Barometro Oro: 20.Set.2014

L’oro ha aperto la settimana a $1.230,70 e chiuso a $1.216,40.
Al Comex di New York i contratti futures per consegna novembre sono quotati a $1.216,30.

Questa settimana il metallo giallo era riuscito a trovare un valido supporto ai movimenti ribassisti intorno quota $1.225,00 per poi calare ai livelli piu’ bassi visti a inizio gennaio di quest’anno.

La prossima soglia di supporto-chiave si trova a $1.200,00; un eventuale sfondamento al ribasso di questo importante limite minimo psicologico aprirebbe la porta a quota $1.180,00 – $1.150,00 (anche se, a mio parere, il lingotto dovrebbe riuscire a mantenere quota $1.225,00).

Difatti e’ fondamentale sottolineare che la media mobile di lungo periodo dell’oro (a 400 settimane) posta all’interno del canale tra un massimo di $1.250,00 e un minino di $1.200,00 (esattamente a $1.233,47), non ha subito alcuna variazione significativa questa settimana, nonostante la riduzione dell’espansione monetaria attuata dalla FED (portando gli assets finanziari in acquisto mensile a $15 miliardi di dollari, contro i precedenti $25).

Dai un’occhiata a questi grafici di lungo periodo dell’oro (clicca per ingrandire):

gold400average

 

gold440average2

Il mantenimento di questa soglia di lungo periodo, a mio parere, gioca a favore del metallo giallo nonostante il “sentiment” sia assolutamente negativo in questo momento.

La “forza” relativa del dollaro (come spiegavo nella precedente puntata), contro tutte le altre valute (sterlina britannica, euro, yen giapponese, franco svizzero, dollaro australiano) sta giocando contro il lingotto, il quale ha un rapporto di relazione inversa con il biglietto verde.

Tutti in guadagni realizzati da inizio anno dall’oro sono praticamente stati spazzati via.

Il quarto trimestre e’ un periodo (a livello statistico) favorevole per l’oro, grazie agli acquisti di preziosi durante le festivita’ indiane, cinesi e il periodo natalizio in Occidente.

Ma non vedo profilarsi all’orizzonte un rimbalzo del lingotto in questo periodo: le quotazioni dell’oro rimangono “depresse” non solo contro il dollaro americano ma anche contro la sterlina britannica, l’Euro e lo Yen:

sterlinaorosett

 

sterlinaeurosett

 

yenorosett

IL RAPPORTO TRA L’ANDAMENTO DEL DEBITO PUBBLICO USA E L’ORO

Se l’outlook di breve termine dell’oro e’ negativo, l’outlook di medio-lungo-termine rimane, invece, positivo.

Le quotazioni dell’oro sono strettamente correlate all’andamento del debito pubblico USA.

Dal 2000, ovvero da quando il debito pubblico USA ha cominciato la sua inarrestabile marcia, l’andamento del lingotto, corre parallelo proprio all’evolversi del debito statunitense.

E quest’ultimo, e’ in netto deterioramento: da settembre 2013 a oggi (in un anno), il debito pubblico USA e’ aumentato di 1 trilione (mille miliardi).

Dai un’occhiata al grafico dello sviluppo del debito pubblico statunitense, correlato alle quotazioni dell’oro (clicca per ingrandire).

usdebtvsgold

Come potrai osservare, dal 2011, le quotazioni dell’oro riscontrano una deviazione rialzista rispetto all’andamento del debito USA.

Questa deviazione rialzista dura due anni, fino al 2013; da quel momento a oggi le quotazioni dell’oro mostrano, invece, una deviazione ribassista rispetto all’espansione del debito USA.

Cio’ sta a significare che le quotazioni dell’oro attualmente non rispecchiano l’andamento del debito pubblico USA, il quale sta aumentando in modo assolutamente vertiginoso.

Una tale divaricazione non puo’ essere a lungo sostenuta, e pertanto, l’oro e’ destinato a risalire riequilibrando il rapporto con l’andamento del debito statunitense (e per converso il biglietto verde e’ destinato, per necessita’ storica, a declinare di valore).

E il debito pubblico statunitense attuale non e’ nulla se lo confronti con le “passivita’ fluttuanti” (unfunded liabilities – ovvero le spese sanitarie e pensionistiche future, a cui la nazione statunitense dovra’ fare fronte nei prossimi decenni: oltre $200 trilioni (duecentomila miliardi di dollari)).

