINCIPALE CHE SE I MEDIA DICONO CHE DOMANI FARÀ MOLTO CALDO, ASSICURATI DI USCIRE DI CASA CON I GUANTI ED IL PASSAMONTAGNA.

      QUELLO CHE IL GOVERNO DICE DI STAMPARE SI DEVE STAMPARE.
      LE BANCHE SONO IL PADRONE DI CASA ED I POLITICI SONO LA SERVITÙ.

      CIAO DANILO

  3. Ti credo ed è incredibile. Forse servirà per tenere lontane le persone dal mercato … ma ormai per poco. Se penso che con il tapering si sono riempiti la bocca per tutta l’estate per scoraggiare gli investitori in oro mi arrabbierei anche. Mancano ancora due mesi a fine anno. Vedrete che per il 31 di dicembre, il 2013 non sarà stato poi così cattivo per gli investitori. Forse proprio grazie alle informazioni che si trovano in rete su internet.

  4. Ciao come sai non è da molto che ti seguo , condivido le tue idee , mi dispiace che cè molta gente che io frequento non riesce ad entrare in questa ottica di idee anzi ti dà del matto .

    • ANTONIO, IN UN MANICOMIO L’ANNUNCIO DELLO STESSO ( OSPEDALE NEUROPSICHIATRICO ) È SCRITTO ALL’ESTERNO, FUORI DAL CANCELLO PRINCIPALE SULLA STRADA E POI ALL’INTERNO DI UN MANICOMIO A SENTIRE DEI PAZIENTI C’È UN SOLO PAZZO, IL DOTTORE.

      DANTE / DIVINA COMMEDIA / CANTO TERZO HA SCRITTO: ” NON TI CURAR DI LORO, GUARDA E PASSA.

      CIAO DANILO

  5. Vai 1360!Crepa dollaro!

    • Più su … sempre più su.. fino ad incontrare Dio… e gli domando io signore? perchè ci tocca lavorare per dei pezzi di carta se le banche non li pagano nulla e a noi li danno a debito? … Signore?? … Lui rispose di: “convertirsi… che venuta l’ora della fine dei cambiavalute … convertirsi in oro e argento… affinchè il vostro lavoro non venga derubato da questi impostori” 🙂

  6. Sale, scende, sale e scende, non ci si capisce più nulla se sia in rialzo o in discesa.
    Secondo me quei gran maiali stanno cercando di nuovo di farlo precipitare al minimo…

    • Buongiorno Andrea, il GOLD si sta preparando per il rialzo, dopo l’annuncio FOMC delle ore 19,00 di oggi, SUI FED FUNDS e il programma acquisti bonds, attualmente pari a 85.000.0000.0000 di $ mensili, che non SARA certamente ridotto, anzi la prospettiva e’ che a breve sarà anche aumentato.

      GOOD trading a TUTTI.

      LOUIS M.

    • Si Andrea, la curva ribaltata verso l’alto, nel grafico di Luigi Mattocci, sembra non venire rispettata. Ma questa è solo una ipotesi grafica che per ora conferma il trend generato dall’inversione che nessuno si aspettava. I movimenti giornalieri possono anche discostare da questa analisi grafica. Di fatto la previsione di Luigi Mattocci ha funzionato. Vedremo oggi con l’uscita dei dati del FOMC cosa succederà. Credo che se guarderemo in futuro il grafico in questione confrontato con quello reale la tendenza sarà quella, forse solo un pò dilatata nel tempo, di giorni non di mesi.

  7. Direi che niente di nuovo è emerso dal FOMC ma l’illusionismo continua… però con sempre minor effetto. All’uscita delle dichiarazioni c’è stato un movimento al rialzo del $ e una discesa del gold che stanno però ritracciando. L’illusionismo avrà sempre minor peso!! inoltre il GOFO è negativo da 11 giorni.

  8. La Fed in ottobre, ha aumentato il ritmo di acquisti di assets, portandoli a 100 miliardi al mese contro gli 85 del mese scorso. Quindi le misure “accomodanti”, stanno divenendo “ultraaccomodanti”: Ma gli operatori sui mercati che fanno? Vendono. Paradossale. Speculano su quando il “tapering” avra’ inizio…..

    Leggete questo articolo.

    http://www.wallstreetitalia.com/article/1638822/mercati/misure-ultra-accomodanti-della-fed-aumentano-anziche-diminuire.aspx

    Riccardo G.
    Analyst & Research
    http://www.deshgold.com

    • Qui le parole non servono. E’ assurdo come questa notizia sia passata inosservata. Temo con dispiacere che il ritorno alla realtà sarà davvero terribile. 🙁
      Le banche hanno creato la crisi ed ora giocano col destino di milioni di persone. 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
Il colosso JPMorgan dice: “Comprate Oro”

JPMorgan Chase & Co. è una società finanziaria con sede a New York ed è leader nei servizi finanziari globali....

Chiudi