Inoltre, dai un’occhiata all'”orologio del debito americano” (U.S. Debt clock); proprio al “centro” troverai il debito totale degli USA (US Total Debt); ovvero, la somma del debito pubblico e il debito privato americano.

Come puoi vedere, il totale dei due debiti ammonta a oltre 61 trilioni (61.000 mila miliardi) di dollari.

Tieni sempre d’occhio il “grande quadro” (big picture) se sei un investitore in oro fisico di lungo termine. Non farti prendere dal panico dai cicli ribassisti all’interno dei trends di lungo periodo.

Guarda il grafico sotto. Esso prende in considerazione il rapporto di valore tra dollaro e oro (linea gialla) e tra Euro e dollaro (linea bianca – fino al 1999 l’Euro non esisteva come moneta, pertanto, per gli anni antecedenti, e’ stato preso come riferimento il marco tedesco contro dollaro).

dollargoldeuro

Puoi notare l’aumento stratosferico di valore del metallo giallo nei confronti del dollaro, in particolare negli ultimi 14 anni.

Oggi, un investitore americano che ha intenzione di acquistare un’oncia d’oro, la paga il 450% in piu’ rispetto al 2001!!!

Nonostante la “forza” recente del biglietto verde, esso rimane ai minimi del suo valore contro il lingotto, a partire dalla data di non convertibilita’ del dollaro in oro, decisa dal Presidente Richard Nixon, il 14 agosto 1971.

 

 

Disclaimer: Non è data nessuna garanzia. Sei il solo responsabile per qualsiasi azione decidi di avviare sul mercato. Le informazioni sono fornite con intento sincero e secondo i nostri studi e metodologie.

Hai apprezzato l'articolo? Condividi o commentalo:

L'autore: Riccardo Gaiolini

Appassionato di mercati finanziari e di analisi tecnica intermarket, integro queste materie con lo studio della strategia geopolitica, estendendone i concetti in un’unica materia interdisciplinare.

27 COMMENTI

  1. Buongiorno, non sono tanto d’accordo sull’articolo, mentre mi complimento con tanti altri che ho visto negli ultimi mesi.
    La media indicata non v’ha ragion d’esistere. Si prende il grafico trimestrale del gold e si usi una media (anche quella delle bande di bollinger) e la si tari a 15 periodi. Essa è l’ideale perché fa da spartiacque al trend rialzista 1999 2011. Viene leggermente toccata dal ribasso 2008. Ora essa è a 1468 in questo istante. Siamo in pieno beartrend. Niente scuse. Molto umilmente il sottoscritto ha scritto ben prima altrove poi qui sul vostro illustrissimo sito che l’oro andava giu’. I target sono chiari o va appena sotto i 1000 oppure a 700. L’argento ha gia’ messo in chiaro le carte con target a 13-12. Anche le bande sono lì per accogliere l’imminende down trend. Il problema è che siete andati contro trend. Questo perché gia’ in altri siti scrivevo gia’ dal 2010 che Usd era in ciclo di rinforzo fino al 2016 (primi mesi) con sequenzialmente almeno fino al 2015 ci si deve attendere un indebolimento dell’oro.
    Il down trend partito nel 2011 era abbastanza chiaro perché dal 1999 vi erano le famose 5 onde elliottiane (che a onor del vero non avevo individuato al top ma un po’ piu’ sotto).
    Questo è anche giustificato dal fatto che il calo del 2008 è una onda 4 di qualche grado e solitamente dopo una 5 di qualche grado vi è uno storno di tale movimento che va a prendere il top della 3 precedente di qualche grado. La probabilita’ è che il movimento sia un A-B-C-D-E con E in formazione. Qualora non fosse così vi sarebbe un uptrend che non supera i 1450 per poi andare a 1000.
    Poi si sa che la finanza è tutt altro che facile e potrei anche sbagliarmi.
    Non concordo con l’affermazione del debito americano perché a) puo’ benissimo essere una correlazione spuria. Infatti la correlazione salta come detto giustamente da voi negli ultimi anni. Invece l’oro per la sua duplice caratteristica di commodity e di mezzo di pagamento “alternativo” alle currency misura semmai la forza della valuta dominante. Come detto il dollaro è in ciclo rialzista nei confronti di tutte le monete (target a 1 nel 2016). Se prendiamo un grafico del debito pubblico americano post guerra e lo confrontiamo con l’oro notiamo palesemente che tale affermazione non ha senso.
    Poi l’affermazione che dal 1999 si paga 400% in piu’ l’oro è abbastanza bizzarro. Avrei detto semmai che dal 1999 avrei ottenuto nel Crude il 760%, il copper fa lo stesso dell’oro, pure con Lean hogs, fino a pochi mesi fa ottenevo lo stesso con l’Oats. E se un americano avesse investito in Argentina? Beh con cambio a 1 nel minimo del 2001 e oggi a 8, con valore minimo di circa 202 e oggi 11580 avresti al cambio del 2001 un valore di 1447 ovvero 700%. Come si vede l’oro non è il top….e parliamo dell’Argentina :))))))))).
    Un cordiale saluto.

    • Caro Bullfin,
      devo essere sincero: non ho capito quasi nulla di quanto hai scritto, ne’ della tua analisi. Ma, evidentemente, la colpa e’ mia che non riesco a comprendere.
      Per quanto riguarda la media mobile, e’ una media mobile di lungo periodo, poi tu puoi analizzare l’oro o altre commodities con altre medie mobili, di breve, medio e lungo periodo e trarne le tue conseguenze.
      Ho scritto, e mi pare di non essere smentito, che attualmente l’oro e’ in fase “orso” (ci mancherebbe che scrivessi il contrario in questo momento) quindi non riesco a capire le tue critiche in proposito.
      Per quanto riguarda il rialzo dell’oro dal 2000 a oggi: tu hai comperato la tua prima oncia d’oro nel 2000? Quanto la pagavi in quella data? E quanto la paghi ora?
      Puoi forse smentire che, dal 2000 a oggi, le quotazioni dell’oro, prezzate in dollari, sono salite del 450%?
      Ragazzi, bisogna che decidiate che tipo di investitori volete essere, se di breve termine (fare trading speculativo sull’oro, e allora dovreste agire di conseguenza), oppure di medio-lungo termine (e di conseguenza agire con altre modalita’ e finalita’).
      Se non si e’ chiari con se stessi, tutti i discorsi e analisi sull’oro, o sulle altre commodities, azioni e bonds, che dir si voglia, hanno valore relativo.

      Ciao

      Riccardo
      Analyst & Research
      http://www.deshgold.com

      • Ciao Rick, faccio una doverosa premessa. Leggo sempre i tuoi articoli e taluni sono magnifici. Pero’ su quegli magnifici non ho nulla da aggiungere ed intervengo su quelli che noto delle cose che per ME stonano. Detto cio’ comprendo che non abbiate capito tanto. Come detto in altro intervento dovrei postare un grafico. Se mi permettete vi faccio capire con un piccolo post o articolo ma dovete abilitarmi a mettere grafici (doverosamente pero’ vi avviso che non ho intenzione di pagare la fee al vostro gruppo-sito, quindi una cosa fatta come liberalita’ :))). Poi vedete voi. Sicuramente avete l’approccio giusto ed in specie Gennaro con il suo mass media contrarian oltre che avete portato elementi che francamente non conoscevo (es. la durata delle valute leader del mondo: quello è stato un articolo che mi ha illuminato). Un caro saluto.

        • Ciao Bullfin. Se ci giri un articolo scritto in parole semplici e leggibile per tutti, sono felice di riproporlo qui su DeshGold.com per tutti i lettori (con tanto di tuoi grafici).

          Mi piace portare diverse prospettive ai nostri lettori. Ben vengano le diversita’ di studi o di visioni se sono supportate da educazione e dati concreti 🙂

          Puoi inviare la mail a questo indirizzo: assistenza@deshgold.com

          • Grazie Gennaro, la tua gentilezza e saggezza ti ergono ad esempio nell’oceano di internet, non sempre popolato da persone per bene. Appena ho un attimo di tempo (lavoro un po’ lontano da casa) ti faccio pervenire il tutto. Ovviamente, ce ne fosse bisogno, esorto gli utenti di questo bel sito di usare la propria testa e non fidarsi ciecamente di quello che scrivo (anche se cerco di essere il piu’ attento possibile, perché sono conscio che ho una responsabilita’ “morale” per coloro che vi si affidassero). Ho una buona competenza, ma di errori ne ho fatti, li faccio e li faro’ (sperem il meno possibile :)). Un saluto, ciao.).

    • Salve BULLFIN, stai ipotizzando che siamo nella fase correttiva di un Cycle di una quidicina di anni ? Io seguo le quotazioni in €, e utilizzando come chiave di lettura la Teoria delle Onde, mi sembra di poter dire che ci troviamo in una 5 ( che a partire da Gennaio 2014 dovrebbe arrivare a compimento nello spazio di 3-4 anni). Ora, e’ possibile secondo il tuo parere, che le quotazioni in $ e in € siano differite di cosi’ tanto tempo ?.
      Grazie, saluti
      Alfredo

      • Ciao Alfredo, ummm ho guardato molto velocemente. Francamente vedrei bene appena sotto 800 come primo target dello xaueur (oggi a 947). Sopra 980 direi up fino a 1050 circa. Poi da lì si vede. Effettivamente il calo fatto in questi giorni-settimane è poco incisivo (sa tanto da correzione). Sul usd gold so solo che se vuole andare sopra 1940 (insomma il top del 2011) deve trascorrere tempo perché oltre lì non ha spazio (è nella stessa situazione del crude oil quando era a 147). Un saluto.

  2. Complimenti a Bullfin per la sua analisi, anche se non del tutto comprensibile il linguaggio. Apre però la mente verso nuovi orizzonti. In fin dei conti la diversità di pensiero è bella proprio per questo. Buon week end a tutti.

    • Ciao Andrea, se è per il discorso delle onde e del grado sarebbe piu’ semplice postare un grafico e capiresti che la cosa è molto elementare…pero’ non si puo’ 🙂 ciao.

      • CIAO BULLFIN
        noto la tua competenza in matrìeria ORO come del resto tutti quelli che scrivono in questo illustrissimo sito .Ti chiedo e chiedo a chi mi leggerà e a chi vorra rispondermi, una cortesia .

        Investire la maggior parte del mio patrimonio in oro da non vendere prima di 15 anni non per speculazione ma per investimento è una cosa giusta in questo momento ? L’oro lo terrei in custodia presso l’istituto dove lo acquisterei . Ho notato da molti grafici e studiand ilmtrend degli ultimi 20 anni che l’oro comunque è sempre cresciuto quindi penso che acquistando oggi, nella peggiore delle ipotesi, fra quindi anni il prezzo dell’oro sarà quello di oggi o poco più alto quel tanto che basta per poter rientrare deicosti di custodia spesi in 15 anni .

        Questa è la mia teoria, molto spicciola mi rendo conto, che mi ha spinto a valutare questo investimento . Cosa ne pensi è una pura fantasia o è una teoria che tiene ? A che prezzo mi consiglieresti di acquistare ? Ringrazio sin da ora del tempo che mi dedicherete nel rispondermi . Grazie Mille a tutti .

        • Ciao Angel, è un blog aperto al pubblico e esprimo il mio parere. Ma non sarebbe corretto nei confronti dei titolari che mi mettessi a fare consulenza per gli utenti. Ora la mia impressione sui mercati (comprensibile o meno) l’ho messa. Comunque sebbene non nego che sono uno che ci azzecca sovente, mi sono pero’ trovato qualche volta dalla parte sbagliata (ma metto uno stop calcolato adeguatamente). Non conosco nessuna persona che ci azzecchi sempre in borsa. Posso consigliarti di studiare anche te e farti un’idea dei mercati. Qui su questo sito vi sono veramente degli elementi positivi di apprendimento. E’ comunque fondamentale che tu non ti lasci disturbare la tua scelta dai mass media…quelli sono come la peste :)…da evitare al massimo. Agli inizi seguivo un sito americano che pero’ toppava continuamente. Pero’ mi è stato utile (nonostante i soldi che ho perso) perchè ho appreso l’approccio giusto. Approccio che in buona parte vedo anche nel blog di questo sito. Un caro saluto.

          • Ok grazie mille .

  3. E tutti i cicli vanno a farsi benedire.

    • Perdonami Nicola, perché scrivi che i cicli vanno a farsi benedire?
      I cicli possono essere rialzisti ma anche ribassisti.
      L’analisi ciclica serve solo ma comprendere meglio la direzione del trend in modo da seguirlo ed evitare scontri frontali, la direzione di marcia ricordo è duplice, non è visibile ad occhio nudo, dobbiamo orientarci con altri mezzi per capire da che parte andare, dopo aver ben chiarito con noi stessi la lunghezza e durata del viaggio che si vuole affrontare.
      Con la rottura di 1240 molto probabilmente per il resto del semestre la direzione è contraria e sappiamo anche quali sono le condizioni di inversione, e che se avverrà senza la rottura di 1180 il viaggio potrà poi riprendere nella direzione up senza intaccare la nostra destinazione finale.
      Operativamente non è poco, fino al verificarsi delle condizioni d’inversione ogni rimbalzo potrà essere utilizzato per coprire le posizioni long aperte e nei pressi di 1180 (magari col fattore tempo agli sgoccioli) oppure al verificarsi delle dette condizioni d’inversione chi vorrà potrà aprire o incrementare posizioni long.

      Se dovesse rompere 1180 lo scenario principale muterebbe radicalmente ma anche in quel caso avrei livelli di prezzo e tempo minimi necessari a cogliere nuovi e prossimi mutamenti di direzione.

      L’analisi ciclica non ti toglie dal tunnel ma ti da elementi migliori per valutare se la luce che vedi è la fine del tunnel stesso o il Frecciarossa che arriva a tutta velocità.

  4. Sono abbastanza d’accordo con BULLFIN per quanto riguarda il movimento di breve-medio periodo riguardo alle onde, lui si sofferma sul triangolo ABCDE che se fosse, questa attuale di ribasso è sicuramente la 5 finale che completerebbe un’onda (4) di ribasso di lunghissimo di un ciclo più grande partito dal 2001, il target di questa 5 non è molto definibile, considerando che la trend di lunghissimo periodo passa appena sotto i 1200 sui minimi già fatti due volte e la 4 qualche volta rompe un po le trend, io vedo più un 1150/1100 di massimo nel caso di rottura, quindi ricapitolando per il ciclo di lunghissimo:

    la 1 è sui massimi di inizio 2008
    la 2 è sui minimi di fine 2008
    la 3 è sui massimi del 2011
    la 4 terminerà fra fine 2014 o massimo inizi 2015
    poi la 5 riporterà l’oro verso i massimi 2011 o anche oltre (di solito la 5 supera la 3 a meno di casi rari di failure, ma comunque sarebbe sempre verso i massimi)

    • Ciao Mario, io vedo come target di onda 5 area 1050-1065 ma ovviamente i target sono fatti per essere sbagliati. Vorrei piuttosto chiederti se possibile come vedi l’argento analizzato con le onde. La mia idea è che il max. del 2011 in area 49 USD non verrà più superato al rialzo. Grazie per l’eventuale risposta che mi darai.

      • L’argento va dietro all’oro quindi è praticamente la stessa cosa anche se su ampiezza diverse

  5. Mi ero dimenticato di dire che la 5 finale di lunghissimo, coinciderà intorno al 2018/20 con la fine del dollaro come moneta di riferimento mondiale, già in programma, e che nessun tentativo americano di destabilizzare i paesi come Ucraina e Medioriente (per fermare questo), riuscirà a fermare la storia già scritta, quindi preparatevi pure alla crisi finale, quella vera, quella che riscriverà le fondamenta del mondo.

    • Solo come personale spunto critico riflessivo/didattico
      Il tuo scenario principale prevede di essere in onda IV immagino di ordine SuperCycle (visto che parti dal 2001) con la V ending ancora da fare.
      Noto che l’estensione di prezzo, tempo e complessità di onda IV è molto più ampia di onda II e quindi mi pongo dubbi.
      Immagino però che tu abbia anche altri scenari alternativi, in caso di mancata conferma dello scenario principale
      Che ne dici di questo alternativo?
      Non potrebbe aver chiuso onda 5 di ordine inferiore (cicle?) sul max del 2011 e l’attuale onda correttiva essere onda IV (oppure II) di un Supercycle ben più ampio?
      Oppure anche non potrebbe il max 2011 essere già la V ending di SuperCycle?
      Ed essere ora in una fase correttiva più complessa?
      Hai vincoli di prezzo limite a conferma del tuo scenario principale?
      Grazie

      • No, il grafico dell’oro è un manuale di elliot, la 1 composta da 5 sottoonde, la 2 un abc di correzione, la 3 euforica con i prezzi in impennata, la 4 è sempre quella più cattiva al ribasso e la configurazione è proprio da 4.

        Quello partito dal 2001 è il superciclo di fine sistema del dollaro, solo una guerra mondiale potrà impedire questo, decidete voi cosa scegliere, anche se la fine del dominio del dollaro ( o diciamo meglio un suo ridimensionamento a normale moneta ) porterà disastri finanziari, sempre meglio dell’altra soluzione, che dite? 🙂

  6. Mario, io do ragione a Riccardo
    La media passa a 1220…2 se rompe i 1240 a breve si sale e bene.

    Buon lavoro!! E ancora complimenti

    • Leggo con interesse i post ma noto che si sta dando una eccessiva importanza all’analisi tecnica, supporti, resistenze, indicatori tecnici e quant’altro più conosciamo mentre pressocchè alcuna riflessione sull’analisi fondamentale. Entrambe dovrebbero essere studiate ed analizzate, sempre. Posto che la maggior parte di noi ritengo sia inverstitore di medio-lungo periodo su oro ed Argento fisico, l’analisi fondamentale deve rivestire preponderante interesse ed attenzione rispetto a quella tecnica. In questa fase storica, per non dire secolare, che stiamo vivendo non dovremmo mai dimenticarci del valore stratosferico del debito sovrano e privato pressocchè in tutti i continenti in continuo aumento, giorno dopo giorno, a livelli ormai difficilmente quantificabili allgebricamente, la continua e conclamata azione da biscazzieri farabutti e criminali dei manipolatori finanziari anglosassoni, la sopravvalutazione dei beni immateriali e la consequenziale sottovalutazione dei beni materiali, quali i metalli preziosi monetari, le commodities ed i beni immobiliari. Orbene, detto questo, quale variabile potrebbe mai sopraggiungere a sovvertire questo malsano equilibrio monetario e sociale? Personalmente da alcuni anni ormai attuo acquisti regolari di metalli fisici, senza preoccuparmi più di tanto dell’analisi tecnica. Se l’analisi tecnica magari ci dice che sta cadendo un fiocco di neve, l’analisi fondamentale ci sta urlando nelle orecchie che davanti a noi ci sta arrivando una valanga che ci spazzerà via come fuscelli e facendoci perdere un buon 50% dei nostri capitali e risparmi.
      Concordo con l’amico Mario che il botto finale lo vivremo verso la fine del corrente decennio magari per mano di un conflitto cercato ed innescato da noi Occidentali ormai relegati in subordine alla costruenda alleanza russo-asiatica.
      Mi sono dilungato troppo ma quanto in appresso lo serbavo da giorni in cuor mio.
      salute a tutti.

      • Complimenti per il tuo intervento Lorenzo.

    • Puoi anche avere ragione, quello che penso io è che difficile che rompa la trend di lungo periodo che passa a 1200 (leggermente sotto), comunque il più del ribasso è stato fatto, ora sono solo aggiustamenti finali

  7. se va sotto i 1100 $ quante miniere chiuderanno?
    è una riflessione da porsi!

  8. Concordo con quanto riportato da Lorenzo e Antonio.;anche se dovesse realizzarsi l’exploit dell’oro per il 2018 come puntualizzato da Bullfin, non vedo dove sia il problema attuale della discesa(a cui già siamo abituati oramai).Che poi in tal periodo si ipotizzi che ricada anche la fine del dollaro vuol dire che io intravedo soldi a valanga per tutti noi investitori!Da una parte è meglio che manchino quattro anni, almeno abbiamo più tempo per continuare ad accumulare e per pensare a come investire tutto il denaro futuro. Ricordatevi che è l’unica chance che la maggior parte di noi ha per poter cambiar vita e ricostruirsi un futuro differente. Continuate a coltivare il vostro campo di grani dorati!Nemmeno io credo che venga superati i due minimi e come Antonio credo che se si supera i 1240 si sale alla grande. Voglio solo vedere se la mia previsione che salga ad Ottobre(basata sul nulla) sia giusta o meno.

  9. Ma secondo voi fino a quanto puo rialzarsi la quotazione a fine ciclo rialzista massimo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Qui può commentare solo chi è bravo in matematica :) Completa l'operazione.

 

 

Username
Password

Design by Andrea Leti

Leggi articolo precedente:
manipolazione-del-prezzo-dell-oro
Sulla manipolazione dei metalli preziosi…

La manipolazione ribassista dei metalli preziosi porta investitori e risparmiatori ad un'errata percezione dei rischi sistemici di natura finanziaria e monetaria....

Chiudi